Fuori luogo. Inventarsi italiani nel mondo

Federico Taddia,Claudia Ceroni

Editore: Feltrinelli
Collana: Serie bianca
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 22 febbraio 2010
Pagine: 155 p., Brossura
  • EAN: 9788807171888
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02
Descrizione
Che il nostro paese produca cervelli che poi migrano all'estero è una verità fin troppo accertata. Ma non ci sono solo le storie professionali e creative della categoria "nemo propheta in patria". Federico Taddia e Claudia Ceroni hanno scelto un'altra strada: raccogliere le storie di chi ce l'ha fatta, inventandosi un mestiere, utilizzando la fantasia per plasmare un futuro che non li faccia più sentire "fuori luogo". Taddia e Ceroni hanno raccolto e rielaborato una quindicina di "casi". Ed eccoli qui, i nuovi migranti: Luca, giovane architetto che da sempre ama la neve e che ha deciso di diventare architetto di igloo in Norvegia; Dario, appassionato di musica e docente di Semiotica, che ha mollato tutto per fare l'etnomusicologo a Helsinki; Marco, richiesto in tutto il mondo: è il massimo esperto di bonsai; Cristiano, ex ingegnere e ora cantante gospel in una chiesa di New York; Roberto, che è partito da Sassari per fare il cantante rock in Lettonia; Licia, una milanese che ha seguito il marito negli Stati Uniti e si è ritrovata pastore anglicano. "Fuori luogo" è un "catalogo" dell'Italia che non ha mai smesso di arrangiarsi e di trovare un'alternativa. Ed è anche il grido potente e disperato di chi non ha smesso di sognare nonostante un paese che non offre possibilità per chi ai sogni non sa rinunciare.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Anna

    19/07/2010 15:45:36

    Lieve ma intenso, leggero ma mai superficiale, semplice ma tutt'altro che banale. Si viene condotti per mano, con la sapiente levità che caratterizza i due autori, attraverso le eccentricità soltanto apparenti delle vite degli altri, di chi ha saputo realizzare i propri (creativi, geniali) desideri e ha potuto farlo solo all'estero. Perché soltanto fuori luogo l'eccentricità viene considerata per quello che è: intelligente coraggio o coraggiosa intelligenza.

Scrivi una recensione