Il giorno della locusta

Nathanael West

Traduttore: C. Fruttero
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 15 gennaio 2013
Pagine: XI-196 p., Brossura
  • EAN: 9788806211240
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il romanzo inizia con il protagonista, Tod Hackett, che passeggia per le vie della città. Ma le vie dove cammina sono finte: la storia si muove tra la cartapesta e le scenografie di Hollywood, città dove gli uomini arrivano con grandi sogni e illusioni, per ritrovarsi annoiati, squallidi, vuoti, invidiosi e crudeli. "Una locusta tra milioni di locuste che possono, se fanno folla, calpestare i bambini e sradicare gli alberi". "Il giorno della locusta", uscito contemporaneamente a "Topolino" e "Furore", mostra le insidie nascoste dalla promessa di felicità americana, chiudendosi con la scena formidabile di una "folla che tumultua e distrugge". Prefazione di Christian Frascella.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Paolo Zardi

    20/01/2009 22:09:04

    "Il giorno della locusta" rappresenta un capolavoro dimenticato della letteratura america. Scritto con una prosa che nasconde, dietro ad un'apparente semplicità, una ricchezza sconfinata, questo libro è il padre putativo di libri come "Lolita", "Herzog", i racconti della O'Connor, il black humour di Philip Roth. Questo libro, che in Italia non si pubblica neppure più, ha avuto un impatto fondamentale nella letteratura americana. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Nicola Sartorello

    02/03/2002 17:06:02

    I fili segreti che reggono le esistenze del popolo di Hollywood e l'esile confine tra la realtà e la finzione, abbattuto da un vento di follia individuale e collettiva. L'elogio della pazzia, e della fatuità di una vita legata allo spettacolo, come metafora di fuga dalla quotidianità banale dei personaggi senza successo. La facile prosa di West non accende particolari emozioni, eccezion fatta per la descrizione degli Studios attraversati dal protagonista e per la memorabile visione della folla eccitata in attesa dell'epifania divina. Si legge come bere un bicchier d'acqua.

Scrivi una recensione