Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 11/02/2014
Pagine: 314 p., Brossura
  • EAN: 9788804635826

18° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Cinema, musica, tv, spettacolo - Musica - Stili e generi - Rock e pop

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,92

€ 10,50

Risparmi € 1,58 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio Marchioni

    31/10/2014 12:07:06

    Vi piace Gaber? In tal caso, non potete non leggere questo libro scritto dal suo "doppio", Sandro Luporini. Con una avvertenza: non è una storia del rapporto fra i due a cui c'è solo qualche pudico rimando. Il testo è un lungo escursus lungo l' opera di Giorgio Gaber realizzato da Luporini che si prodiga nel raccontare la genesi di moltissimi, indimenticabili pezzi. Il risultato è una full-immersion nella temperie culturale degli anni '70, vista con gli occhi di due menti acute e raffinate. Al termine della lettura sarà ancora più evidente l'importanza storica e artistica del teatro-canzone.

  • User Icon

    Ciro Andreotti

    16/01/2014 02:59:15

    La vita artistica di Giorgio Gaber al fianco di Sandro Luporini; pittore, paroliere anarchico, libero pensatore e soprattutto amico del Signor G. Chi fosse Giorgio Gaber molti pensano di saperlo, ma in pochi possono ben dire di averlo conosciuto veramente; fra questi c'è di sicuro Sandro Luporini, amico di vecchia data che con Gaber seppe scrivere pagine memorabili della canzone di casa nostra, da: "Far finta di essere sani" a "Qualcuno era comunista", passando per "Destra - Sinistra" e molto altro. Attraversando almeno quattro decadi della nostra malandata penisola: dagli anni delle tournee più emozinanti a quelli di quelle più problematiche, anche per motivi di salute mentale e personale. Dagli anni della contestazione, sino alle poche esperienze tv che non seppero dare il giusto rilievo all'opera di Gaber, per terminare con il mondo del cinema, che per Gaber ebbe sempre tutt'altro che un occhio di riguardo. Un opera che è necessaria sia per coloro che apprezzano il signor G, sia per coloro che desiderano avvicinarvisi in punta di piedi attraverso il ricordo di un fido collaboratore-amico, Sandro, qui affiancato dal figlio del cugino: Roberto, attraverso 311 piacevoli pagine mascherate da lunga intervista monologo per una tesi di laurea dedicata al dorato mondo del teatro canzone.

Scrivi una recensione