Gulliver, La Luna e Altri - CD Audio di Angelo Branduardi

Gulliver, La Luna e Altri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Trecolori
Data di pubblicazione: 29 agosto 2008
  • EAN: 4029758889350
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 19,90

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    A.F.

    24/09/2019 14:11:21

    Il CD, pubblicato nel 1980 e poi rilasciato nuovamente nel 2008, contiene per intero l'album "La luna" con l'aggiunta dell'ottimo inedito "Gulliver", i cui arrangiamenti sono stati curati nientemeno che da Paul Buckmaster. Il testo è dovuto alla splendida mano di Luisa Zappa, moglie di Branduardi. Il risultato si fa del tutto apprezzare. "La luna" è infatti un album del 1975, interamente remixato con sovraincisione della voce, offrendo così all'ascoltatore un disco di altissima qualità che riesce a mantenere intatta l'atmosfera dei pezzi originali. In tutto ciò "Gulliver" si inserisce perfettamente nell'insieme degli altri brani, creando di fatto un nuovo, apprezzabilissimo prodotto musicale. "La luna" è una sorta di fiaba, scritta con la moglie, dalla melodia molto gradevole. "Tanti anni fa" si ispira a leggende ladine, mentre "Gli alberi son alti" è una ballata inglese ripresa anche da Joan Baez. "Notturno" è una soave quanto evocativa canzone. Segue poi "Rifluisce il fiume", che racconta i cicli della vita su temi ripresi poi dai due ultimi brani "Primavera" e "La danza" che, evocando un movimento circolare, allude al fluire e al rifluire delle acque. "Confessioni di un malandrino" deve il testo a una poesia di Esenin. Infine, per scelta voluta, cito "Donna mia", un brano cui sono molto affezionato, il cui testo è in grado di esprimere parole che sento profondamente, del tutto identificandomi nel sentimento che l'autore dedica alla propria moglie. Grande merito a quest'album, che ha saputo dare nuova vita a uno dei dischi più belli di Branduardi, "vestendolo a festa" sia tecnicamente, sia con la preziosa aggiunta dello splendido inedito.

Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali