La gente felice legge e beve caffè

Agnès Martin-Lugand

Traduttore: M. Belardetti
Collana: Pandora
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 25 febbraio 2014
Pagine: 202 p., Rilegato
  • EAN: 9788820055530
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,13
Descrizione
Diane è una giovane donna che ha perso marito e figlia in un incidente automobilistico. Da quel momento, tutto in lei si fa pietra, ad eccezione del cuore, che continua a battere. Ostinatamente. Dolorosamente. Inutilmente. Smarrita nel limbo dei ricordi, non ritrova più la strada per la vita. La sua sola consolazione è l'amicizia del fedele e disinteressato Felix. Finché, a un anno dalla tragedia, quando i parenti cercano di costringerla ad andare alla cerimonia di commemorazione, decide di lasciarsi tutto alle spalle e partire per l'Irlanda, dove aveva sognato di andare con la sua famiglia. Arrivata a Mulranny, nel cuore della verdissima e piovosa isola di smeraldo, Diane trova due deliziosi "zii" che la adottano e la riempiono d'affetto, e un vicino di casa affascinante quanto burbero dal quale non può fare a meno di sentirsi attratta. Il passato non si dimentica, ma il futuro - forse - è a portata di mano.

€ 12,68

€ 16,90

Risparmi € 4,22 (25%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Biancalucia

    08/02/2019 16:56:52

    A me è piaciuto, non è un librone e non mi sembra che ne abbia le pretese, ma la storia è bella, ben scritta, scorrevole, si legge piacevolmente.

  • User Icon

    Annalisa

    17/06/2015 15:09:52

    Il secondo libro dell'autrice era nell'elenco dei Bestseller per l'estate redatto dalla TV francese TF1, il titolo invitante : l'ho letto in un pomeriggio, ma in realtà è niente altro che un romanzetto rosa, con tutti gli ingredienti richiesti., facile facile. Si legge e il finale aperto dovrebbe servire a dargli un tono meno scontato ma è tutto molto deludente.

  • User Icon

    ant

    15/02/2015 19:40:50

    Una storia intima e controversa che ha per protagonista Diane, giovane donna parigina, proprietaria di un caffè letterario che ha lo stesso nome del titolo del libro. Una mattina qualunque Colin e Clara, marito e figlia di 6 anni della protagonista , escono per una passeggiata fischiettando x le scale ..ma nn torneranno mai più a casa a causa di un incidente stradale che ne stronca l'esistenza. Da questo punto in poi Diane si chiude sempre più in se stessa, confortata solo da Felix,amico e collaboratore del caffè, fino al momento in cui decide di dare una svolta alla sua esistenza, partire x l'unico luogo che aveva sempre desiderato visitare con Colin, l'Irlanda. Arrivata nell'isola di Smeraldo, Diane si sistema in un cottage in riva al mare e inizia a far conoscenza con usi, costumi, abitudini e modi di fare dei locali. Mi è piaciuta molto la parte del romanzo dove i vicini di casa spiegano a Diane le consuetudini del luogo ....Abby mi descrisse ogni batteria di pentole in cucina, poi passò ai canali via cavo, agli orari delle maree, e infine a quelli delle messe. "Non penso che ne avrò bisogno, non vado d'accordo con la Chiesa" "Allora siamo nei guai, Diane. Avresti dovuto informarti meglio prima di venire qui. Ci siamo battuti per la nostra indipendenza e la nostra religione. Ora vivi tra irlandesi cattolici e orgogliosi di esserlo" Cominciavamo bene... "Abby , mi spiace, io..." Lei scoppiò a ridere. Rilassati , per l'amor del cielo! Stavo scherzando. Mica sei obligata ad accompagnarmi in chiesa...ti do un piccolo consiglio: ricordati sempre che non siamo inglesi"" L'umanità e il calore irlandese gioveranno molto a Diane e soprattutto l'incontro col suo vicino dal carattere spigoloso Edward Bel romanzo scorrevole con un finale non scontato, bellissime anche le descrizioni dell'Irlanda , soprattutto delle Isole Aran

  • User Icon

    marina

    13/12/2014 21:51:44

    L'argomento è interessante: elaborazione del lutto, perdita e distacco. Purtroppo il tutto è sviluppato male con una scrittura priva di emozione, personaggi senza spessore, linguaggio spesso forzato e improprio, ripetizione della parola sigaretta all'inverosimile, dialoghi banali. E poi si svolge in Irlanda e dov'è la descrizione palpabile di questa meravigliosa terra? Poco e niente che possa identificarla. Nell'insieme vuoto e poco credibile,senza parlare del finale che si commenta da solo.

  • User Icon

    ant

    01/12/2014 09:13:27

    Una storia intima e controversa che ha per protagonista Diane, giovane donna parigina, proprietaria di un caffè letterario che ha lo stesso nome del titolo del libro. Una mattina qualunque Colin e Clara, marito e figlia di 6 anni della protagonista , escono per una passeggiata fischiettando x le scale ..ma nn torneranno mai più a casa a causa di un incidente stradale che ne stronca l'esistenza. Da questo punto in poi Diane si chiude sempre più in se stessa, confortata solo da Felix,amico e collaboratore del caffè, fino al momento in cui decide di dare una svolta alla sua esistenza, partire x l'unico luogo che aveva sempre desiderato visitare con Colin, l'Irlanda. Arrivata nell'isola di Smeraldo, Diane si sistema in un cottage in riva al mare e inizia a far conoscenza con usi, costumi, abitudini e modi di fare dei locali. Mi è piaciuta molto la parte del romanzo dove i vicini di casa spiegano a Diane le consuetudini del luogo ....Abby mi descrisse ogni batteria di pentole in cucina, poi passò ai canali via cavo, agli orari delle maree, e infine a quelli delle messe. "Non penso che ne avrò bisogno, non vado d'accordo con la Chiesa" "Allora siamo nei guai, Diane. Avresti dovuto informarti meglio prima di venire qui. Ci siamo battuti per la nostra indipendenza e la nostra religione. Ora vivi tra irlandesi cattolici e orgogliosi di esserlo" Cominciavamo bene... "Abby , mi spiace, io..." Lei scoppiò a ridere. Rilassati , per l'amor del cielo! Stavo scherzando. Mica sei obligata ad accompagnarmi in chiesa...ti do un piccolo consiglio: ricordati sempre che non siamo inglesi L'umanità e il calore irlandese gioveranno molto a Diane e soprattutto l'incontro col suo vicino dal carattere spigoloso Edward. Bel romanzo scorrevole con un finale non scontato, bellissime anche le descrizioni dell'Irlanda , soprattutto delle Isole Aran

  • User Icon

    giuseppina stigliano

    07/10/2014 17:46:31

    veramente molto carino...da leggere tutto di un fiato in un pomeriggio di relax...

  • User Icon

    Elena

    27/06/2014 18:50:46

    Sono rimasta un po' delusa da questo libro: la prima parte è straziante, talmente triste e commovente da far piangere. Da un momento all'altro però è come se la protagonista dimenticasse completamente la tragedia che le è capitata, infatti per pagine e pagine non si accenna più al marito e alla figlia. Fino ad arrivare al finale, che secondo me doveva essere migliore perché già il libro di per sé è triste, se ci mettiamo anche un finale malinconico viene da chiedersi perché leggere qualcosa di così negativo. Un lieto fine avrebbe smorzato un po' i tratti di una storia che sinceramente ho trovato angosciante.

  • User Icon

    Roberta

    26/06/2014 13:50:16

    Degno sostituto di uno di quei film sentimentali che a noi donne piacciono tanto! Divorato in una sera! Storia commovente, a tratti divertente; riassume fra le righe evasione, voglia di mettersi in discussione, energia per imparare a vivere solo affidandosi alle proprie forze. Ma sarà la nuova vita a farla da padrona o il ritorno alla consuetudine, seppur con una maggiore consapevolezza di sé? Lettura scorrevole e molto piacevole. Il voto che ho attribuito é il massimo che mi sento di concedere ad un bel romanzo "leggero", rilassante...e con un finale che avrei preferito diverso!

  • User Icon

    Michela

    01/05/2014 23:13:08

    Letto in un giorno.. Scorrevole,trama bellina, ma il finale mi ha lasciato un po' di amarezza.. è anche vero che non sempre i finali debbono soddisfare le nostre aspettative.. un po' di sorpresa è sempre e comunque gradita.

  • User Icon

    Michela

    23/04/2014 18:59:41

    Il libro mi è piaciuto molto, interessante sia l'idea che la trama. Non do 5 perché personalmente sono rimasta molto delusa dal finale.

  • User Icon

    ROSSELLA

    27/03/2014 21:18:28

    Piacevolissima lettura sicuramente da consigliare.

  • User Icon

    Letizia

    26/03/2014 18:49:48

    Una bella storia, toccante e commovente, che mi ha fatto compagnia in un intero pomeriggio di pioggia. Io sono una persona felice che legge e beve caffè e sono contenta di essermi scontrata in libreria con questo romanzo. Bisogna davvero accettare il destino che ci è riservato e riuscire tutte le volte a rimettersi in piedi, tutti i giorni siamo messi alla prova ma la vera vittoria è ripartire anche dopo aver toccato il dolore e la sofferenza perché la speranza non deve mai morire.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione