Finzioni (1935-1944)

Jorge L. Borges

Traduttore: F. Lucentini
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1985
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788806583620
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,66

€ 11,36

Risparmi € 1,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marco

    06/04/2006 12:18:34

    All'eccellente commento di Romano de Marco toglierei solo l'aggettivo 'sconfortante'. Vicini a Pasqua, suggerisco l'ultimo racconto 'Tre versioni di Giuda'. Inoltre 'Il miracolo segreto', 'La morte e la bussola'(spesso premiato come miglior racconto giallo mai scritto), 'Le rovine circolari', 'Pierre Menard autore del Chisciotte', 'Il giardino dei sentieri che si biforcano' sono capolavori assoluti, vertici del genio umano. Chi ha sete dei piaceri dell'intelletto troverà una fonte sorgiva incessante, e non solo!

  • User Icon

    Romano De Marco

    09/01/2006 11:02:54

    FINZIONI è una lettura che ha in sé qualcosa di magico e sconfortante allo stesso tempo. Undici racconti divisi in due sezioni che affrontano temi come la scrittura, lo scorrere del tempo, la memoria, la finzione, la morte. Borges mischia queste carte con un virtuosismo sconcertante in pagine dense di simbolismi e complesse strutture geometriche dove la cultura classica si interseca con la conoscenza della matematica, delle scienze occulte, della filosofia orientale, della teologia, del fantastico. Ogni racconto, ogni pagina, aprono alla mente orizzonti sconfinati e molteplici chiavi di lettura in una forma letteraria tanto complessa quanto soave e facilmente accessibile al lettore. Una specie di miracolo di complessità resa fruibile da chiunque. In questi racconti la finzione, la dimensione fantastica, assumono una importanza centrale nella ricerca dell’uomo del superamento dei propri limiti imposti dalle convenzioni sociali e culturali, diventano quasi più reali della realtà stessa, in un gioco illuminato e illuminante che l’autore compie insieme al lettore dando sfoggio di una ricchezza culturale ed umana immensa. Ma non c’è, in Borges, compiacimento per questa ricchezza, non c’è sfoggio di superiorità nei confronti del lettore, né la cattiveria di colpirlo e disorientarlo con i propri argomenti. C’è, piuttosto, molto rispetto e la volontà di condividere un percorso “magico”, sospeso fra realtà e finzione. Una lettura IMPERDIBILE…

  • User Icon

    alberto tarable

    30/03/2001 15:52:13

    "La Biblioteca di Babele" non e' un'allegoria. (Nelle "Altre Inquisizioni" Borges si pronuncia contro le allegorie.) La figurazione dell'Universo tramite un numero infinito di sale esagonali, nelle quali e' contenuto un numero sempre uguale di scaffali, su cui e' disposto un immutabile numero di volumi, nelle cui pagine si ritrova lo stesso numero di caratteri, e' per Borges una rappresentazione realistica della realta', oltreche' di Borges. Lo immaginiamo in una di queste sale, o pozzi, la mano che corre su uno di questi indecifrabili libri, forse insensato, forse la "Divina Commedia", con un piacere che non diminuisce la cecita'.

Scrivi una recensione