Fermentati & germinati. Preparare e conservare alimenti ricchi di vita

Manuela Vanni

Editore: Giunti Editore
Anno edizione: 2016
Pagine: 192 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788809819610
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 15,22

€ 17,90

Risparmi € 2,68 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Guerra ai batteri, grande contraddizione del mondo occidentale. Basti pensare che gran parte dei cibi che mangiamo ogni giorno sono frutto di una “mutazione” innescata da microrganismi. Ma se i nostri antenati non avessero imparato a controllarli, cosa ne sarebbe della dieta a base di pane, salumi, formaggi, sottaceti, vino, birra, caffè e cioccolata?

Nel giro di due generazioni il frigorifero, alleato dell’industria alimentare nella rivoluzione dei consumi, ha offuscato il ricordo di nonne affaccendate tra impasti e vasetti di conserve. Ecco che “Fermentati&Germinati”, di Manuela Vanni, vi guiderà non solo alla conoscenza di quel “fuoco freddo” che è la fermentazione ma anche alla riscoperta delle antiche radici della nostra alimentazione.

Il volume è un vero e proprio viaggio in equilibrio tra scienza e cucina attraverso la conservazione dei cibi. Armatevi di vasetti in vetro. Sale, zucchero, fermenti lattici e lieviti saranno i vostri ingredienti magici per preparazioni veloci, buone da riempire la dispensa tutto l’anno: dalle verdure in barattolo alle salsicce, dallo yogurt al formaggio, dalle salse alle composte di frutta. Ma anche impasti per pane, pizza e dolci. E bevande come birra, sidro, sherry e idromele. Ricette tradizionali ed etniche. Poi una sezione dedicata ai semi germinati, veri concentrati di sostanze nutritive.

Svitato il tappo dal vasetto, ad aprirsi saranno aromi originali e gusti autentici che, oltre ad arricchire la dieta di nutrienti facilmente assimilabili, accompagneranno pranzi, cene e aperitivi di invitanti sfizi. E impreziosiranno il corpo dei microrganismi “buoni” ormai eliminati dalla dieta omologata del “sotto vuoto”.

Recensione di Filippo Benedetti Valentini