Giovio in Parnaso. Tra collezione di forme e storia universale - Lara Michelacci - copertina

Giovio in Parnaso. Tra collezione di forme e storia universale

Lara Michelacci

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 30 settembre 2004
Pagine: 296 p., Brossura
  • EAN: 9788815097606

€ 11,61

€ 21,50
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Tra collezionismo e morfologia letteraria e figurativa, questo libro indaga i percorsi che ruotano intorno alla molteplice esperienza di Paolo Giovio. Veniamo così introdotti nell'officina del collezionista e del raccoglitore di immagini e parole, prima con gli archetipi spaziali della rappresentazione nelle due forme della villa e del museo, poi con la complessa realtà delle descrizioni di viaggio.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella ricca bibliografia che studia il nesso fra letteratura e arti visive nel Rinascimento, non sono molte le voci intitolate a Paolo Giovio, vescovo di Nocera e autore di monumentali Historiae latine (1550-1552). Il libro di Michelacci colma una lacuna, sottolineando la dimensione interdisciplinare della ricerca gioviana, che proprio da una curiositas figurativa e collezionistica prende le mosse. La sua responsabilità nell'elaborazione del programma decorativo per la villa medicea di Poggio a Caiano (nel secondo decennio del secolo) testimonia una vivace vocazione encomiastica, ma soprattutto una competenza iconografica che trova completa realizzazione nella famosa villa-museo di Como: collezione di ritratti degli uomini famosi (secondo il modello umanistico) e al tempo stesso "luogo di studio fuori dai fasti della città" (seguendo l'esempio di Plinio il Giovane e Petrarca). Architettura della villa e organizzazione di un museo personale si incrociano dunque nel luogo e insieme nel concetto di "galleria", che Giovio consegna alla posterità come particolarissimo intreccio di immagini e parole (i motti, le imprese), vero e proprio pendant visualizzato e mnemotecnico delle Vitae e degli Elogia che l'umanista va componendo. Michelacci documenta i rapporti del museo gioviano con il topos coevo della descriptio villae (Doni), quindi l'articolata fortuna del suo modello nel corso del Cinquecento (da Ortelio a Zwinger, fino al progetto di una moderna enciclopedia). Ma, soprattutto, insiste sulla funzione "di servizio" delle imagines nei confronti della scrittura erudita di Giovio: quella geografica e insieme quella storiografica, che alla garanzia dei ritratti fa appello come a un criterio supplementare di verità.

Rinaldo Rinaldi

Note legali