€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Descrizione
Marino Pacileo, detto Gorbaciòf a causa di una vistosa voglia sulla fronte, è il contabile del carcere di Poggioreale a Napoli. Pacileo, schivo e silenzioso, ha una sola passione: il gioco d'azzardo. Quando scopre che il padre di Lila, la giovane cinese di cui è innamorato, non può coprire un debito contratto al tavolo da gioco, Pacileo sottrae i soldi dalla cassa del carcere e li dà alla ragazza. Dal quel momento, tra partite sbagliate, riscossione di tangenti e rapine, inizia una spirale discendente dalla quale non riuscirà più ad uscire.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marco

    05/04/2011 04:40:31

    Credo che Stefano Incerti sia un fan di Kim Ki-duk. Chiunque apprezzi il peculiare stile del noto regista coreano non potrà non stupirsi nel vedere un film italiano che ne ripropone così fedelmente la poetica. Gorbaciof è una storia d'amore quasi muta ma, proprio per questo, infinitamente più autentica ed emozionante di quelle a cui siamo abituati. Al cinema italiano, riflesso di un popolo chiassoso e chiacchierone, mancano pellicole che esaltino il valore del silenzio, che sappiano gestire l'infinita bellezza e la preziosa forza della comunicazione fatta di sguardi, sorrisi, fugaci occhiate, delicate carezze. Incerti, come Ki-duk, riesce a creare questa alchimia e lo fa utilizzando, sullo sfondo di Napoli, il più grande attore italiano vivente (Toni Servillo) e una deliziosa attrice cinese (Mi Yang) che, forte dei tradizionali valori orientali, è innata maestra nell'arte dell'espressività del silenzio. Indissolubilmente legato all'elogio del silenzio è la sceneggiatura asciutta, essenziale, minimalista, anch'essa caratteristica del Ki-duk. Ma Gorbaciof forse eccede in tale aspetto, risultando addirittura spoglio. Il film di Incerti è breve, e narra velocemente e in modo molto diretto una parabola che avrebbe avuto bisogno di più spazio e di maggior cura per i dettagli. Ma ad ogni modo, con questo film Incerti ha fatto un grande passo nel cinema maturo e di qualità, e non ho dubbi sul fatto che saprà crescere ancora.

Scrivi una recensione
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2011
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Durata: 85 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: trailers; dietro le quinte (making of)