Fuoco fatuo seguito da Addio a Gonzague

Pierre Drieu La Rochelle

Editore: SE
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 31 gennaio 2013
Pagine: 132 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788867230075
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il 5 novembre 1929 lo scrittore surrealista Jacques Rigaut, uno dei più cari amici di Drieu La Rochelle, si toglie la vita. "Fuoco Fatuo", pubblicato due anni dopo, è il romanzo-testimonianza ispirato dalla sua tragica fine, ma anche l'affresco di un'epoca tormentata che ha avuto in Drieu uno dei suoi più grandi cantori. Alain, il protagonista del romanzo, è il prodotto di una società alla deriva e al tempo stesso un uomo in rivolta, che rifiuta il mondo degradato e privo di valori "eroici" che lo circonda. Lo scrittore francese diventa qui l'osservatore quasi scientifico, per implacabilità e minuzia di analisi, degli ultimi giorni di un uomo che, già sconfitto dagli eventi e dalla droga, ha deciso di compiere l'unico gesto individuale ormai possibile per sfuggire alla menzogna dell'irrealtà quotidiana e per aderire, finalmente, alle cose. Al romanzo segue "Addio a Gonzague", un testo inedito in Italia, ritrovato fra le carte di Drieu, che da diversa angolatura prospetta il medesimo tema centrale del romanzo.

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    03/01/2018 22:35:10

    Una solitudine senza ritorno, ricettiva e attenta come nessun'altra ma colma di tantissimi spicchi infranti sui quali è arduo ormai tentare una cucitura, un sollievo, un tenue barlume di speranza. Un uomo distrutto dalla droga e cosciente che nulla per lui può avere scampo in quei salotti malati di nulla e di troppo nei quali finisce per aggirarsi spesso. L'ultimo stadio di un poeta che dice di "non aver mai toccato nulla con mano se non la propria impotenza a stare al mondo", un uomo che intona dentro se stesso l'apologia dell'ombra contro le meraviglie e i canti della vita, dell'amare, in una lucida insensatezza che è come un traguardo finalmente agguantato. Niente felicità, niente soldi, niente risposte, e tuttavia un coro di idee gettate in una meravigliosa capacità riflessiva nonostante la fine incombente che gli respira sul volto. Racconto disperante e disperato reso in una prosa stupenda, racconto di uno scrittore che anche nella scrittura avverte una mediocrità vanesia da cui non può sortire nulla, e dove anche il sentimento più grande e generoso, l'amicizia, sbatte contro il suo io perennemente inquieto, instabile, divorato dai sui stessi spettri: "Vorrei essere amato, per questo mi dico di amare". Una spirale, una discesa verso i più neri recessi di un'esperienza umana, non c'è appoggio in ogni suo passo, non resta che il gesto: "Si vantava di ignorare l'idea di verità, ma si estasiava davanti a una pila di scatole di fiammiferi. Per il primitivo il cibo è l'oggetto che mangerà, per il decadente è un escremento a cui tributa un culto". Alain, il protagonista, è un romantico annoiato che ha capito tutto: il mondo, la vita, quel resistere vano nelle laide condotte eleganti, povere illusioni di chi può permetterselo. Se allora la scelta è fra quel fango e la morte, la direzione arriva più che chiara. Drieu rimarrà un poeta, questo è sicuro, e insieme a Gilles e al sontuoso Diario questo libro ne è la triade insormontabile. Pura luce che scuote.

Scrivi una recensione