The Greatest Showman (Blu-ray)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Stati Uniti
Anno: 2017
Supporto: Blu-ray

nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Musicali

Salvato in 30 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 9,99 €)

Un musical intenso e originale che celebra il senso di meraviglia che ognuno di noi prova quando i sogni diventano realtà

La vita dell'uomo di spettacolo americano P.T. Barnum, fondatore del Barnum & Bailey Circus e dell'itinerante Ringling Bros. La storia di un visionario che dal nulla creò uno spettacolo ipnotico destinato a diventare un successo mondiale.

4,38
di 5
Totale 13
5
9
4
2
3
0
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Valerio

    16/05/2020 18:43:26

    Una sorta di La La Land dei poveri. Se c’è una cosa che odio sono i film che scopiazzano (male) film molto più belli e riusciti, nel tentativo di cavalcare l’onda del successo di queste pellicole che li hanno preceduti. The Greatest Showman è uno di questi. Da La La Land riprende, oltre che il genere di riferimento (il musical) l’idea della possibilità di realizzare i propri sogni ad ogni costo. Al di là del fatto che la colonna sonora è pessima ( e non ce niente di peggio di un musical con canzoni brutte, e qui lo sono davvero ancor di più che non si sposano per nulla con l’ambientazione vittoriana), il voler far passare Taylor Barnum per un sognatore ed una persona che ha dato una possibilità di riscatto e di rivalsa ai freaks che lavoravano nel suo circo è a dir poco ridicolo, dal momento che lo sanno anche i sassi che era uno sfruttatore che ha fatto i soldi sulla pelle dei freaks, spesso maltrattandoli. Quest’intento buonista ed agiografico fastidiosissimo, tipico di questi filmetti hollywoodiani è davvero la morte del cinema. Quando si vuol raccontare personaggi così controversi bisogna farlo in maniera realistica ed oggettiva, altrimenti è meglio lasciar perdere. Detto ciò il film non funziona né come biografico né come musical, pieno di effetti in CGI tranquillamente evitabili (per un film in costume) e nulla può la buona regia e la discreta fotografia per un film fallito alla base. Sicuramente uno dei peggiori musical degli ultimi anni.

  • User Icon

    Antonio

    11/05/2020 19:24:31

    Mai titolo fu più azzeccato per questo film. Sono appassionata di musical e questo è ufficialmente uno dei miei preferiti per la storia originale, le coreografie, ma soprattutto la musica meravigliosa! La colonna sonora è di una potenza pazzesca e lascia letteralmente a bocca aperta. Emozione, energia, passione e testi non banali, racchiudono messaggi profondi sull’importanza dell’essere se stessi e realizzare i propri sogni. Un musical che conquisterà il vostro cuore.

  • User Icon

    Silvia

    10/02/2020 22:14:21

    Non mi aspettavo un musical, e pur essendo un genere che non amo, ho adorato questo film. 'The Greatest Showman' è ricco di magia e le canzoni che lo accompagnano tolgono il fiato. Bellissimo e commovente!

  • User Icon

    LuciaP

    23/09/2019 19:44:46

    Ho adorato tutto di questo film: attori, trama, colonna sonora...Tutto! Assolutamente da vedere e rivedere. Qualità del blu ray molto buona.

  • User Icon

    Luca

    19/09/2019 10:11:50

    Uno dei pochi film in musical che adoro. Canzoni stupende, cast stellare, una bella storia. Poi il Blu-ray ha tanti contenuti, tra i quali la stupenda modalità karaoke, cui guardarci il film intero o a canzoni separate. Wow!

  • User Icon

    Mary Gio

    19/06/2019 14:23:36

    Un film bellissimo in ogni sua parte a partire dalla trama e dai personaggi . Le canzoni poi sono la ciliegina sulla torta

  • User Icon

    Anna

    11/03/2019 15:40:31

    Film con una trama molto bella, contro la discriminazione e che esalta l'importanza della diversità tra le persone, ma che entusiasma soprattutto per la colonna sonora. Consigliato soprattutto a chi piacciono i film musicali. Attori bravissimi sia a cantare sia a recitare.

  • User Icon

    Edith

    11/03/2019 15:19:24

    Mi sono trovata casualmente a guardare una scena di questo film e da quel momento è stato amore a prima vista. Una storia che ti porta a sorridere, a sognare, ad amare ma anche a riflettere su temi che si possono ritrovare anche nella società moderna. Sicuramente la storia è raccontata in maniera molto fiabesca infatti basta una rapida ricerca per scoprire che P.T. Barnum non era poi questo gran uomo. Niente toglie però che la musica e l'atmofera incantano dall'inizio alla fine. Sicuramente un musical da vedere e da godersi interamente.

  • User Icon

    Francesco

    06/03/2019 14:04:54

    Premetto che non ero al conoscenza che si trattasse di un musical, pur amando il genere e avendo apprezzato un paio di intermezzi cantati e ballati, il film è abbastanza deludente perchè non scava a fondo nel personaggio lasciando un po' tutto avvolto da una patinatura di buonismo troppo invadente

  • User Icon

    Enry

    27/12/2018 18:59:29

    Film stupendo dalle canzoni alla storia e soprattutto gli attori!!

  • User Icon

    Pier

    22/09/2018 20:52:13

    Un musical originale come lo si aspettava da tempo: ritmo trascinante, coreografie pazzesche e un messaggio di inclusione universale che tocca il cuore

  • User Icon

    Pat

    22/09/2018 08:07:17

    È un film meraviglioso! Hugh Jackman è bravissimo come tra l’altro tutti gli altri attori. Non ci si annoia mai e il film scorre a grande velocità, storia bellissima e commovente. Le musiche sono semplicemente fantastiche ed oltre al film ho anche acquistato il CD audio che merita veramente. Da avere assolutamente nella sua collezione!

  • User Icon

    Edoardo

    04/05/2018 15:16:42

    Dopo "Moulin Rouge!" del 2001 di Baz Luhrmann è ricomparso un Musical dalla qualità eccelsa e dalle colonne sonore meravigliose. Ci sono voluti 17 anni per un film di questa portata e con entusiasmo posso affermare che Hugh Jackman ha saputo mostrare un'altro lato di sé, facendo vibrare questo musical in ogni sua parte. Voto: 5 su 5

Vedi tutte le 13 recensioni cliente

Hugh Jackman è davvero "The Greatest Showman"

Il film, nelle sale da Natale, è candidato a tre Golden Globes: Best Motion Picture – Musical or Comedy, Best Actor – Musical or Comedy, Best Original Song

Recita (se per caso avevate qualche dubbio, Logan lo ha spazzato via), canta e balla meravigliosamente (se non avete ancora visto Les Misérables, fatevi un favore: guardatelo). Hugh Jackman è nato, oltre che per interpretare Wolverine, per vestire i panni, e soprattutto il cappello a cilindro, di P.T. Barnum.
È lui l’anima di The Greatest Showman, un’anima energica e pop nella migliore accezione del termine, con l’occhio, quello del regista esordiente Michael Gracey (australiano, guarda caso), a quello spettacolo assoluto che era Moulin Rogue!, con cui Baz Luhrmann ha cambiato le regole del musical cinematografico moderno. Ok, Gracey non sarà Luhrmann, e non riesce nemmeno troppo a dimenticare quello che è stato il genere per la vecchia Hollywood, ma ha dalla sua l’incredibile talento di Jackman (candidato al Golden Globe come Best Actor – Musical or Comedy) e anche una crew di professionisti doc.
La pellicola è ispirata all’immaginario e alla visionarietà del protagonista: nella New York di metà Ottocento Phineas Taylor Barnum, figlio di un sarto, sogna il riscatto e inventa il circo moderno fatto di animali, atleti e freak, sfidando le classi e le convenzioni sociali.
Ci sono scenografie maestose e costumi sfavillanti, ci sono numeri musicali, di quelli che fai fatica a star fermo e seduto, e canzoni, di quelle che ti sorprendi a canticchiare fuori dal cinema. Le hanno scritte Benj Pasek e Justin Paul, i vincitori dell’Oscar per i brani di La La Land (e del Tony per Dear Evan Hansen). This Is Me, il pezzo eseguito dalla strepitosa donna barbuta interpretata da Keala Settle, è da applausi ed è stato nominato ai Golden Globes come Best Original Song.
Ad affiancare Jackman c’è un cast stellare: da un altro veterano del musical come Zac Efron, a.k.a Carlyle, il giovane socio di Barnum, alla cantante Zendaya, nei panni della bella trapezista del circo, da Rebecca Ferguson che impersona il soprano Jenny Lind, detta “Usignolo svedese”, a Michelle Williams, ovvero Charity, la moglie del protagonista (qui a dire il vero un po’ sottotono rispetto alle intensissime performance cui ci ha abituato).
Il film, candidato dalla Hollywood Foreign Press Association come Best Motion Picture – Musical or Comedy, è stato criticato per la mancanza di accuratezza storica: certo, la vicenda è parecchio romanzata e semplificata rispetto ai temi della diversità e alla complessità della personalità di Barnum tra la sua figura di businessman, la vocazione allo spettacolo, la reputazione di ciarlatano e mistificatore e il suo desiderio di rispettabilità.
Ma d’altra parte si tratta di un’opera musicale, non certo di un biopic e nemmeno di un documentario. The Greatest Showman è entertainment allo stato puro. E Hugh Jackman è davvero il nuovo re del musical.

Recensione di Benedetta Bragadini

Spettacolo, frenetico ed eccessivo come un tripudio circense, potentemente ritmato e magnificamente orchestrato

Trama
Inizio Ottocento. Phineas Taylor Barnum è il figlio di un sarto che muore catapultando il bambino nel buio di un'infanzia dickensiana. Ma P.T. crede nel sogno americano di inventarsi un'identità nobile ritagliata dalla stoffa dei sogni, e il suo amore di gioventù, la dolce Charity, abbandona i privilegi della propria casta bramina per seguire le visioni di quello che diventerà suo marito e il padre delle loro due figlie. Per Barnum, convinto che ogni progetto debba essere realizzato "cinque volte più grande, e dappertutto", nulla è abbastanza: non il Museo delle stranezze che edifica nel centro di Manhattan per lo sgomento (e la curiosità morbosa) dei newyorkesi, non il circo che porta il suo nome in cui si esibiscono la donna barbuta e il gigante irlandese, il nano Tom Thumb e i gemeli siamesi. Perché quando P.T. Barnum "sta arrivando", lo fa come un ciclone inarrestabile che travolge ogni cosa al suo passaggio: steccati e ipocrisie, ma anche legami e sentimenti.
The Greatest Showman sceglie di interpretare il personaggio di Barnum scansando le sue controverse sfaccettature reali - impresario, businessman, editore, politico, filantropo - e concentrandosi sull'impeto dominante della sua vocazione di entertainer.

2018 - Golden Globe - Migliore canzone originale

  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2018
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Durata: 104 min
  • Lingua audio: Italiano (5.1 DTS); Inglese (7.1 DTS-HD Master Audio)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Area A; B; C
  • Contenuti: L'instancabile gruppo dietro "The Greatest Showman" - Lo spettacolo - Juke-Box - Karaoke
  • Hugh Jackman Cover

    Propr. H. Michael J., attore australiano. Muove i primi passi nel mondo dello spettacolo studiando canto presso la University of Technology di Sydney, dove frequenta i corsi di giornalismo. La potenza della voce di baritono sviluppata in questi anni lo convince a cambiare strada e a iscriversi alla Western Australian Academy of Performing Arts, la più famosa accademia di arte drammatica australiana. Nel 1995, il ruolo di Gaston nel musical The Beauty and the Beast (La bella e la bestia) gli spalanca le porte del luccicante mondo del teatro musicale, che lo porterà nel 2003 a calcare le scene della Carnegie Hall con l’acclamato The Boy from Oz (Il ragazzo di Oz). È invece del 2000 il film che lo consacra supereroe dello schermo: con X-Men (2000) di B. Singer indossa i panni di Wolverine che... Approfondisci
Note legali