I giorni e gli anni (20 giugno 1968-20 agosto 1968) - Uwe Johnson,Angiolini Delia,Pasqualetti Nicola - ebook

I giorni e gli anni (20 giugno 1968-20 agosto 1968)

Uwe Johnson

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: L'orma
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 994,18 KB
Pagine della versione a stampa: 519 p.
  • EAN: 9788899793043
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È l'inizio dell'estate 1968, e sotto il sole rovente di New York risplendono e trascolorano le giornate e le memorie di Gesine Cresspahl e dei mille personaggi che abitano questa grande saga. Solisti e comprimari riecheggiano ormai nell'orecchio del lettore come note familiari eppure tanto più capaci di sorprendere, e le vicende di Gesine e dei suoi cari - su tutti la figlia Marie, costante controcanto affettuoso e polemico dei pensieri della protagonista -, così come i grandi eventi della Storia collettiva, si dispongono a intonare gli accordi conclusivi di questa opera-mondo del Novecento europeo. La sinfonia di Uwe Johnson volge al termine e, in ampie e multiformi armonie, temi e motivi convergono verso un finale polifonico, mosso e commovente. Sullo spartito del grande autore tedesco un passato sempre meno remoto e sempre più personale fa da contrappunto al presente irrisolto di una nazione divisa e di un'America d'adozione. Il lascito de I giorni e gli anni è una porta spalancata su quel futuro che sarà il nostro: «La Storia è un progetto». In questo quarto e ultimo volume della saga, costato all'autore un decennio di tormentato lavoro, Gesine pianifica un delicato viaggio a Praga mentre rievoca i vivaci e travagliati anni della scuola e della DDR. Marie intanto cresce veloce e, per scoprire se stessa, interroga la Storia da cui proviene. Questi densissimi mesi finali ci trascinano, in un pulviscolo di avvenimenti, fino alla scioccante repressione della Primavera di Praga.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristiano Cant

    23/09/2017 08:57:22

    Quarto ed ultimo movimento di questa imprescindibile sinfonia poetica. Non posso che ricopiare un passo decisivo dell'opera e dedicarlo a chiunque legga e ami la vera letteratura. In esso c'è il seme e l'etica stessa della vita e al tempo stesso tutta l'instabile e romantica logica che agita un'esperienza artistica, un destino che sceglie di scolpire parole ed è scelto per donarle al cuore e all'esperienza del prossimo. Ecco qui: "Se la memoria potesse comprendere il passato nel modo in cui noi incaselliamo la realtà! Ma il reticolo a più piani di tempo terrestre e causalità, logica e cronologia che noi usiamo per pensare non dipende dal cervello, dove noi non facciamo altro che ripensare ciò che è stato. Il deposito della memoria non è fatto per riprodurre. Un impulso, una congruenza solo parziale, una cosa che non incastra nulla...e vengono fuori fatti, numeri, lingue straniere, gesti scorrelati. Dagli in pasto un odore di pece, di marcio, di fresco come portato dal vento e pregalo di scovare un contenuto per il vuoto che un tempo fu realtà, sensazione viva, fatto accaduto. La tua preghiera resterà inesaudita. Il blocco lascerà lacerti, schegge, spezzoni, filacci che andranno a ricoprire a caso l'immagine depredata e priva del suo contesto, calpesteranno le tracce della scena che si voleva ricostruire. E così siamo ciechi a occhi aperti. Quel pezzo di passato che ci appartiene, poiché c'eravamo, rimane nascosto dentro a un segreto impenetrabile alla formula di Alì Babà, inavvicinabile nel suo gesto di rifiuto, privo di parola e affascinante come un enorme gatto grigio dietro al vetro della finestra, visto da molto in basso come con occhi di bimba". Aggiungo solo la mia riconoscenza all'Editore per aver dato completezza a questa mastodontica e sublime creatura. Il tempo appagherà ogni sforzo, credetemi, non si esce indenni da tanta bellezza. Quindi mi accomiato in tutta fierezza dopo questo strepitoso viaggio senza pari in tutto il grande Novecento.

  • User Icon

    Roberto

    23/08/2016 14:18:42

    Un elogio particolare e un ringraziamento alla casa editrice L'orma che ha permesso di portare a termine la traduzione (lasciata incompleta al secondo volume da Feltrinelli) di quest'opera in quattro volumi, che è senz'altro da annoverare tra i grandi classici del Novecento. Complimenti anche ai traduttori: hanno fatto un ottimo lavoro. Il romanzo è molto lungo, vale però la pena di affrontarlo e immergersi nella vita e nei ricordi di Gesine. Spero che l'editore pubblichi anche le altre opere di Uwe Johnson, autore tanto grande quanto poco conosciuto in Italia. Leggetelo.

  • Uwe Johnson Cover

    È uno dei maggiori scrittori e intellettuali tedeschi del dopoguerra. Fra il 1966 e il 1968 Johnson visse con la famiglia a New York, nell'Upper West Side a Manhattan, ed è proprio al suo stesso indirizzo che si svolgono le vicende di Gesine Cresspahl, personaggio femminile protagonista della sua opera più importante e travagliata: I giorni e gli anni si configura infatti come una tetralogia, la cui pubblicazione è avvenuta fra il 1970 e il 1983. Ogni capitolo rappresenta un giorno dell'anno racchiuso fra il 21 agosto 1967 e il 20 agosto 1968 (data che segna l'invasione russa in Cecoslovacchia e la contestuale, cruenta fine della Primavera di Praga). Il libro, composto nell'arco di più di quindici anni, abbraccia, sovrapponendo diversi piani temporali... Approfondisci
Note legali