Fiorire d'inverno. La mia storia

Nadia Toffa

Editore: Mondadori
Collana: Vivavoce
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 9 ottobre 2018
Pagine: 142 p., Rilegato
  • EAN: 9788804705161

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Salute, famiglia e benessere personale - Famiglia e salute - Problemi personali - Malattia

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ShinX

    16/10/2018 15:21:30

    Mettendo da parte le polemiche sterili nate sui social network, Fiorire d'inverno è un libro totalmente privo di mordente; non tanto emotivo, quanto letterario. Al di là della vicenda umana, per la quale si prova empatia, sperando si possa concluda per il meglio, il testo è un'elaborazione della malattia edulcorata e semplicistica. Una sorta di diario scritto da una quattordicenne, che trasforma il cancro in un'impervia di prova del fuoco, capace di smuovere, in ogni individuo, potenzialità fino al quel momento sopite. Benché lodevole negli intenti, la banalità della forma, l'entusiasmo quasi strabordante nel descrivere alcune dinamiche legate alla guarigione (come la tanto "sbandierata" forza di volontà), ammantano il libro di un blando senso di leggerezza. Più in generale, l'aura stucchevole che trasuda da ogni paragrafo, rende il testo un groviglio di luoghi comuni e buoni propositi che fanno quasi tenerezza nella loro ingenuità esposizione. Rimane un'accorata testimonianza personale, e come tale meritevole di rispetto, tuttavia, Fiorire d'inverno poteva tranquillamente essere riassunto in un corposo articolo, o magari raccontato in una lunga intervista televisiva. Così com'è è solo una visione confusa e "romantica" di un fardello per molti insormontabile, che non guadagna il lasciapassare dell'ovvio per il solo fatto di subirne il peso in prima persona.

  • User Icon

    Sergio

    11/10/2018 14:15:42

    Non si deve comprare un libro per la popolarità dell'autore, ma per il contenuto. In questo caso il contenuto è stato anche criticato, ma perché? Ognuno vive la sua esperienza di vita in modo autonomo, originale, unico. E affronta la sofferenza, il dolore, gli ostacoli che l'esistenza ci mette di fronte in modo diverso. Perché l'autrice, che è appunto molto nota, non potrebbe raccontare il suo modo di superare la malattia? E perché non dovrebbe condividere la sua visione per andare oltre la malattia e trarre da questa esperienza gli elementi di crescita? Sicuramente un aiuto per chi ha vissuto le stesse tappe e deve ancora affrontare le stesse sofferenze. Con un po' di positività.

  • User Icon

    Luca

    11/10/2018 14:09:51

    superficiale e per niente interessante

Scrivi una recensione