La gioventù assurda

Paul Goodman

Editore: Einaudi
Anno edizione: 1971
In commercio dal: 01/01/1997
Pagine: 230 p.
  • EAN: 9788806316747
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,15

€ 7,23

Risparmi € 1,08 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 

Questo libro di Paul Goodman, uscito in America da oltre dieci anni e da Einaudi edito la prima volta nel '64, non solo non ha perso di mordente, ma si è confermato come una diagnosi, illuminante e precoce, della «rivolta dei giovani» lungo l'intero arco degli anni '60.Secondo Paul Goodman, non è tanto di una gioventù assurda che si deve parlare, quanto di una gioventù che cresce nell'assurdo. Nel labirinto, a cui viene paragonata la società americana, individui equilibrati e integrati corrono senza senso come topi per vie sempre uguali: altri, come il beatnik, o il giovane delinquente, propongono tragicamente gli unici modi per restarne fuori. Questo libro sulla gioventù «disadattata» ha il coraggio di rovesciare i termini abituali del problema. Quando ci si riferisce agli esclusi e ai giovani delinquenti non serve parlare di asocialità se prima non si è riconosciuto che la socialità richiesta e raccomandata, oltre a non essere affatto attraente, non offre altre scelte. La rivolta dei giovani è il risultato distorto di una giusta insoddisfazione per la società: poiché quest'ultima chiede l'integrazione totale, il rifiuto dell'integrazione diviene subito atto antisociale. «A mano a mano che la società si fa piú compatta e assoluta, un atto criminale può ben essere un muto gesto politico, e una protesta politica è inevitabilmente considerata criminale».

Prefazione. Introduzione. La «natura umana» e il Sistema Organizzato. I. Lavori. II. Venir presi sul serio. III. Struttura di classe. IV. Attitudini. V. Patriottismo. VI. Animale sociale. VII. Fede. VIII. Una stanza apparentemente chiusa. IX. I rinunciatari precoci. X. I fatalisti precoci. XI. La comunità che non abbiamo. Conclusione.