Giù la testa di Sergio Leone - DVD

Giù la testa

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Sergio Leone
Paese: Italia
Anno: 1971
Supporto: DVD
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 5,90

Venduto e spedito da Allstoreshop

+ 3,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 5,90 €)

Un bandito messicano si unisce ad un irlandese per rapinare una banca non sapendo che quest'ultimo combatte per la causa della rivoluzione messicana.
4,6
di 5
Totale 5
5
4
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gino

    24/09/2019 14:36:04

    Giù la testa è un film del 1971 diretto da Sergio Leone e interpretato da Rod Steiger, James Coburn e Romolo Valli. È il secondo film della cosiddetta trilogia del tempo, preceduto da C'era una volta il West (1968) e seguito da C'era una volta in America (1984). Il film è ambientato nel Messico del 1913, durante la rivoluzione, e vi vengono citati Francisco Indalecio Madero, Pancho Villa, Emiliano Zapata e Victoriano Huerta.

  • User Icon

    Frenk

    02/08/2011 10:05:57

    Se potessi, darei 6/5. Il film è straordinario per il messaggio che trasmette, per la recitazione, per la colonna sonora, per i dialoghi, la fotografia, l'ambientazione...per tutto!! Interessantissima la contrapposizione fra i due protagonisti, eccezionalmente interpretati da Steiger e Coburn. C'è solo da inchinarsi a un film del genere, chi non lo capisce vuol dire che la vita non gli ha insegnato niente, e se è vero che i film di Leone sono superati, anche se ne dubito fortemente, allora è solo colpa della generazione moderna, forse se guardassero più Sergio Leone e meno Neri Parenti sarebbe una generazione caratterizzata dai valori non dalle bestemmie.

  • User Icon

    antonio cerrato

    01/07/2009 11:32:32

    Non dico che Sergio Leone non sia stato un grande regista, ma i suoi film oggi sono inguardabili lenti e di una noia mortale. Del resto già ai suoi tempi il western era morto ed i suoi films sono stati il canto del cigno di questo genere. Ripeto, non discuto la tecnica ed il talento di Leone ma, a mio parere,la differenza tra un caplavoro ed un buon film di genere è la capacità del film di resistere al tempo. Quanto ai paragoni con Don Siegel, i suoi film resistono benissimo al tempo e non sono il solo a dirlo. E' Leone il regista sopravvalutato !!!

  • User Icon

    Revan

    24/06/2008 14:53:00

    Unico film girato dal mitico Leone negli anni 70', rimane ancora oggi una pietra miliare del nostro cinema. Davvero splendido il duetto Steiger-Coburn (Eastwood rifiutò la parte di John Mallory per poter lavorare nei mediocri western americani del fin troppo sopravvalutato Siegel...films poi che al giorno d'oggi ricordano in 7 persone al mondo..) e ottime le musiche (come sempre) di Morricone. Meraviglioso.

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    08/11/2007 14:10:42

    più che "Giù la testa", GIU' IL CAPPELLO, inchiniamoci davanti a questo genio che è Sergio Leone...quasi paragonabile alla "trilogia del dollaro"...

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Produzione: Mondo Home Entertainment, 2012
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 154 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Formato Schermo: 16:9
  • Area2
  • Contenuti: documentario; biografie
  • Rod Steiger Cover

    Propr. Rodney Stephen S., attore statunitense. Arruolatosi marinaio durante la prima guerra mondiale, dopo il conflitto prende i primi contatti con il mondo dello spettacolo come attore teatrale e televisivo. Il successo di uno sceneggiato favorisce il suo esordio sul grande schermo, dove in pochi anni si impone come valido caratterista drammatico. Fisico imponente e volto segnato, dà vita a numerosi personaggi tormentati e nevrotici a lui ben congeniali, che interpreta con rigorosa professionalità affidandosi al metodo Stanislavskij. Lo ricordiamo fratello del ribelle M. Brando nel tormentato Fronte del porto (1954) di E. Kazan, avido produttore nel letterario Il grande coltello (1955) di R. ­Aldrich, gangster senza scrupoli nei violenti Il colosso d'argilla (1956) di M. Robson e Al Capone... Approfondisci
  • James Coburn Cover

    Attore statunitense. Sceglie di fare l'attore dopo il college e tenta la via della tv, recitando in una serie western che gli vale un'apparizione in L'albero della vendetta (1959) di B. Boetticher e una piccola parte in I magnifici sette (1960) di J. Sturges, dove incarna un personaggio cinico-scettico con evidenti sfumature romantiche, ripreso anni dopo sotto la direzione di S. Leone in Giù la testa (1971), ma già configurato in Sierra Charriba (1965) di S. Peckinpah. Ottiene la sua prima parte di protagonista con Il nostro agente Flint (1966) di D. Mann, rivelando anche una tonalità satirico-umoristica in film come Alle donne piace ladro di B. Girard e Papà, ma che cosa hai fatto in guerra? di B. Edwards, ambedue del 1966. Torna a calarsi in personaggi dal profilo problematico, come in Uno... Approfondisci
  • Romolo Valli Cover

    Attore italiano. Laureato in giurisprudenza, critico e uomo di cultura, si avvicina al teatro dalla fine degli anni '40 imponendosi da subito per personalità e sobrietà di stile e di approccio ai testi classici. Ottiene enormi successi da protagonista in tutti i teatri d'Italia e d'Europa mentre il cinema, pur apprezzandolo, gli ritaglia solo ruoli secondari nei quali comunque brilla per spessore drammaturgico. È, per es., il pacato e umano tenente Gallina in La grande guerra (1959) di M. Monicelli e padre Pirrone in Il Gattopardo (1963) di L. Visconti. Passa dalla grandiosità di Giù la testa (1971) di S. Leone alla bizzarria di Che? (1972) di R. Polanski. Sempre per Visconti, interpreta anche Morte a Venezia (1971) e Gruppo di famiglia in un interno (1974). Il suo ultimo film è Chiaro di... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali