Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Helga's Diary: A Young Girl's Account of Life in a Concentration Camp - Helga Weiss - cover

Helga's Diary: A Young Girl's Account of Life in a Concentration Camp

Helga Weiss

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Neil Bermel
Editore: WW Norton & Co
Anno: 2014
Rilegatura: Paperback / softback
Pagine: 272 p.
Testo in English
Dimensioni: 211 x 140 mm
Peso: 275 gr.
  • EAN: 9780393348248

€ 15,82

€ 16,65
(-5%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In 1939, Helga Weiss was a young Jewish schoolgirl in Prague. As she endured the first waves of the Nazi invasion, she began to document her experiences in a diary. During her internment at the concentration camp of Terezin, Helga's uncle hid her diary in a brick wall. Of the 15,000 children brought to Terezin and deported to Auschwitz, there were only one hundred survivors. Helga was one of them. Miraculously, she was able to recover her diary from its hiding place after the war. These pages reveal Helga's powerful story through her own words and illustrations. Includes a special interview with Helga by translator Neil Bermel.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Helga Weiss Cover

    Helga Hošková-Weissová è nata a Praga nel 1929, lo stesso anno di Anne Frank. Suo padre, Otto, era impiegato di banca, sua madre, Irena, sarta. Anche Helga ha scritto un diario segreto, ma a differenza della bambina olandese, è sopravvissuta alla Shoah. Dopo essere passata indenne da Terezìn, Auschwitz-Birkenau, Freiberg e Mauthausen, Helga Weiss è ritornata a Praga dove vive ancora oggi, con una lunga carriera da pittrice e artista figurativa alle spalle, nello stesso appartamento in cui nacque e da cui venne strappata. Dopo la guerra, infatti, ha studiato arte diventando una pittrice e artista figurativa di successo. Ha dedicato una parte consistente della sua opera a testimoniare gli orrori dell'Olocausto e della guerra in generale.... Approfondisci
Note legali