Categorie

Hannibal Lecter. Le origini del male

Thomas Harris

Traduttore: A. Callegari
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: 343 p., Brossura
  • EAN: 9788804583202
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luke

    28/09/2012 21:59:54

    Letto in due giorni e, dopo solo cento pagine, mi sentivo già appagato. Un libro intenso, opera del grandissimo padre di Lecter.

  • User Icon

    mirko

    30/08/2011 23:15:31

    Si è cercato di creare un racconto trattante l'infanzia di Hannibal, ma questa volta Harris ha mancato il bersaglio, in quanto dà spesso l'idea che sia stato scritto solo per vendere e non per il completamento della saga.

  • User Icon

    Gianluigi Zannol

    21/01/2011 12:12:57

    "...io faccio gru per la tua anima, Hannibal. Tu vieni trascinato nel buio..." ... "...il piccolo Hannibal è morto nel 1945 là fuori nella neve, cercando di salvare la sorella. Il suo cuore è morto con Misha...". Questi potrebbero essere i momenti principali del libro nei quali viene descritta la metamorfosi del giovane Lecter, metamorfosi che lo porterà a diventare il leggendario cannibale de "Il silenzio degli innocenti". Però non mi ha convinto, almeno non fino in fondo, il libro è scritto molto bene ed è un gran bel romanzo sotto tutti i punti di vista ma probabilmente l' Hannibal Lecter che abbiamo conosciuto nella prima pellicola e successivamente anche in "Hannibal" è un personaggio talmente forte ed enigmatico che non trovo il vero "anello mancante" fra il personaggio di questo romanzo e quello magistralmente interpretatro da Hopkins al cinema. Il giovane Lecter è si descritto come estremamente intelligente, aristocratico nei pensieri prima ancora che nei modi e sempre lucido, come in effetti siamo stati abituati a conoscerlo, ma pur sforzandomi di capire la tragedia devastante che lo ha colpito faccio comunque fatica a giustificare il fatto che un ragazzo sensibile e capace di certe amorevoli cure per la sorellina possa diventare l' assassino senza remore che poi diventa. Hannibal ragazzo ha quindi molte delle caratteristiche note nella sua "versione" adulta, ma in questo libro è spinto da un desiderio di vendetta onestamente più che comprensibile, quindi mi viene da vederlo come un "giustiziere" e non come un mostro, cosa che invece è, a tutti gli effetti, il Dr. Lecter e non sono riuscito a trovare mai, ad eccezione delle due frasi riportate all' inizio, una vera connessione fra i due personaggi. Insomma, bellissimo libro, consigliato a tutti gli amanti del genere chiarendo però che Harris ha tentato, senza riuscirci pienamente, di regalarci delle spiegazioni quando, forse, non ce ne sono. Hannibal non era... Hannibal è... e basta

  • User Icon

    ricu

    26/08/2009 12:10:10

    sinceramente mi aspettavo molto molto di meglio dal grande autore quale è harris. ottimo come sempre lo stile,ma questa volta a mio avviso è impalpabile la suspance solita delle sue opere precedenti,manca lo sviluppo psicologico tipico dei protagonisti dei suoi romanzi così come la crudele mente di hannibal non viene approfondita come speravo.probabilmente l'attesa di questo romanzo mi aveva illuso rispetto a quello che è effettivamente uno dei più grossi flop della mia esperienza di lettore.

  • User Icon

    Chris

    26/08/2009 07:52:14

    Ho appena finito di leggere questo libro e devo ammettere che ha un pò deluso le mie aspettative.Premesso che ho letto tutti gli altri libri che parlano del Dr.Hannibal Lecter,devo sottolineare quanto quest'ultimo scritto risulti molto differente dagli altri.Per lunghi tratti tedioso e piatto,riesce a riprendersi un pò solo verso la metà.Una prima parte confusa,che non suscita nulla nel lettore;invece nella seconda parte il libro riesce ad essere più movimentato ed a tirare fuori il vero Hannibal che si conosce.Scrittura monotona e scialba,tanto da non sembrare scito da Harris.Un tre di voto visto che ho letto tutti gli altri.Da leggere per comprendere meglio i veri perchè di Hannibal.

  • User Icon

    germana

    10/07/2009 14:04:15

    Harris è impagabile, scrive per immagini, lampi, folgorazioni... tre brevi frasi e ti comunica un universo. I suoi libri mi sono tutti piaciuti molto(forse Red Dragon il meno consigliabile) ed ero curiosa di approfondire l'infanzia di quell'incredibile personaggio che è Hannibal Lecter. Mi rendo conto che le trame di questi tesissimi thriller potrebbero rivelare qualche pecca o esagerazione se non fossero ottimamente sostenute da una scrittura potente e incisiva, capace di alimentare una tensione incredibile. Tuttavia... lo stile è quello che è e il godimento è assicurato!

  • User Icon

    midnight angel

    20/05/2009 15:17:02

    carino, ma dalla voce ke circola di Thomas Harris pensavo molto meglio...cmq all'inizio nn tanto si capisce come gli eventi siano stati compiuti...xò alla fine il libro si riprende un pò...

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione