La formula chimica del dolore

Giacomo Cardaci

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2010
Pagine: 208 p., Brossura
  • EAN: 9788804597957
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 9,18

€ 17,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mattia Boarin

    17/06/2012 17:03:11

    Il romanzo di Cardaci rappresenta uno sguardo crudo e realistico, in chiave autobiografica, sulla malattia oncologica che ha colpito un ragazzo ventenne, che lo costringe a rimettere in discussione tutti i progetti della propria vita, del proprio futuro. È il punto di vista di un ragazzo che entra in un grande ospedale, visto come una prigione, dove l'ora d'aria è sublimata nella passeggiata nel giardino esterno con la fontana o nella fuga notturna ai distributori automatici di snack e bevande, che rappresentano uno dei pochi piaceri trasgressivi concessi al "prigioniero". Gigetto, così come viene soprannominato da Filippo, il protagonista del romanzo, è la causa della sua "carcerazione" forzata, è l'"alieno" che cresce impietosamente nel suo giovane corpo, ricordando lo stesso alieno che descrive Oriana Fallaci nei suoi ultimi scritti. Si scorge anche uno sguardo inclemente sulla figura del medico, descritto tra le pagine del libro come un tecnico, uno scienziato ultra-specializzato nella cura di una malattia o di un organo, più che nella cura di un malato in carne-ossa-pensieri e sogni. Il protagonista, nelle pagine del romanzo, fa una richiesta chiara, urlata a bassa voce, a chi per professione è in contatto tutti i giorni con i pazienti oncologici, soprattutto giovanissimi, di recuperare una certa umanità, di rimettere al centro il malato, le sue paure, le sue angosce per il futuro, di mettersi in posizione di ascolto, di farsi portatori di una medicina più umana e olistica, contrapposta a una medicina fatta puramente di tecnicalità e ultraspecializzazioni.

  • User Icon

    Sarah

    21/07/2011 22:20:41

    Delizioso, da leggere assolutamente, non fermarsi al fatto che tratti un argomento spinoso come la malattia, è scritto benissimo, pungente, ironico, leggero, bello bello, complimenti al ragazzo per tutto.

  • User Icon

    Polly

    02/07/2010 15:55:13

    Avevo un pò paura di immergermi nella lettura di un libro che in qualche modo raccontasse un pò anche la mia storia, e probabilmente non ne avrò più il coraggio. Ma in questo caso non mi sono affatto pentita, anzi... Trovo che questo libro sia molto ben scritto, è riuscito a farmi piangere ma anche a farmi sorridere. Mi ha scosso non poco e vorrei poter incontrare l'aurore per potergli dire semplicemente grazie.

Scrivi una recensione