Giorni perduti

The Lost Weekend

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Lost Weekend
Regia: Billy Wilder
Paese: Stati Uniti
Anno: 1945
Supporto: DVD
Salvato in 11 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 12,88 €)

La discesa nell'inferno dell'alcolismo di uno scrittore in crisi: nell'arco di un fine settimana è ricoverato in una clinica psichiatrica, tenta il suicidio e si salva, forse, grazie all'amore della fidanzata.
4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    cecarini marco

    20/09/2018 15:52:33

    capolavoro (uno dei tanti!) di Wilder, con Milland in stato di grazia che vinse l'oscar per l'interpretazione di uno scrittore alcolizzato

  • User Icon

    steni83

    21/09/2012 12:39:52

    Il film si aggiudicò 4 oscar tra cui quello per il miglior film. Ray Milland, oscar anche per lui, interpreta alla perfezione un (ex?) alcolista che non fà nulla per farsi aiutare dal fratello e dalla fidanzata a smettere definitivamente. Verrà anche ricoverato in un istituto dal quale riuscirà ad andarsene ma minato psicologicamente. Sicuramente non uno dei miei preferiti girati da Wilder ma un film che, và ricordato, fece scalpore quando uscì ai tempi per il tema trattato. Un tema comunque attuale anche ora.

1946 - Festival di Cannes - Miglior attore - Milland Ray
1945 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attore - Milland Ray

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: A & R Productions, 2014
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 96 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Ray Milland Cover

    Nome d'arte di Reginald Truscott-Jones, attore inglese. Debutta nel cinema come comparsa in Inghilterra nel 1929 e l'anno successivo si trasferisce a Hollywood. Fattosi conoscere con una serie di personaggi minori, guadagna sempre più spazio, cimentandosi in tutti i generi, dalla commedia degli equivoci (Che bella vita, 1937, di M. Leisen) all'avventura (Beau Geste, 1939, di W. Wellman) al film di propaganda (Arrivederci in Francia, 1940, di M. Leisen). Attore raffinato, affabile e attraente, fa il salto di qualità grazie a B. Wilder, che lo dirige nel divertente Frutto proibito (1942), nel quale è un maggiore innamorato della giovane G. Rogers, e soprattutto in Giorni perduti (1945), dove impersona uno scrittore alcolizzato, interpretazione premiata con un Oscar. Atmosfere noir come quelle... Approfondisci
  • Jane Wyman Cover

    "Attrice statunitense. Diva dalla carriera eccezionalmente lunga e variegata, approda allo spettacolo agli inizi dei '30 come cantante radiofonica (con il nome di Jane Durrell). Hollywood le offre qualche piccola parte (L'impareggiabile Godfrey, 1936, di G. La Cava), poi nel 1937 si guadagna un contratto con la Warner Bros, che la impiega come biondina decorativa di molte produzioni a basso budget. Nel 1945 arriva il ruolo di premurosa compagna di un alcolizzato R. Milland in Giorni perduti di B. Wilder, che fa di lei una star. La sua fine interpretazione apre la strada a numerosi drammi di qualità, tra cui Il cucciolo (1946) di C. Brown, dove è sorprendentemente efficace come madre dura e senza fantasia, e l'atmosferico Johnny Belinda (1948) di J. Negulesco, nel difficile ruolo (premiato... Approfondisci
Note legali