Categorie

Aurelio Pes

Editore: Novecento
Collana: Narciso d'oro
Anno edizione: 1988
Pagine: 225 p.
  • EAN: 9788837300753

scheda di Gigli Ferreccio, G., L'Indice 1988, n.10

Critica e poesia si potenziano a vicenda in quest'opera multiforme in cui l'autore raccoglie poemi drammatici, già musicati e rappresentati in teatro (i miti di Amore e Psiche, di Attis), biografie immaginarie, a cui si intrecciano eventi storici filtrati da una scrittura mitizzante (Borromini, Eleonora d'Aragona, Sofonisba Anguisola Caravaggio), "imitazioni" di poeti a lui cari (Ronsard, Corneille, Quevedo). I vari pezzi non hanno nulla di frammentario e anzi si accordano, come corrispondenze baudelairiane, nella suadente armonia dell'emblema che apre la raccolta: "la rosa è forma che se stessa celebra", dove il fragile cespuglio di rosa bianca e rossa, suggellante l'unione di York e Lancaster, simbolo di pace universale, affonda salde radici nella memoria archetipica che "protegge l'unità della coscienza". Le ascendenze letterarie dei testi sono molte e sottilmente rivissute: per citarne solo alcune, si pensi al Pound meno avanguardistico e dissonante (risalente a sua volta ai "Ritratti immaginari" di Walter Pater e ai poemi drammatici di Robert Browning).

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Santi Valenti

    05/12/2001 20.41.32

    Leggo in questa pagina alcuni giudizi sul libro di Pes i quali, francamente, mi paiono troppo crudi. Se è vero che le ascendenze letterarie dell'antologia sono molteplici e ben riconoscibili, ciò non toglie che la poetica di Pes - tutta sviluppata in una "trance" metaletteraria fra universi che sono solo suoi - riformula e riplasma borgesianamente la "realtà di una rosa gialla", proponendocene talvolta suadenti ectoplasmi. Poca "originalità"? Può darsi, se si intende originalità nell'accezione più restrittiva. Ma, in ogni caso, si deve dare atto a quest'autore di aver affrontato il travaglio di una sperimentazione, non solo formale, di cui "Genalogia del Fuoco" è lo specchio concreto.

  • User Icon

    Marco Giovannini

    02/12/2001 23.42.11

    Ho letto, sbalordito, la recensione che di questo libro fornisce "L'Indice". Ma fanno sul serio?! Non si sono accorti che tutto, in questo brogliaccio... poetico è infingimento e spocchia?

  • User Icon

    Luca De Mattei

    17/09/2001 00.19.15

    Si tratta semplicemente di una farragine di mal digerite rimasticature letterarie.

Scrivi una recensione