Harlem Shadows

Claude McKay

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Forgotten Books
Formato: PDF
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,01 MB
  • EAN: 9780259658634

€ 6,85

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

These poems have a special interest for all the races of man because they are sung by a pure blooded Negro. They are the first significant expression of that race in poetry. We tried faithfully to give a position in our literature to Paul Laurence Dunbar. We have excessively welcomed other black poets of minor talent, seeking in their music some distinctive quality other than the fact that they wrote it. But here for the first time we find our literature vividly enriched by a voice from this most alien race among us. And it should be illuminating to observe that while these poems are characteristic of that race as we most admire it - they are gentle-simple, candid, brave and friendly, quick of laughter and of tears - yet they are still more characteristic of what is deep and universal in mankind. There is no special or exotic kind of merit in them, no quality that demands a transmutation of our own natures to perceive.
  • Claude McKay Cover

    (Sunny Ville, Giamaica, 1890 - New York 1948) scrittore statunitense. Le tappe del suo itinerario culturale, dalla Giamaica agli Stati Uniti all’Europa, sono fissate nei romanzi: Ritorno a Harlem (Home to Harlem, 1928), spaccato della vita del ghetto attraverso gli occhi di un soldato nero reduce dalla grande guerra; Banjo (1929), storia di un suonatore di jazz nel colorato microcosmo del porto di Marsiglia; Banana Bottom (1933) incentrato sui conflitti culturali in Giamaica. Collaborò alle riviste della sinistra letteraria americana e aderì al movimento di avanguardia della «Harlem renaissance». La sua narrativa rivaluta il primitivismo come fonte di cultura alternativa e si rifà alle scoperte «africane» delle avanguardie letterarie e artistiche internazionali, da Picasso a G. Stein. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali