Heads Up

(Picture Disc - Limited Edition)

Artisti: Warpaint
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Rough Trade
Data di pubblicazione: 23 settembre 2016
  • EAN: 0883870078009
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 31,90

Venduto e spedito da IBS

32 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Sono passati due anni dall’ultimo album delle Warpaint durante i quali le componenti del gruppo si sono concentrate sui propri progetti solisti e suonato al fianco di diversi artisti di spicco della scena alternativa (su tutti Saul Williams e Kurt Vile). Nel comunicato stampa la bassista Jenny Lee Lindberg e la batterista Stella Mozgawa hanno parlato del lavoro in studio col produttore Jacob Bercovici: “Tutti in studio avevano il loro spazio, tempo e libertà creativa per le canzoni. C’era più apertura verso ciò che era accettabile e ciò che invece non lo era, perché condividevamo le idee più rapidamente tra di noi. I ruoli che ognuna di noi aveva in studio erano più malleabili”.

Disco 1
  • 1 Whiteout
  • 2 By Your Side
  • 3 New Song
  • 4 The Stall
  • 5 So Good
  • 6 Don’t Wanna
  • 7 Don’t Let Go
  • 8 Dre
  • 9 Heads Up
  • 10 Above Control
  • 11 Today Dear

"Queste losangeline si ostinano a pubblicare album che sulle prime sembrano sfuggenti, ma a un ascolto prolungato rivelano un sacco di dettagli. è il caso del nuovo Heads Up, che arriva dopo gli ottimi
The Fool (2010) e Warpaint (2014). La bravura di queste post-punker è ancora nella capacità di tenere in equilibrio velleità artsy e seduzioni pop, e queste 11 rotonde tracce, quasi tutte ballabili a partire dal singolo deliziosamente anni ’90 New Song (tra le influenze dichiarate dell’album: Janet Jackson, Bjo¨rk, Outkast, l’obbligatorio Kendrick Lamar), sembrano frutto di un processo compositivo più rilassato – sarà anche per via dell’annetto sabbatico che si sono prese, tra album solisti e collaborazioni varie.
Il nuovo approccio è evidente nell’apertura di Whiteout, una litania danzereccia in cui tutto, ritmi voci e chitarre, sembra essersi spartito democraticamente il tempo sulla scena, e in The Stall, che parte da un’alienazione in stile Cure per salire verso una chiosa R&B. Care Warpaint, continuate pure a fare il vostro rock sfuggente, che ci piacete così. " Voto 3/5


Recensione di Mario Bonaldi