Stripe PDP
Salvato in 29 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Il gioco del rovescio e altri racconti
5,52 € 6,50 €
LIBRO
Venditore: IBS
+60 punti Effe
-15% 6,50 € 5,52 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
5,52 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
5,52 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il gioco del rovescio e altri racconti - Antonio Tabucchi - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il gioco del rovescio e altri racconti Antonio Tabucchi
€ 6,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Dettagli

11
2001
Tascabile
11 dicembre 2006
176 p.
9788807811746

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
carmen
Recensioni: 4/5

Tabucchi anche in questi racconti fa un uso molto originale della scrittura. Se ne serve non per raccontare come in genere fanno i narratori ma piuttosto per evocare e suggerire come farebbe un poeta o un pittore. La cosa di cui si parla non è mai descritta direttamente. In genere si tratta di un rovescio, di una assenza, di un negativo dell'animo. Ma chi sia assente, non lo dice subito. Lo si intuisce alla fine di ogni racconto attraverso un gioco di rimandi che è come una specie di riflesso del riflesso o di associazioni di idee o di immagini. Si presenta nel racconto una immagine simile, magari di una sorella che improvvisamente cambia forma. In questo modo senza parlarci mai direttamente di nostalgia o del vuoto per una assenza, Tabucchi ci fa sentire sulla nostra pelle quella nostalgia e quel vuoto.

Leggi di più Leggi di meno
Toppi Alessandro
Recensioni: 4/5

"Vi sono in cielo e terra, Orazio, più cose di quante ne sogna la tua filosofia". Amleto sa che uno spirito è presenza, che una madre può essere una bestia da lussuria, che "uno può sorridere, sorridere, ed essere una canaglia". Sa che un funerale è un matrimonio livido, che la corte è un porcile lurido, che un letto celeste può farsi sede d'immondizie. Sa la differenza tra la consistenza-forma delle cose e quel "qualcosa ch'è al di là d'ogni mostra", tra il sembrare e l'essere, tra il reale e ciò che è vero. Occorre il principe danese, involontario quanto perfetto esegeta, per "Il gioco del rovescio" di Tabucchi, le cui prose sono sguardo volto all'ombra, percezione improvvida del minuto, cognizione in anima dell'in-visibile. E' offerta scritta dell'altro, dell'ulteriore, dell'o-sceno la pagina di Tabucchi. E' policromia serbata nel nero inchiostro d'un carattere. Serrare gli occhi per vedere meglio: ci si accorge che niente è come sembra. Così un padre si fa fantasma estivo di ritorno, un figlio "allegro, davvero allegro" finisce atroce tra gli atroci, un fratello che è una sorella scrive ad una sorella che è una speranza. Così un ritorno è una disfatta a vuoto, un'assenza è apparizione ultima, il "paradiso celeste" cela inferni malati. Così Fitzgerald si fa piccolo, Re Lear muore in Africa, e Dino Campana da Marradi acrobata tra versi e passi. E la letteratura, rovescio e sogno della vita, carezza portando in luce la reversibilità d'ogni storia, d'ogni nome, d'ogni senso. "In albergo apersi la lettera. Su un foglio bianco c'era scritta la parola SEVER. La rovesciai meccanicamente, in pensiero: REVES. Meditai un attimo su quella parola che poteva essere spagnola o francese e aveva due signifiati diversi. Pensai che la parola spagnola e francese coincidevano in un punto. Mi parve che esso fosse il punto di fuga d'una prospettiva, come quando si tracciano le linee prospettiche di un quadro". Il punto di fuga: "mi incamminai verso quel punto. E in quel momento mi ritovai in un altro sogno". Il resto è silenzio.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Antonio Tabucchi

1943, Pisa

Scrittore italiano, autore di romanzi, racconti, saggi, testi teatrali. Considerato una delle voci più rappresentative della letteratura europea, i suoi testi sono tradotti in tutto il mondo. Durante gli anni dell'università viaggia per tutta Europa sulle tracce degli autori conosciuti attraverso la biblioteca dello zio materno. In uno di questi viaggi, a Parigi, trova su una bancarella, firmato con il nome di Álvaro de Campos, uno degli eteronimi del poeta portoghese Fernando Pessoa, il poema "Tabacaria", nella traduzione francese di Pierre Hourcade. Da allora Pessoa sarà per più vent'anni l'interesse principale della sua vita. Cura, infatti, l'edizione italiana delle opere complete di Pessoa. Recatosi  a Lisbona,...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore