DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Gente in castello

Maria Bellonci

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 20 novembre 2007
Pagine: XI-275 p., Rilegato
  • EAN: 9788804574101
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,72

€ 18,00

Punti Premium: 10

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una ricca antologia delle pagine più significative di Maria Bellonci, tratte da "Segreti dei Gonzaga", "Tu vipera gentile" e "Rinascimento privato": pagine che raccontano, con tutta la fascinazione e la forza proprie della narrativa bellonciana, le storie della famiglia Gonzaga, sullo sfondo del Castello di San Giorgio e del Palazzo Ducale di Mantova nel periodo del suo massimo splendore. Ad accompagnare il lettore - con fitti interventi che ricostruiscono sulla carta la ricchezza di un "ipertesto" virtuale - i commenti e gli approfondimenti di storici, musicologi e studiosi della lingua e dell'arte come Alessandro Barbero, che firma anche l'introduzione, Paola Besutti, Giuseppe Antonelli, Michele Bordin, Stefano Petrocchi e Raffaella Morselli. Un viaggio attraverso un'epoca di fasto e di intrighi, arricchito da un apparato che illumina tutte le suggestioni nascoste nei testi di Maria Bellonci.
  • Maria Bellonci Cover

    Primogenita di Gerolamo Vittorio Villavecchia, discendente da una famiglia aristocratica piemontese, e di Felicita Bellucci, di origine umbra. Il padre, professore di chimica, è stato il fondatore della chimica merceologica in Italia, e dal 1896 al 1934 tenne la direzione del Laboratorio chimico centrale delle gabelle. Maria fu iscritta nel 1909 alla scuola delle monache del Sacro Cuore, presso Trinità dei Monti, fra il 1913 e il 1921 frequentò il ginnasio-liceo Umberto I. Di questi anni intellettualmente molto attivi, e illuminati dai primi amori adolescenziali avrebbe poi rievocato, in una pagina giornalistica, "il senso di vita traboccante dei miei sedici anni per il quale mi pareva d'essere chiusa in una mandorla d'immortalità".Il suo esordio di scrittrice... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali