Galassia M81

(180 gr.)

Artisti: Astral Dimension
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Spettro Library
Data di pubblicazione: 31 marzo 2017
  • EAN: 8016670123194
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 32,50

Venduto e spedito da IBS

33 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Descrizione
Dalla musica barocca all’elettronica “satanica” non c’è un genere musicale che Fabio Borgazzi- in arte Fabio Fabor- non abbia frequentato, specie negli innumerevoli album di sonorizzazioni incisi in una carriera lunga sette decadi. Nato a Milano nel 1920, Fabor è stato uno dei grandi artigiani della musica popolare italiana del dopoguerra. Compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra di formazione classica, ha cominciato scrivendo canzoni negli anni ‘50 e ‘60 per popstar come Nilla Pizzi, Johnny Dorelli e Milva, per poi avvicinarsi alla musica applicata e devolvere tutto il resto della carriera al teatro, al cinema e alla tv. Quando nel 1981 fa uscire questo Galassia M81 Fabor è quindi un veterano del mondo della library, tanto come compositore che come editore. Siamo negli ultimi anni della cosiddetta epoca d’oro delle sonorizzazioni (sia artisticamente che a livello di business), un attimo prima che arrivi il MIDI a rendere tutto più semplice e piatto, soffocando definitivamente quello che potremmo definire vezzosamente l’Italian Touch. I brani di questo album firmato dai fantomatici The Astral Dimension (Fabor insieme al suo sodale Antonio Arena) hanno infatti ancora un gusto anni Settanta nei suoni e nella scrittura, memore da una parte della kosmische musik tedesca (se non proprio della scuola di Darmstad) e dall’altra della mania del Moog che attraversò la musica pop all’indomani del successo di Walter/Wendy Carlos con i suoi album Switched On. Avanguardia e kitsch a braccetto, ambient per documentari scientifici e sottofondi per l’oroscopo uno dietro l’altro con l’unico scopo di essere sincronizzati e produrre diritti. Niente di romantico apparentemente, eppure fra le pieghe di questa musica di servizio c’è sostanza e originalità in abbondanza, con quel misto di impostazione classica e impeto futuristico che ha caratterizzato molta della migliore musica prodotta in Italia nel secolo scorso.
Disco 1
  • 1 Galassia M81
  • 2 Nebulosa
  • 3 Via Lattea
  • 4 Antares
  • 5 Macchia Solare
  • 6 Beta 700
  • 7 Stella Nova
  • 8 Venere
  • 9 Eclisse
  • 10 Saturno
  • 11 Marte
  • 12 Monte Palomar