Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Fiore di roccia - Ilaria Tuti - copertina

Fiore di roccia

Ilaria Tuti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 8 giugno 2020
Pagine: 320 p., Rilegato
  • EAN: 9788830455344

nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Di ambientazione storica

Salvato in 866 liste dei desideri

€ 17,86

€ 18,80
(-5%)

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Fiore di roccia

Ilaria Tuti

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Fiore di roccia

Ilaria Tuti

€ 18,80

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Fiore di roccia

Ilaria Tuti

€ 18,80

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (13 offerte da 17,86 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Con Fiore di roccia Ilaria Tuti celebra il coraggio e la resilienza delle donne, la capacità di abnegazione di contadine umili ma forti nel desiderio di pace e pronte a sacrificarsi per aiutare i militari al fronte durante la Prima guerra mondiale. La Storia si è dimenticata delle Portatrici per molto tempo. Questo romanzo le restituisce per ciò che erano e sono: indimenticabili.

«Ilaria Tuti costruisce un romanzo teso in cui nessuna parola è superflua, nessuna descrizione "decorativa": le piaghe sulle spalle martoriate delle ragazze, gli occhi "bui" dei soldati, un pasto misero consumato in silenzio, le lacrime trattenute e le poche risate sono le (bellissime) tessere di un mosaico epico e scarno insieme.» - Corriere della Sera

«Quelli che riecheggiano lassù, fra le cime, non sono tuoni. Il fragore delle bombe austriache scuote anche chi è rimasto nei villaggi, mille metri più in basso. Restiamo soltanto noi donne, ed è a noi che il comando militare italiano chiede aiuto: alle nostre schiene, alle nostre gambe, alla nostra conoscenza di quelle vette e dei segreti per risalirle. Dobbiamo andare, altrimenti quei poveri ragazzi moriranno anche di fame. Questa guerra mi ha tolto tutto, lasciandomi solo la paura. Mi ha tolto il tempo di prendermi cura di mio padre malato, il tempo di leggere i libri che riempiono la mia casa. Mi ha tolto il futuro, soffocandomi in un presente di povertà e terrore. Ma lassù hanno bisogno di me, di noi, e noi rispondiamo alla chiamata. Alcune sono ancora bambine, altre già anziane, ma insieme, ogni mattina, corriamo ai magazzini militari a valle. Riempiamo le nostre gerle fino a farle traboccare di viveri, medicinali, munizioni, e ci avviamo lungo gli antichi sentieri della fienagione. Risaliamo per ore, nella neve che arriva fino alle ginocchia, per raggiungere il fronte. Il nemico, con i suoi cecchini – diavoli bianchi, li chiamano – ci tiene sotto tiro. Ma noi cantiamo e preghiamo, mentre ci arrampichiamo con gli scarpetz ai piedi. Ci aggrappiamo agli speroni con tutte le nostre forze, proprio come fanno le stelle alpine, i «fiori di roccia». Ho visto il coraggio di un capitano costretto a prendere le decisioni più difficili. Ho conosciuto l’eroismo di un medico che, senza sosta, fa quel che può per salvare vite. I soldati ci hanno dato un nome, come se fossimo un vero corpo militare: siamo Portatrici, ma ciò che trasportiamo non è soltanto vita. Dall’inferno del fronte alpino noi scendiamo con le gerle svuotate e le mani strette alle barelle che ospitano i feriti da curare, o i morti che noi stesse dovremo seppellire. Ma oggi ho incontrato il nemico. Per la prima volta, ho visto la guerra attraverso gli occhi di un diavolo bianco. E ora so che niente può più essere come prima.»
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,69
di 5
Totale 97
5
80
4
10
3
3
2
2
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andrea

    05/05/2021 08:10:29

    Chi ha dato una stella ha recensito solo questo libro... tutto è spiegato. Probabilmente la bravissima Ilaria ha qualche "Francesco" che la disturba...:) Libro scritto molto bene, e che mi ha stupito.

  • User Icon

    Paolo

    17/04/2021 16:42:22

    Condivido la recensione "scrittura ampollosa e retorica". Uno dei pochissimi libri che non sono riuscito a finire

  • User Icon

    mary

    17/04/2021 07:29:11

    Libro meraviglioso e commovente che racconta una parte di storia sconosciuta che dimostra la grandezza e la forza delle donne. Bellissimo il finale che dimostra come l'amore vada oltre la guerra

  • User Icon

    Molto scorrevole

    12/04/2021 19:07:43

    Ho acquistato la versione digitale, l'autrice è stata capace di mescolare fantasia a fatti realmente accaduti rendendo il libro credibile ma soprattutto semplice nella lettura.

  • User Icon

    mary

    09/04/2021 05:34:42

    Libro che narra delle portatrici, donne coraggiose e forti che durante la guerra ogni giorno salivano sulla cima delle montagne a portare munizioni, cibo , e altro. Bellissima la figura della protagonista agata. Consigliato

  • User Icon

    Marina

    06/04/2021 13:27:49

    Stupita che sia definito "bellissimo"! I fatti storici meritavano di essere ricordati, ma il narcisismo che l'autrice riversa nella sua scrittura ampollosa e retorica uniti a una stentorea trama politically correct - rendono il libro un autentico feuilleton. Insopportabile e inutile. Leggete Fenoglio piuttosto!!!!

  • User Icon

    Angela

    06/04/2021 07:30:04

    Per quanto mi riguarda, con la penna di Ilaria Tuti è stato "amore alle prime righe": la sua scrittura così diretta, minuziosa, toccante, che si sofferma sui pensieri profondi della protagonista, mi ha molto emozionata e mi ha catturata attraverso le sue considerazioni, semplici e profonde insieme, sulla guerra con il suo fardello di morte e miserie, le relazioni umane, la forza morale di queste portatrici, il valore dell'amicizia, la possibilità di andare oltre ogni pregiudizio, ogni muro costruito per creare odio e divisioni, cercando un mezzo per comprendersi e avvicinarsi. Non c'è nulla di questo libro che non abbia apprezzato, dall'ambientazione ai personaggi, dalla scrittura alla protagonista, una giovane donna riflessiva, che nasconde un animo sensibile dietro a modi di fare ruvidi e a una tempra indurita da una vita poco generosa. Sono davvero felice di aver scoperto questa scrittrice e la ringrazio perché ignoravo chi fossero le portatrici ed aggiungere una tessera al mio modestissimo bagaglio di conoscenze storiche è sempre una piccola conquista. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Lorena

    31/03/2021 08:24:59

    Terminato ieri e ancora mi vengono gli occhi lucidi dalla commozione nel ripensare a questo meraviglioso libro, scritto con una delicatezza e un rispetto da pelle d'oca. Un grazie di cuore all'autrice per avermi dato la possibilità di conoscere e celebrare il coraggio di queste donne, le Portatrici. Il loro ricordo rimarrà indelebile.

  • User Icon

    cristina

    16/03/2021 09:58:27

    lo sto divorando come gli altri libri di questa autrice!! ogni storia che scrive fà nascere in me il desiderio di visitare e toccare con mano i luoghi descritti !! fiori di roccia racconta una storia che ignoravo pur essendo io friulana... fà crescere ancora di più l'orgoglio di essere nata in questa regione :)

  • User Icon

    Lisa

    14/03/2021 13:02:13

    Bellissimo. Bisogna avere stomaco per guardare l'orrore della guerra. Bene, forse ci rifiuteremo tutti di colpire un nostro fratello. Scrittura risultato di ricerca seria! Parole come in un film! Lo consiglio

  • User Icon

    Asia

    11/03/2021 15:50:15

    Bellissimo libro. Ottima scrittura e storia interessante.

  • User Icon

    LEOPOLDO ROMAN

    10/03/2021 06:57:05

    E’ una storia di donne, di sacrifici, di guerra, di amore, di illusioni e di speranza. Le protagoniste sono loro, le portatrici della Carnia, donne forti, determinate, generose, che ad un certo punto della prima Guerra mondiale, in un momento di grande difficoltà per i soldati al fronte, raccolgono l’invito di aiutarli portando loro, con delle marce estenuanti anche sulla neve curvate dal peso delle loro gerle, rifornimenti di cibo e munizioni. Vicende realmente accadute e documentate che Ilaria Tuti, con mirabile e piacevole scrittura, ha saputo ben riunire nella storia di Agata e delle sue amiche e compaesane. Storie che si intrecciano con quelle dei soldati al fronte fra amori platonici ed atti di eroismo come quello che ha visto protagonista il capitano Colman con il quale Agata aveva instaurato un rapporto di intensa intimità spirituale. Centrale al romanzo anche la presenza del nemico austriaco che conosciuto personalmente in occasione di un incontro per concordare una resa mai concessa, appare semplicemente umano, come pure umano appare perfino il malvagio cecchino Ismar, la cui vicenda imprime una svolta alla coscienza di Agata.

  • User Icon

    ormos

    03/03/2021 09:36:08

    Un grande romanzo che narra la storia, poco conosciuta, delle donne friulane che al tempo della prima guerra mondiale hanno affrontato la neve, la fame e i colpi dei nemici austriaci per assicurare rifornimenti ai soldati italiani schierati in difesa della linea del fronte. Le chiamano Trägerin: sono le Portatrici carniche, donne motivate da null’altro che sacrificio e abnegazione, curve sotto il peso delle gerle cariche di armi, munizioni e medicinali, che in cambio di poche lire e un pezzo di formaggio percorrono impervi sentieri consapevoli di quanto la loro opera risulti necessaria per la sopravvivenza e la resistenza degli uomini in divisa. Donne orgogliose ma anche fiere del proprio coraggio (“il coraggio è sempre stato il concime di questa terra. A volte, la sola cosa con cui riempire lo stomaco”). È un racconto in cui sembrano prevalere la durezza dei comandi militari, l’adempimento del dovere senza cedimenti, l’asprezza e l’odio per il nemico, ma che in realtà lascia spazio a ben altri sentimenti come la solidarietà, l’amicizia, l’amore. Commuove l’incontro tra i comandanti delle rispettive compagnie per chiedere la resa l’uno dell’altro: una trattativa senza esito, ma condotta con il rispetto che si deve all’avversario. Altri tempi, si direbbe: tempi in cui la scoperta che il sangue è dello stesso colore anche in chi veste una divisa diversa, fa cadere le barricate del cuore e avvicina le persone in un afflato di umanità. Libro intenso e partecipato, ricco di poesia, merita la cinquina dello Strega.

  • User Icon

    Daniela

    10/02/2021 12:53:25

    Questa storia, che trova radici nella realtà, colpisce come un pugno nello stomaco e lascia senza fiato. Agata, Lucia, il capitano Colman, don Nereo, Ismar e tutti gli altri personaggi sono indimenticabili. Grazie di ❤ all'autrice per questo dono prezioso.

  • User Icon

    Patrizia

    07/02/2021 14:39:35

    Una storia d'amore nei confronti della terra friulana e del ruolo delle portatrici carniche durante la prima guerra mondiale. Ho avuto modo di visitare la Carnia ed ero a conoscenza di questa parte della storia sconosciuta a molti. Sono felice che una voce autorevole abbia deciso di parlarne in modo da far emergere e focalizzare l'attenzione sul ruolo importantissimo che queste donne hanno avuto in quegli anni. Di donne si parla sempre poco nonostante abbiano avuto e hanno tuttora un ruolo fondamentale nello sviluppo della nostra società in tutti gli ambiti. Donne forti, caparbie, autorevoli: fiori di roccia. Sicuramente merita più di cinque stelle. Consiglio la lettura.

  • User Icon

    Valentina

    31/01/2021 17:42:27

    Romanzo meraviglioso! Ringrazio Ilaria per averci fatto conoscere la storia di queste donne che hanno contribuito con onore e coraggio ad aiutare i nostri soldati. Lettura molto scorrevole anche se l'argomento ha un certo valore. Trasmette tutte le emozioni che possono aver provato e la loro forza di fronte a ogni avversità. Da leggere!

  • User Icon

    Raffaele Fevola

    28/01/2021 12:14:19

    Il romanzo di Ilaria Tuti ha il grande pregio di portare alla luce una delle tante storie della Grande Guerra messe da parte, quella delle 'portatrici', donne coraggiose e dalla forza d'animo inesauribile che divennero di fondamentale supporto alle nostre milizie al fronte, in Friuli, nella zona delle Alpi Carniche. Le 'portatrici' non si risparmiarono nel salire gli accidentati percorsi montani, per fornire così supporto logistico, operativo e morale ai soldati al fronte, pur esponendosi al micidiale tiro dei cecchini austriaci od alle asperità di montagne che fino a quel momento erano rimaste quasi inviolate. Il racconto richiama, come ben specificato dall'autrice nelle ultime pagine, tanti episodi della Grande Guerra realmente accaduti, romanzandoli ed adattandoli ad una trama scorrevole e dinamica. I grandi pregi di cui sopra, e l'accuratezza nella ricerca storica, vengono però mitigati da alcuni elementi che non hanno riscosso il mio favore. In primis, il fatto che i personaggi ed in generale i protagonisti del racconto, pur avendo tutte le potenziali caratteristiche per entrarti dentro, risultano essere in realtà freddi, quasi elementi di fondo rispetto alla storia narrata, come se fossero solo di complemento o corredo all'enormità degli accadimenti narrati. Inoltre, ad aggravare il tutto e rendere ancora meno profondi i protagonisti, c'è uno scrittura troppo pomposa, troppo ricercata e fine a se stessa, tendente sempre verso la forzata volontà di toccare corde che inevitabilmente non si riuscirà a toccare, con dialoghi assolutamente frettolosi ed impersonali. In ultimo, è la trama a non riuscire a supportare il 'peso' della storia e dei personaggi, in quanto, seppur scorrevole e dinamica, risulta essere banale ed anch'essa abbastanza frettolosa, funzionale solo a richiamare forzatamente gli accadimenti storici reali, anch'essa quasi solo di supporto e basta, e non adeguatamente strutturata e profonda. Freddo come il clima delle Alpi Carniche.

  • User Icon

    Vale9roma

    26/01/2021 16:05:11

    La scrittura evocativa della Tuti si riconosce già dalle prime pagine. Il libro racconta Una storia di Donne che molti non conoscono, le portatrici carniche esempio di coraggio, forza e generosità! Assolutamente da leggere!

  • User Icon

    Roberto

    24/01/2021 17:20:07

    Libro scritto benissimo, in mezzo a tanti romanzi banali, pubblicati oggi. Secondo me, ha le potenzialità per diventare un classico della nostra letteratura contemporanea

  • User Icon

    lorenz

    13/01/2021 17:36:11

    Noi uomini siamo superiori alle donne per forza fisica, ma per il resto abbiamo tutto da imparare: coraggio, determinazione, forza morale, coerenza, etcetera. Forse il fatto che sia una donna a "metterci" al mondo con tutto ciò che questo può costare passa indifferente... Vorrei dedicare questo libro a mia moglie che non c'è più ma è ricordata da tanti e fra l'altro da una lapide che cita la sua "grande UMANITÁ" LEGGETELO

  • User Icon

    valy

    13/01/2021 09:20:09

    Non amo molto il personaggio più noto di Ilaria Tuti e di conseguenza solitamente non ho apprezzato molto i suoi libri precedenti. Questo invece l'ho davvero adorato. La scrittura è molto poetica ma non pesante, la storia scorre veloce ed è interessante. Ho apprezzato molto l'approfondimento di questa parte della storia praticamente dimenticata e lo consiglio vivamente

  • User Icon

    Sara Pugliese

    10/01/2021 18:01:52

    Questo libro mi ha commosso. Ho pianto mentre leggevo e non è una cosa frequente che io lo faccia. La commozione viene dalla consapevolezza che una storia romanzata come questa prende spunto da storie vere, da donne e uomini veri. I sentimenti di paura e perdita li riconosci nelle pagine anche se non gli hai provati in eguale misura e esperienza. Questa storia poi ha una sapore diverso e più intenso perchè riporta alla luce vicende sepolte dal tempo e dagli uomini. Storie di donne e di guerra. L'accomunanza di queste due parole non è così facile da trovare nei libri di storia. Eppure le Portatrici sono esistite e hanno dato un contributo importante e essenziale durante la prima guerra mondiale. Ho amato veramente questo libro, sono grata alla scrittrice di aver raccontato questa storia, di aver dato voce a queste donne per troppo tempo dimenticate. Vi consiglio la lettura, tra le pagine troverete, dolcezza, tristezza, resilienza, speranza, amore e forza...quella delle Donne.

  • User Icon

    Reader

    09/01/2021 14:35:11

    Non poteva esserci espressione più adatta per dare voce a quella parte di storia della Prima Guerra Mondiale che forse pochi, pochissimi, conoscono. Chi sono questi fiori di roccia che la storia ha preteso a se nonostante la guerra non avrebbe dovuto avere nulla a che fare con loro? Sono #leportatrici, donne, madri, figlie, chiamate a scalare montagne e sentieri con su le spalle #gerle cariche di munizioni e rifornimenti al sevizio del battaglione alpino di istanza lungo la Carnia.

  • User Icon

    Elena

    08/01/2021 11:01:45

    Non ho molto amato i suoi romanzi precedenti, ma questo è stato molto coinvolgente. Consigliato a tutti quelli che ignorano queste protagoniste della Storia.

  • User Icon

    Miaj

    06/01/2021 19:26:37

    Intenso e ben scritto, da leggere

  • User Icon

    Angela G.

    04/01/2021 20:51:05

    Un libro splendido che racconta la storia delle "Portatrici" figura importante nella prima guerra mondiale . Il libro è talmente emozionante e coinvolgente che si legge tutto d'un fiato. Assolutamente da leggere

  • User Icon

    Simo

    31/12/2020 08:55:09

    Per un quasi capolavoro. La storia delle donne durante il Primo conflitto Mondiale. Tema poco trattato. Scrittura coinvolgente e scorrevole che farà divorare questo forte al contempo delicato romanzo, così come è insito nel suo titolo. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Elena

    29/12/2020 14:21:50

    Bellissimo e commovente! Rende onore alle "portatrici", donne spesso dimenticate che hanno dato il loro importante contributo durante la prima guerra mondiale

  • User Icon

    Marina

    28/12/2020 14:42:54

    Un libro intenso, commovente, coinvolgente che ti apre lo sguardo su un aspetto decisamente poco noto di una guerra forse troppo poco raccontata, ma densa di vicende straordinarie e, nello stesso tempo, molto umane. Ilaria Tuti ha scritto, a mio avviso, il suo libro migliore, denso di sentimenti contrastanti e di una poesia struggente. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Luna

    24/12/2020 19:10:56

    Libro molto apprezzato, lo consiglio.

Vedi tutte le 97 recensioni cliente
  • Ilaria Tuti Cover

    Ilaria Tuti è nata a Gemona del Friuli, in provincia di Udine. Ha studiato Economia. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha vinto il Premio Gran Giallo Città di Cattolica. Il thriller Fiori sopra l'inferno, edito da Longanesi nel 2018, è il suo libro d'esordio. Tra i suoi libri ricordiamo anche: Ninfa dormiente (Longanesi, 2019) e Fiore di roccia (Longanesi, 2020). Del 2021 il romanzo La luce della notte, il ritorno dell'amatissima Teresa Battaglia in un romanzo di rinascita e speranza. Approfondisci
Note legali