La grande scommessa

The Big Short

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Big Short
Regia: Adam McKay
Paese: Stati Uniti
Anno: 2016
Supporto: Blu-ray

nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Drammatico

Salvato in 40 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 11,46 €)

Quando quattro outsider esperti in finanza si accorgono di ciò che le grandi banche, i media e le autorità di regolamentazione del governo si rifiutano di vedere - l'imminente crisi economica globale - decidono di fare La Grande Scommessa . I loro coraggiosi investimenti li conducono negli oscuri meandri della moderna industria bancaria portandoli a mettere in discussione tutto e tutti.
4,33
di 5
Totale 6
5
2
4
4
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Renato

    16/05/2020 18:25:43

    Film davvero interessante, sicuramente ha lo scopo di informare e svelare retroscena particolari che hanno preceduto la drastica crisi economica del 2008 ma è anche un film tecnicamente notevole con un Adam McKay alla regia che offre il meglio di se. Un film tragi-comico con personaggi scritti in maniera egregia e interpretati ancora meglio dai vari attori, su tutti ho apprezzato il personaggio di Mark Baum interpretato da Steve Carell che per via della sua storia personale intrecciata con la trama principale dona al film quel risvolto amaro e riflessivo. Il film segue dunque le vicende di tre gruppi di persone che hanno previsto cosa stesse per succedere sul mercato e a tratti denuncia verità che si sarebbero potute evitare. Nonostante vi siano presente terminologie del caso il film è molto ben fatto e chiaro grazie a trovate registiche che distruggono la quarta parete rivolgendosi direttamente allo spettatore risultando essere davvero furbe e intelligenti. Da vedere.

  • User Icon

    Maurizio

    21/03/2020 15:13:00

    Bellissimo film che narra la crisi economica del 2008, su come questa si sia generata e su quali conseguenze abbia portato (ancora presenti in Italia). I protagonisti sono perfetti nei loro ruoli, e rappresentano una storia e personaggi reali. Per far capire la complessità di quanto spiegato, il personaggio narrante (Ryan Gosling) spiega in modo semplice i meccanismi dell'economia finanziaria altrimenti difficili da interpretare e, nel film, ci sono dei cameo di personaggi famosi (che si presentano con il loro nome) per aiutare a capire ulteriormente le dinamiche di un'economia finanziaria portata all'eccesso e le sue conseguenze sulla vita reale delle persone. Nonostante la complessità dei temi trattati, il film ha un ottimo ritmo e la trama si svolge quasi come un film investigativo. Eccellente la prestazione di Christian Bale e di Steve Carell. Consigliato a chi voglia guardare un film che richiede attenzione e cervello ben attivo. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Teresa

    21/09/2019 20:44:19

    The Big Short è un film tratto dall’omonimo romanzo di Michael Lewis, che racconta la storia di un gruppo di investitori visionari che avevano intuito il crollo finanziario del 2008 e hanno scommesso contro il sistema, guadagnandoci. Il film, diretto brillantemente da Adam McKay, cerca di spiegare le cause della crisi finanziaria che ha colpito il mondo intero nel 2008, parlando della storia del crollo economico dal punto di vista dei protagonisti. I protagonisti di The Big Short sono persone realmente esistite che hanno scoperto i problemi legati al settore immobiliare e ne hanno previste le conseguenze. Il film è una storia dal loro punto di vista, quella di questi eccentrici “eroi” dal carattere molto difficile, ma che sono rimasti sconosciuti alla gente comune: mentre i più, nel 2008, perdevano le loro case e i loro risparmi di una vita, questo gruppo di persone ci ha invece guadagnato una fortuna, ma non senza sensi di colpa. Il film gode di un cast formidabile.

  • User Icon

    gipal

    10/03/2019 19:20:31

    Ottima pellicola che poggia su una sceneggiatura scritta splendidamente. Nonostante il tema incredibilmente ostico, visto l'analfabetismo economico dilagante, il film di McKay cerca di spiegare, in modo quanto più possibile comprensibile, la natura di quei prodotti finanziari che hanno causato la gigantesca crisi economica del 2008. Un film corale in cui tutte le parti si tengono assieme alla perfezione, dando vita a un ampio ritratto del mondo bancario-assicurativo di Wall Street.

  • User Icon

    gianmaria

    13/01/2019 00:24:52

    Come siamo sciocchi ed ingenui. Crediamo di sapere ed invece viviamo nella ignoranza di ciò che ci accade intorno. Cerchiamo capri espiatori ma i reali colpevoli sfuggono alla nostra attenzione. Questo film cerca di farci capire qualcosa della crisi economica iniziata nel 2007. C' è un ironia amara che permea tutto il film. Che mi è piaciuto molto e che consiglio a tutti.

  • User Icon

    Garbi Simonetta

    18/09/2018 17:30:54

    Film a forte carattere finanziario sulla più recente crisi mondiale che ha scosso il mondo nel 2009 e soprattutto sulle cause della stessa. Per chi non è pratico della materia alcuni momenti sono di difficile comprensione in quanto molto tecnici e con termini probabilmente non conosciuti a molti, tanto che il regista decide di interrompere la narrazione per dare delle spiegazioni con l’utilizzo di metafore e personaggi famosi. Al di là dei dettagli si riesce comunque a seguire bene la trama, lasciando anche molti spunti di riflessione sull'aspetto etico e morale dell’intera vicenda.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente

Il film di Adam McKay scommette contro le regole del racconto filmico mainstream e stravince

Trama
Nell'anno 2005, il mercato immobiliare americano appariva più stabile e florido che mai. Chiunque chiedesse un mutuo, preferibilmente a tasso variabile, era quasi certo di ottenerlo. Per questo, quando Michael Burry si presentò in diverse banche per scommettere sostanzialmente contro l'andamento del mercato, nessuno gli negò la possibilità di farlo, e anzi gli risero alle spalle. Michael Burry, però, aveva visto quello che il mondo non vedeva ancora: una pericolosa e crescente instabilità del sistema, peggiorata dalla vendita smodata di pacchetti azionari pressoché nulli, etichettati in maniera fraudolenta.

2016 - Oscar [Academy Awards] - Miglior sceneggiatura non originale

  • Produzione: Paramount Home Entertainment, 2016
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 100 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (DTS:X);Inglese (DTS Headphone: X);Francese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1);Tedesco (Dolby Digital 5.1);Giapponese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese; Inglese per non udenti; Danese; Finlandese; Francese; Giapponese; Norvegese; Olandese; Spagnolo; Svedese; Tedesco
  • Formato Schermo: 2,40:1
  • AreaB
  • Contenuti: speciale: Il grande salto: Adam McKay - Eroi improbabili: i personaggi de La Grande Scommessa - Il castello di carte: L'ascesa della caduta; dietro le quinte (making of): Realismo: ricreare un'epoca - Quotazioni: il casting; scene inedite in lingua originale: Scene eliminate
  • Steve Carell Cover

    Propr. Steven John C., attore statunitense. Si costruisce una carriera da comico televisivo, in particolare nel programma The Daily Show (1999-2005) e nella serie The Office (2005-08), che gli vale un Golden Globe come miglior attore. Al cinema è per qualche tempo spalla comica: regge il gioco a J. Carrey in Una settimana da dio (2003) di T. Shadyac, e a W. Ferrell in Vita da strega (2005) di N. Ephron, finché ottiene il ruolo da protagonista in 40 anni vergine (2005), di cui è anche sceneggiatore insieme al regista J. Apatow. Volto piuttosto ordinario e dalla mimica ridotta, incarna spesso la figura del timido imbranato, che fa leva su una comicità innocente e sobria anche quando è afflitto dai casi della vita, come nel ruolo dello zio suicida di Little Miss Sunshine (2006) di G. Dayton e... Approfondisci
Note legali