La grande madre impazzita - CD Audio di Giovanna Marini

La grande madre impazzita

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Giovanna Marini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Ala Bianca
  • EAN: 8012855422922
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 14,90

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 12,25 €)

LA GRANDE MADRE IMPAZZITA – GIOVANNA MARINI (1979) – 2CD
Una lunga cantata urbana per coro (la stessa Marini con Annalisa e Tata Di Nola, Lucilla Galeazzi e Elena Morandi) e il trio SIC (i fiati jazz di Giancarlo Schiaffini, Michele Iannaccone e Eugenio Colombo); un disco bellissimo, un racconto epico e grottesco. Il libretto del cd contiene illustrazioni originali di Tullio Pericoli.
Questo titolo fa parte della prima pubblicazione su CD di 8 album della prestigiosa collana di musica popolare: I DISCHI DEL SOLE! 8 nuove edizioni di vinili anni ‘60 e ‘70, ri-masterizzate e mai riproposti prima d’ora.
Ad un anno dalla ri-pubblicazione dei primi 12 album della collana Dischi del Sole, escono ora, per la prima volta su CD, altri 8 titoli dello storico catalogo dei Dischi del Sole. Sono album e raccolte che hanno visto la luce negli anni ’60 e ‘70 e poi non più reperibili sino ad oggi.
Si tratta di alcune tra le opere più significative di autori quali Fausto Amodei (“L’ultima crociata”), Giovanna Marini (“La grande madre impazzita”, “Lunga vita allo spettacolo e Viva Voltaire e Montesquieu”) e Pino Masi (“Compagno sembra ieri”), oltre a raccolte che oggi appaiono fondamentali per comprendere e conoscere la storia più autentica della cultura popolare italiana del ‘900 (e non solo).
Ecco che allora un titolo come “Il bosco degli alberi”, frutto del lavoro di quello straordinario laboratorio culturale che è stato il Nuovo Canzoniere Italiano, raccoglie quasi duecento anni di voci popolari, dall’Italia preunitaria alla società di massa. E ancora, lo sguardo critico sulla società e sulla storia nazionale è lucidamente rappresentato dall’opera collettiva “Addio Padre”, mentre la raccolta “Sventolerai lassù” è una fotografia estremamente nitida indispensabile per comprendere il significato della canzone politica di stampo comunista nell’Italia degli anni’ 70.
Infine la grande passione per la ricerca etno musicale nel nostro paese è perfettamente rappresentata da “Il cavaliere crudele”, collezione dedicata ad alcuni dei più noti canti regionali piemontesi, che mostra le insospettabili influenze che dal nord ovest si sono spinte verso altre regioni italiane, dimostrando una vitalità e una condivisione di temi e narrazioni all’interno del mondo popolare italiano che sono andate via via intrecciandosi tra loro nel corso dei secoli.
I Dischi del Sole sono un'occasione per leggere in modo diverso la storia degli uomini, delle idee, delle lotte che hanno ‘costruito’ il nostro paese.
Vogliamo riproporli per offrirli di nuovo a chi li conosce già e oggi guarda al passato con gli occhi del presente, e per farli conoscere ai più giovani, che vivono il presente con lo sguardo rivolto al futuro, alla ricerca di un loro mondo e di una loro concezione dei tempi che cambiano.
Disco 1
1
Ouverture impezzita
2
Grande madre impazzita canta
3
Lasciate ch'io vi spieghi
4
Grande madre impazzita canta
5
Finalino
6
Quando d'un tratto
7
Io non sono la pubblica opinione
8
Niente niente niente
9
Questi ricordi
10
Interludio
11
Grande madre impazzita canta
12
Ho visto le macchine
13
Grande madre impazzita canta
14
Io ti racconto
Disco 2
1
Grande madre impazzita canta
2
Nel quartiere
3
Grande madre impazzita canta
4
Abbiate pazienza
5
Grande madre impazzita canta
6
Vado per le strade
7
Grande madre impazzita canta
8
Noi la chiamiamo inferno
9
Ma lo sapete?
10
E' l'aria
11
Saranno le tre
12
Dieci pezzi di media difficoltà
13
Grande madre impazzita canta
14
Finalone
  • Giovanna Marini Cover

    Compositrice italiana. Si diploma al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma ma dopo due anni si trasferisce negli Stati Uniti, da dove ritorna con la sua prima ballata, «Vi parlo dell’America» (1968). In questi anni comincia a comporre per il teatro e per il cinema, ma è soprattutto la collaborazione con il regista F. Maselli a stimolarne la creatività. Nel 1976 fonda il Quartetto Vocale per dare vita a una ricerca etnomusicale mentre compie un’esperienza come sceneggiatrice e attrice in I giorni cantati (1979) di E. Pietrangeli. Insegna all’Università di Saint-Denis e alla Scuola popolare di musica del Testaccio a Roma. Approfondisci
Note legali