Il grande sogno (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia; Francia
Anno: 2008
Supporto: DVD
Salvato in 3 liste dei desideri
Nicola è un ragazzo che arriva a Roma desideroso di frequentare la scuola d'arte drammatica; per mantenersi si arruola in polizia, ritrovandosi ad agire sotto copertura in un'Università. L'incontro con Laura, ragazza cattolica della buona borghesia, e Libero, studente lavoratore, influenzeranno e cambieranno per sempre il corso della sua vita.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Jayan

    22/09/2019 11:48:03

    Un capolavoro sul '68 e la rivoluzione giovanile, il desiderio di libertà, amore e pace (allora contro la guerra in Vietnam). Tratta in modo quasi autobiografico di un poliziotto che doveva contrastare i moti dei giovani e il loro tentativo di occupazione dell'università. Questi si innamora di una studentessa ribelle, lascia la polizia e la segue in questo grande sogno di cambiare il mondo. Ma purtroppo la realtà è ben diversa: non si può cambiare il mondo all'improvviso e con la violenza, bisogna farlo in modo più graduale e completo. Il film è davvero ben fatto. Le interpretazioni di Jasmine Trinca e Riccardo Scamarcio ottime. Il regista Michele Placido realizza film che hanno una forte base nella realtà, da cui si erge l'albero della creatività cinematografica e il sogno di questi giovani allo sbaraglio davanti a una polizia agguerrita e violenta, di più di loro!

  • Produzione: Mustang Entertainment, 2019
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 101 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Michele Placido Cover

    Attore e regista italiano. Interprete dal carattere intenso e viscerale, ma capace anche di toni dimessi, fa la sua prima apparizione cinematografica in Teresa la ladra (1973) di C. Di Palma, seguita da un decennio in cui recita in numerosi film (tra i principali Romanzo popolare, 1974, di M. Monicelli e Salto nel vuoto, 1980, di M. Bellocchio). La svolta della sua carriera arriva nel 1984 con il ruolo del commissario Cattani nelle quattro fortunate serie televisive di La Piovra: diventa così uno degli attori italiani più richiesti e offre due vibranti interpretazioni in Mery per sempre (1989) di M. Risi e, nel ruolo di un losco affarista, in Lamerica (1994) di G. Amelio. Nel 1990 esordisce nella regia con Pummarò, un film sui problemi di integrazione degli immigrati. La sua carriera di regista... Approfondisci
  • Riccardo Scamarcio Cover

    Attore italiano. Studia recitazione al Centro sperimentale di cinematografia di Roma e viene scritturato nella serie televisiva Compagni di scuola (2001) prima di esordire sul grande schermo con una piccola parte in La meglio gioventù (2003) di M.T. Giordana. Espressione inquieta e imbronciata e aria da bullo, l’anno successivo ottiene grande notorietà e diventa uno dei volti più amati dal pubblico adolescente con il personaggio del giovane turbolento Step di Tre metri sopra il cielo (2004) di L. Lucini, tratto dall’omonimo romanzo di F. Moccia, ruolo che interpreterà anche nel sequel Ho voglia di te (2007) di L. Prieto. Consacrato a nuovo sex symbol, viene diretto in ruoli da protagonista da F. Paravidino nel suo film d’esordio alla regia Texas (2005), da M. Placido in Romanzo criminale (2005),... Approfondisci
  • Jasmine Trinca Cover

    "Attrice italiana. Studia archeologia e storia dell’arte. Pur non avendo frequentato scuole di recitazione, riesce a dar vita a personaggi intensi e convincenti già dal suo esordio sul grande schermo nel ruolo di Irene, la ragazza la cui vita viene stravolta – come quella dei genitori – dall’improvvisa morte del fratello in La stanza del figlio (2001) di N. Moretti. Nel successivo La meglio gioventù (2003) di M.T. Giordana affronta, con il personaggio di Giorgia, la rappresentazione della malattia mentale in maniera non stereotipata, lavorando sulla gestualità e insistendo sulla ripetizione di movimenti e parole. Nelle interpretazioni successive affina il carattere della ragazza acqua e sapone: fa perdere la testa a S. Muccino nel primo episodio (L’innamoramento) di Manuale d’amore (2005)... Approfondisci
Note legali