Fuoco fatuo seguito da Addio a Gonzague

Pierre Drieu La Rochelle

Editore: SE
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 31 gennaio 2013
Pagine: 132 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788867230075
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    03/01/2018 22:35:10

    Una solitudine senza ritorno, ricettiva e attenta come nessun'altra ma colma di tantissimi spicchi infranti sui quali è arduo ormai tentare una cucitura, un sollievo, un tenue barlume di speranza. Un uomo distrutto dalla droga e cosciente che nulla per lui può avere scampo in quei salotti malati di nulla e di troppo nei quali finisce per aggirarsi spesso. L'ultimo stadio di un poeta che dice di "non aver mai toccato nulla con mano se non la propria impotenza a stare al mondo", un uomo che intona dentro se stesso l'apologia dell'ombra contro le meraviglie e i canti della vita, dell'amare, in una lucida insensatezza che è come un traguardo finalmente agguantato. Niente felicità, niente soldi, niente risposte, e tuttavia un coro di idee gettate in una meravigliosa capacità riflessiva nonostante la fine incombente che gli respira sul volto. Racconto disperante e disperato reso in una prosa stupenda, racconto di uno scrittore che anche nella scrittura avverte una mediocrità vanesia da cui non può sortire nulla, e dove anche il sentimento più grande e generoso, l'amicizia, sbatte contro il suo io perennemente inquieto, instabile, divorato dai sui stessi spettri: "Vorrei essere amato, per questo mi dico di amare". Una spirale, una discesa verso i più neri recessi di un'esperienza umana, non c'è appoggio in ogni suo passo, non resta che il gesto: "Si vantava di ignorare l'idea di verità, ma si estasiava davanti a una pila di scatole di fiammiferi. Per il primitivo il cibo è l'oggetto che mangerà, per il decadente è un escremento a cui tributa un culto". Alain, il protagonista, è un romantico annoiato che ha capito tutto: il mondo, la vita, quel resistere vano nelle laide condotte eleganti, povere illusioni di chi può permetterselo. Se allora la scelta è fra quel fango e la morte, la direzione arriva più che chiara. Drieu rimarrà un poeta, questo è sicuro, e insieme a Gilles e al sontuoso Diario questo libro ne è la triade insormontabile. Pura luce che scuote.

Scrivi una recensione