Giovani senza domani

A Kiss Before Dying

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: A Kiss Before Dying
Regia: Gerd Oswald
Paese: Stati Uniti
Anno: 1956
Supporto: DVD
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 4,55 €)

Pur di sposare una giovane ereditiera, un ragazzo scapestrato ammazza il padre di lei che si oppone al matrimonio. Poi, elimina chiunque sospetti di lui, ma ormai in un vortice senza fine è costretto ad assassinare anche la promessa sposa. La sorella di quest'ultima non si fa sorprendere e, dietro meditata vendetta, lo uccide.
  • Produzione: Golem Video, 2015
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 94 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 2.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers
  • Robert Wagner Cover

    Propr. R. John W. Attore statunitense. Esordiente nel genere bellico (Okinawa, 1951, di L. Milestone), cui torna più volte (I diavoli del Pacifico, 1956, di R. Fleischer), è un comprimario eclettico, attivissimo negli anni '50, che da protagonista sottende un ribellismo impietoso (Giovani senza domani, 1956, di G. Oswald) e radicale (La vera storia di Jess il bandito, 1957, di N. Ray). Già funzionale alla commedia (In amore e in guerra, 1958, di P. Dunne) anche grottesca (La pantera rosa, 1963, di B. Edwards), è accanto alla moglie N. Wood in ruoli drammatici (I giovani cannibali, 1960, di M. Anderson) e sentimentali (Un affare di cuore, 1973, di G. Cates). Sfiora anche la fantascienza (La città degli acquanauti, 1971, di I. Allen) ma è già avviato atttraverso i serial tv (Operazione ladro,... Approfondisci
  • Jeffrey Hunter Cover

    "Nome d'arte di Henry Herman McKinnies jr., attore statunitense. Sotto contratto alla Fox nel 1951, a spasso tra vari generi, si rivela più credibile in western originali (Tre ragazzi del Texas, 1954, di H. Levin; La grande sfida, 1956, di R.D. Webb), che gli servono come palestra per il passaggio alla Warner. Qui affianca J. Wayne nel più estremo dei suoi ruoli (Sentieri selvaggi, 1956) e, sempre per Ford, affronta poi un western problematico su temi razziali (I dannati e gli eroi, 1960), passando per un'opera «irlandese» (L'ultimo urrà, 1958) dello stesso regista e per il western atipico La vera storia di Jess il bandito (1957) di N. Ray, che lo consacra nel ruolo di un Gesù Cristo (Il re dei re, 1961) mai così biondo e ceruleo." Approfondisci
Note legali