Il giorno dei morti

Cees Nooteboom

Traduttore: F. Ferrari
Editore: Iperborea
Anno edizione: 2001
Pagine: 400 p., Brossura
  • EAN: 9788870910995

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    30/09/2017 06:00:53

    Cosa resta incollato sotto quelle che Benjamin chiamava "le suole della memoria"? Qual è la vera formula dei ricordi? Due domande, fra le tante, che si affacciano subito lungo i passi di un uomo troppo graffiato dal dolore, un uomo "a cui sono toccate brutte carte", come a moltissimi, e che nel romanzo non fa che esplorare le proprie cicatrici, misurarne il calore, il taglio, l'ignota direzione verso cui lo portano, noncurante e disilluso nel suo vagare come un auslander in una Berlino ombrosa, come metafisica, da poco ricomposta nelle sue due anime spaccate. Le risposte saranno altre domande, inquietudini umide nella sporca tinozza della storia e destinate a restare ignote, insieme agli abiti del caso, alle tasche dell'intenzione, agli incomprensibili enigmi della vita che nessun vento può asciugare in una calma che ne riavvii il percorso. Lunghi incontri come in un Simposio rifatto: uno scultore, una storica, un filosofo, e lui, Arthur, un cineasta, un uomo che maneggia le immagini, le cura, le accarezza. Ed è questo il suo scontro, quel tentare di far affiorare il misterioso, il non visto che pure esiste racchiuso nel guscio dei giorni, "far sentire contemporaneamente il tempo e l'atemporalità". Sollevare il masso dei tanti nonsensi, della morte, e ridare alla solitudine una parvenza di comprensione, far rifiatare ciò che continua, le lancette interiori, perché "gli orologi nelle stanze delle persone sole vanno più lenti". Entra allora la parola come risorsa a snidare il già tracciato e il caotico, l'informe e il fatale, e sarà questa la forte impronta del libro, quella di un lungo e poetico saggio sulla sostanza del vivere dove anche i morti (stupenda trovata) avranno le loro pagine per parlare. Cosa può smuovere dunque quel grigio brusio di silenzi senza bussola? Forse una donna, un istante di luce nell'impazzita metrica della sorte. Se anche lei però non si rivelasse una "specialista in addii". L'indefinibile elevato a incanto. Libro splendido.

  • User Icon

    M.G.

    09/04/2010 01:55:10

    Confermo l'esperienza unica nel leggere questo libro, solo glii amanti sensibili della vita si immergono in queste pagine, in una conversazione lunghissima tra amici da lasciare a bocca aperta l'autore afferma che il genere umano non riesce ad immaginarsi un futuro lungo come il nostro passato, tutto deve finire con noi, è impossibile immaginarci come un mucchietto d'ossa in una vetrina di un museo, lo consiglio caldamente come verso santiago e molti altri suoi libri.

  • User Icon

    REXLEX

    29/05/2008 13:13:54

    L'ho letto ora. Per quanto tenga a valorizzare un libro anche solo per un'immagine , un lampo , uno sporadico periodo mi è assai pesato finire questo libro "senza ne capo ne coda". Probabilmente sono uno di quei lettori che hanno bisogno ancora di un minimo di traccia narrativa . Ho preferito "Rituali" dello stesso autore. Però non penso che darò una terza chance a questo autore , almeno per un po'.

  • User Icon

    dario

    08/02/2007 13:03:47

    Sono passati 5 anni e oggi ho sentito il dovere di parlare di questo libro. In 5 anni i ricordi mutano, le sensazioni sbiadiscono.... chissà se vi parlo dello stesso libro che leggerete ora. Non l'ho più riletto. Ma lo considero uno dei miei libri preferiti. Nooteboom riesce a parlare di noi, contemporanei, attraverso i personaggi di questo libro, la solitudine, la memoria, la nostra storia recente. Riesce a farlo usando una città simbolo, Berlino, il coro Greco, il medioevo, Geniale la comparazione. E noi, contemporanei, rimaniamo lì inutili, illusi, inesistenti. Dopo 5 anni... chissà se è contenuto tutto in questo libro.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione