La guerra contro i cliché. Saggi letterari

Martin Amis

Traduttore: F. Aceto
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Pagine: 224 p., Brossura
  • EAN: 9788806212056
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,50

€ 22,00

Risparmi € 5,50 (25%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

  Spesso avviene che gli scrittori che scelgono di raccogliere saggi scritti nel corso della loro carriera sentano quasi inconsciamente il bisogno di scrivere una prefazione in cui avvertire i lettori di ciò che stanno per leggere. La Guerra Contro i Cliché di Martin Amis non fa eccezione. L'autore arriva addirittura a consigliare al lettore di abbassare le sue aspettative nei confronti del libro.I saggi inclusi nella raccolta sono certamente datati, quasi obsoleti: un saggio del 1992 su Lolita difficilmente amplia l'orizzonte della critica nabokoviana e finisce per rivelarsi d'interesse, forse, solo per uno storico letterario che voglia ricomporre la storia della ricezione critica di quel romanzo. Tuttavia, Amis è consapevole di tutto ciò ed è soprattutto onesto: non prende mai le parti di uno scrittore se non ha una buona motivazione per farlo (come nel caso di Philip Larkin), così come non ha remore nello stroncare un autore che non lo convince da un punto di vista letterario o personale (come nel caso di Norman Mailer). Quello che colpisce di questo libro è il modo in cui i vari saggi vengono messi insieme nella struttura del testo. Essi sono rilevanti proprio perché rappresentano esercizi di pensiero critico e Amis ha il talento di rivelare come pochi altri la continuità tra la vita personale di uno scrittore e la sua scrittura narrativa. Nella Guerra Contro i Cliché troviamo, oltre a saggi pieni di buonsenso e scrupolosità letteraria, anche interviste a grandi scrittori inglesi e americani, discussioni e momenti carichi di umorismo (come l'episodio della signora ubriaca che si fece autografare l'ombelico da Truman Capote). Amis si diverte qui a sfatare molti dei cliché sulla letteratura: la convinzione che uno scrittore abbia capito tutto del mondo ancora prima di iniziare a scriverne, oppure il mito dello scrittore appartato che vive la sua esistenza lontano dalla realtà che lo circonda per meglio sintonizzarsi con il demone della creatività. Al contrario, gli scrittori che Amis presenta (oltre a quelli già citati, Saul Bellow, Philip Roth, John Updike) sono tutti molto umani e la loro umanità spesso contrasta con il loro corpus letterario. E lo stesso Amis presenta qui   Robert Moscaliuc  


Prefazione

- La guerra contro i cliché. «Ulisse» di James Joyce
- In visita dalla signora Nabokov
- Lezioni. «Lezioni di letteratura» di Vladmir Nabokov
- Il grande slam di Nabokov. «Lolita» di Vladmir Nabokov
- Saul Bellow a Chicago
- L'aquila americana. «Le avventure di Augie March» di Saul Bellow
- Philip Larkin, 1922-1985
- Don Giovanni a Hull
- Mailer: il Vendicatore e la Troia
- «Crash» di J.G. Ballard
- J.G. Ballard
- Dallo spazio siderale allo spazio interiore
- John Updike
- «Odd Jobs: Essays and Criticism» di John Updike
- Truman Capote: conoscere tutti
- Anthony Burgess
- William Burroughs: i pezzi brutti
- Philip Roth: l'insoddisfazione
- «La controvita» di Philip Roth
- «Il teatro di Sabbath» di Philip Roth
- L'India di V.S. Naipaul
- I poteri di DeLillo. «Mao II» di Don DeLillo
- «Underworld» di Don DeLillo
- Salman Rushdie