Giulio. Testo latino a fronte

Erasmo da Rotterdam

Curatore: S. Seidel Menchi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 28 gennaio 2014
Pagine: CXLII-172 p., Rilegato
  • EAN: 9788806210991
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
La storia è quella di papa Giulio II che, una volta morto, cerca di varcare le porte del paradiso ma viene respinto da san Pietro. Furibondo, cerca di convincere il più antico collega che la sua idea di Chiesa è vecchia e superata, cerca di "convertirlo" agli ideali della forza, del denaro, del potere. Ma, nonostante lo minacci con le sue armate, dal paradiso rimarrà fuori. Al di là della caricatura personale, un Giulio II ubriacone, omosessuale e sifilitico ricavato in parte dalla vox populi del tempo, l'aspetto più sovversivo del dialogo è lo svelamento della degradazione del papato come istituzione. È ovvio che un uomo prudente in termini di ortodossia come Erasmo poteva essere orgoglioso del suo pamphlet in comunicazioni private ma non poteva permettersi di firmarlo, e che quando i suoi ex amici luterani prendono lo Iulius come un libro-bandiera per le proprie battaglie si impegnerà a fondo per negarne la paternità. Ma i moderni filologi, tra i quali eccelle Silvana Seidel Menchi, glielo riattribuiscono a distanza di circa cinque secoli in maniera inoppugnabile. La storia di questo libello, che la curatrice ripercorre nel saggio introduttivo, attraversa gli anni cruciali della Riforma e incrocia tutti i protagonisti della grande battaglia teologico-culturale che ha forgiato l'Europa all'inizio della modernità.

€ 23,80

€ 28,00

Risparmi € 4,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

24 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mirko

    18/07/2016 10:21:45

    Bellissimo e divertentissimo Dialogo in cui il defunto Papa Giulio II, enuncia a San Pietro (guardiano del Paradiso) i meriti per poter accedere al regno dei cieli. Meriti che Pietro ascolta tra lo sbigottito e l'indignato, in quanto nulla a che fare hanno con il messaggio originale del Cristo e con l'ambito della spiritualità. Un libro fondamentale per conoscere un altro dei (tanti) protagonisti, della tumultuosa storia della prima metà del '500: Giulio II, "Il Papa Guerriero" che si ispirava per le sue gesta a Giulio Cesare.

Scrivi una recensione