Fuori di sé - Sasha Marianna Salzmann - copertina

Fuori di sé

Sasha Marianna Salzmann

0 recensioni
Scrivi una recensione
Traduttore: F. Cremonesi
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2019
Pagine: 347 p., Brossura
  • EAN: 9788829700226
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Quantità:
LIBRO

€ 9,72

€ 18,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

10 punti Premium

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 18,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un romanzo intenso, potente e profondo. Migrazioni, razzismo, identità etnica e di genere: uno dei talenti più acclamati della letteratura europea si confronta con i temi caldi della contemporaneità.

«L'esordio pluripremiato della tedesca di origini russe Marianna Salzmann ci spiega, attraverso la caccia a un fratello scomparso a Instanbul, cosa significa davvero essere profughi. Per sempre» - Susanna Nirenstein, Robinson

Sono sempre stati in due, Alissa e Anton. In due nel minuscolo appartamento di Mosca in cui vivevano con i genitori. In due sul treno che, dopo trentasei ore, li condusse in Germania, in fuga dall'antisemitismo di un'Unione Sovietica ormai in pezzi. In due a scuola, tra gli insulti razzisti dei compagni e il desiderio di trovare il proprio posto nel mondo. Quando Anton sparisce, l'unico indizio per seguirne le tracce è una cartolina che arriva da Istanbul, e anche se sopra non c'è scritto nulla, Ali sa che è lì che suo fratello si nasconde. Si lascia allora alle spalle la vita a Berlino, lo studio della matematica e gli allenamenti di boxe, e parte, impaziente di riunirsi al gemello - la persona che condivide i suoi ricordi, il suo specchio. Nella città sul Bosforo, le indagini di Alissa cominciano nel mondo sotterraneo di una metropoli scintillante e tentacolare, profondamente lacerata da una violenza politica senza precedenti. La ricerca di Anton diventa per Ali l'occasione per scavare nella storia della sua famiglia, segnata dalle vicende che hanno scosso l'Europa del Novecento, ma anche dalla violenza domestica, da incontri fortuiti, matrimoni combinati e grandi storie d'amore. E mentre intorno a lei parole come "casa", "paese", "lingua madre" e "genere" non hanno più alcun significato, Ali riesce a scavare anche dentro di sé e a interrogarsi su un corpo in cui non si riconosce, sull'eredità culturale che porta in dote e sui contorni di un avvenire senza certezze e senza confini.

Note legali