Il fiume scorre verso Oriente

Adam Williams

Traduttore: P. Merla
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 22 gennaio 2009
Pagine: 798 p., Brossura
  • EAN: 9788850217991
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Cina, 1920. Bella, orgogliosa e spregiudicata, Catherine Cabot ha vent'anni quando arriva a Tientsin, dopo un'infanzia errabonda per l'Europa al seguito della madre che l'ha concepita nel Palazzo dei Piaceri Celesti, durante la rivolta dei Boxer, ma non le ha mai rivelato il nome del padre. A Tientsin dove l'accoglie la famiglia degli Airton, grandi amici della madre - Catherine cerca la verità su suo padre, ma si troverà anche a dover scegliere tra i due fratelli Airton: il solido e timido Edmund e l'affascinante e superficiale George. Intanto nel paese infuriano le lotte fra i signori della guerra e il nuovo esercito nazionalista di Chiang Kai-shek, dietro il quale si muove l'ombra del bolscevismo e si delinea la figura del giovane Mao Tse-tung...

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alfredo

    13/01/2012 15:37:49

    anche se non s'è letto il primo delle sue opere "il palazzo dei piaceri celesti" che è un autentico capolavoro, la lettura di "il fiume scorre verso oriente" è un'appassionante rivisitazione della Cina dei primi del '900. Mai noioso o scontato, l'Autore riesce in ogni momento dei capitoli a catturare l'attenzione del lettore fino alle emozioni meno immaginate!

  • User Icon

    Paolo

    19/07/2009 22:19:17

    do lo stesso voto del precedente "il palazzo dei piaceri celesti" ma se proprio devo scegliere preferisco questo libro

  • User Icon

    Silvia

    10/06/2008 16:44:15

    Dopo aver letto la trama dell'altro libro di Williams, ho notato che questo ne e' il seguito: qui si narra ancora di Manners ((specialmente alla fine), ma soprattutto di Catherine, sua figlia ,avuta da Helen Frances. Ho gradito questo libro, mi e' parso buono. Alcuni personaggi forse possono risultare un po' "stanchi", privi in parte di carattere, ma in sostanza, credo sia una lettura piacevole ed interessante.

  • User Icon

    gmb

    21/02/2008 13:15:34

    Dopo essere stato folgorato dal precedente "Il palazzo dei piaceri celesti" mi aspettavo di ripetere la piacevola esperienza di una lettura coinvolgente ed appassionante... niente di tutto ciò purtroppo.Qui la storia è scialba e noiosa, i personaggi poco delineati e anche il contesto storico non è descritto con quella arguzia che ha caratterizzato il precedente romanzo. Peccato!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione