Ho sposato una vegana. Una storia vera, purtroppo - Fausto Brizzi - copertina

Ho sposato una vegana. Una storia vera, purtroppo

Fausto Brizzi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 gennaio 2017
Pagine: 126 p., Brossura
  • EAN: 9788806232993
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 10,00

Venduto e spedito da Libreria Max 88

Solo una copia disponibile

+ 3,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 8,50

€ 10,00
(-15%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (11 offerte da 9,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sposare una vegana ha conseguenze imprevedibili. Puoi ritrovarti a brucare l'erba da un vaso sul terrazzo, e sentirti in colpa per tutte le telline mangiate nella tua "crudele" vita precedente. Seguire questa dieta, scopri inoltre, comporta un grande dispendio di energie e - chissà perché? - di denaro. Roba da diventare nervosi per davvero, ancor più quando, dopo mesi di torture, con sorpresa e quasi fastidio, sei costretto ad ammettere che i tuoi esami medici sono, per la prima volta, perfetti. A ogni modo, la storia di Fausto e Claudia ha un lieto fine, nel senso che Claudia vince (stravince, sarebbe più corretto dire) e Fausto si arrende (senza nemmeno l'onore delle armi). Le cose vanno bene. Solo che, proprio sui titoli di coda, spunta una complicazione: l'imminente arrivo di una figlia. Avrà cuore, Fausto, di farne un'erbivora fin dalla nascita?
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,04
di 5
Totale 25
5
2
4
3
3
4
2
4
1
12
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ami

    16/05/2020 11:30:15

    Sembra di leggere il copione di un comico da cabaret, con tante gag di cui sorridere. Non mi addentro assolutamente in altre argomentazioni che scaturiscono da questa lettura perchè, mancando di ogni rigore scientifico, va preso per quello che è un semplice racconto molto divertente dell'incontro-scontro tra sensibilità alimentari diverse e incompatibili. Consigliato

  • User Icon

    mk

    11/05/2020 18:06:42

    Ogni tanto lo vado a rileggere, Breve ma serve a far sorridere.

  • User Icon

    Ale

    11/05/2020 13:17:04

    Un libro leggero che raggiunge l'obiettivo che si prefigge, strappare una risata al lettore. Un insieme di avventure quasi inverosimili viste dal punto di vista di un uomo innamorato

  • User Icon

    MikyTo

    27/03/2020 10:50:22

    Carino nel complesso, ma poco credibile che una donna ti sottometta così.

  • User Icon

    massimo

    06/02/2020 13:38:41

    Ho simpatia per Brizzi anche se non tutto del suo lavoro lo reputo apprezzabile; questo libro è di scarso valore, a mio avviso.. inverosimile in quanto narra ed anche, a dirla tutta, irritante in qualche momento. Non può bastare il cercare di metterla in burla..

  • User Icon

    bruno

    25/09/2019 17:34:51

    Sembra di leggere il copione di un comico da cabaret, con tante gag di cui sorridere. Non mi addentro assolutamente in altre argomentazioni che scaturiscono da questa lettura perchè, mancando di ogni rigore scientifico, va preso per quello che è un semplice racconto molto divertente dell'incontro-scontro tra sensibilità alimentari diverse e incompatibili. Consigliato

  • User Icon

    Alice.mente

    23/09/2019 10:34:44

    L'autore si descrive come la vittima di una pazza nazi-vegana che ha preso il controllo della sua vita e gli impone rigidissimi canoni alimentari. Sarà anche vero, il problema è il modo in cui parla di lei. Brizzi non spiega perchè valga la pena amare e sposare questa persona, l'unica cosa che dice è "sono innamorato" e "è bellissima" come se questa donna soggiogasse, tramite la propria bellezza, qualsiasi essere umano che le si trovi di fronte e lo costringesse a rigidissimi schemi alimentari che poco hanno a che fare con l'essere vegani. La protagonista infatti suggerisce addirittura di "cibarsi" di sola acqua e succo di limone per periodi abbastanza lunghi, un'oggettiva follia! Capisco che il titolo dovesse aver scritto "vegano" per essere più accattivante ma così si incentiva un'idea sbagliata delle abitudini alimentari altrui. Sono un'onnivora anzi mi definirei una "pantivora" qualsiasi cosa (più o meno) commestibile deve essere assaggiata da me, pertanto nutro molto rispetto per le abitudini alimentari altrui, cosa che assolutamente non fa l'autore del libro. Se fossi stata sua moglie, in seguito alla pubblicazione di quest' "opera", avrei chiesto il divorzio 😂 Ammetto che a certi tratti fa sorridere, ma non raggiunge la comicità promessa nella quarta di copertina!

  • User Icon

    nisha

    23/09/2019 05:54:57

    Ho letto tutti i suoi libri e questo non è tra i miei preferiti. Storia simpatica e divertente, talmente surreale e assurda che spesso si rischia di non credergli totalmente.. Lettura veloce e scorrevole, un libro però che poi difficilmente decidi di conservare

  • User Icon

    Anna

    01/04/2019 22:02:49

    Un libro che all' inizio parte molto bene, per di più è molto scorrevole e divertente; ma verso la fine il personaggio di Claudia diventa insopportabile. Con tutte le sue critiche verso gli onnivori e il suo fare da "saputella", unito al personaggio di Fausto, che si dimostra abbastanza "passivo" alle imposizioni Hitleriane della moglie, rovinano purtroppo un libro che sarebbe molto piacevole come lettura.

  • User Icon

    emilia

    08/03/2019 18:10:23

    purtroppo un categorico NO. E' un libro che parte già senza pretese, se non quella di intrattenere con una lettura molto leggera che tratta degli aneddoti della vita di coppia tra un onnivoro e la moglie vegana , e nelle intenzioni originali di strappare qualche sorriso.....no, caro brizzi, nessun sorriso. Solo smorfie. in questo libro brizzi denigra ,ridicolizza e svilisce la moglie e le sue convinzioni di vita, ride alle sue spalle e le attribuisce come unica virtu' quella di essere bella. Possibile?no. oltretutto il prezzo di copertina è gia ridicolo.

  • User Icon

    Artura

    08/03/2019 09:10:42

    Questo libro appunto è la storia vera della sua relazione, della convivenza, del suo matrimonio e si interrompe poco prima della nascita della figlia.Il regista Fausto Brizzi ha scritto due romanzi tradotti in molte lingue ed è sposato con Claudia che è vegana. L’autore non prende assolutamente in giro l’universo vegano, anzi. Tratta in modo ironico e tenero il veganesimo della moglie. E’ scritto molto bene ed è una lettura molto scorrevole e simpatica.

  • User Icon

    Attilio Alessandro Bollini

    10/11/2018 15:28:58

    Terrificante. Per fortuna me lo ha regalato una mia amica cretina. Consiglio di non perdere tempo! Googlare..... ma per carità.

  • User Icon

    Daria

    18/09/2018 08:46:21

    Il regista Fausto Brizzi ha scritto due romanzi tradotti in molte lingue ed è sposato con Claudia che è vegana. Questo libro appunto è la storia vera della sua relazione, della convivenza, del suo matrimonio e si interrompe poco prima della nascita della figlia. L’autore non prende assolutamente in giro l’universo vegano, anzi. Tratta in modo ironico e tenero il veganesimo della moglie. E’ scritto molto bene ed è una lettura molto scorrevole e simpatica.

  • User Icon

    Bob

    20/12/2017 20:53:33

    Il romanzo ha qualche battuta simpatica, ma è prolisso e inconcludente, senza una storia. Immagino che l'estremismo di Claudia sia una finzione comica, non diamo qui giudizi morali sull'alimentazione vegana, limitiamoci a dare un giudizio critico su questo libro, che immagino non sarà ricordato nelle antologie di Letteratura Italiana.

  • User Icon

    Ludovica

    07/06/2016 15:02:09

    Il romanzo descrittivo di Fausto Brizzi, ambientato in età contemporanea, oltre a raccontare tutti i fatti che lo portano ad amare Claudia, la compagna, contiene una serie di opinioni e riflessioni dell'autore stesso ironiche e spiazzanti. Lo stile è chiaro, semplice e a tratti surreale; si punta su periodi brevi che rendono la lettura piacevole e veloce. La narrazione è resa inoltre divertente anche grazie alla presenza di digressioni simpatiche riguardanti l'infanzia dello scrittore o passi esilaranti: "...una mattina mi svegliai più tardi del solito. Claudia non era nel letto e nemmeno in cucina. La trovai in terrazza. Era inginocchiata a terra, china su un vaso e brucava allegramente dell'erba. Avete letto bene. Brucava." Nell'autobiografia di Fausto Brizzi è raccontata la travagliata quanto incomprensibile storia d'amore tra l'autore, voce narrante e personaggio principale, e la compagna: Claudia Zanella, la quale è una vegana convinta e affatto democratica che spesso assume il ruolo da antagonista inferocita. Le disavventure dell'autore sono divertenti ma vagamente tendenti al patetico in alcuni passi del romanzo; è lui stesso infatti ad accettare tutto le imposizioni illogiche della bella e rigida Claudia che lo trasforma in un perfetto "aspirante vegano". La storia viene accompagnata da una serie di piatti e ricette rigorosamente vegani che ci fa immergere in un mondo nuovo caratterizzato dalla continua ricerca di una vita più sana e longeva, possibile, secondo la stessa Claudia, solo eliminando carne e derivati: alimenti infernali. Quindi il cibo nel romanzo svolge un ruolo fondamentale: non solo è un mezzo per depurarsi e tornare sani e genuini come in passato, ma è anche un mezzo per riappacificarsi e per esprimere i sentimenti.

  • User Icon

    bruna

    17/05/2016 17:25:28

    Se vogliamo farci due risate è il libro giusto, scritto bene, scorrevole, ma sui principi dei sig. ri vegani forse qualcosa ci sarebbe da discutere.Moda, fa chic, fa eco, fa salviamo il mondo , no no no non ci siamo. anche i supermercati esagerano, adesso vedi solo scritte ,senza glutine, senz olio di palma, senza sapore.......

  • User Icon

    Salvatore Spagnolo

    16/05/2016 17:41:55

    devo dire che è molto di parte, si prende giro delle persone che scelgono di avere uno stile di vita diverso e contro l'uccisione e lo sfruttamento animale. La donna di certo è descritta in un modo paradossale, sembra più na pazzoide terrorista che vegana, sono vegano e conosco milioni di persone che non sono così terroriste! Diffonde un messaggio davvero falso.

  • User Icon

    Alessandra Spurio

    12/04/2016 12:26:17

    Nonostante l' ironia che pervade la narrazione ho trovato questo libro agghiacciante. L'autore ci tiene a sottolineare che è tutto vero dunque anche lo scippo della piadina?Mi auguro vivamente di no.Fatto salvo il diritto di vivere e mangiare come meglio crediamo vorrei informare l'autore che si possono avere analisi perfette anche senza sottostare al "regime' e che uno stato di salute autentico dovrebbe, secondo l'OMS,passare attraverso qualcosa di più delle analisi e dei comportamenti un pochino estremistici. Per parlare del libro direi che ho notato un certo autocompiacimento r mi è sembrato che l'autore lo abbia scritto per cercare qualche conferma.Ho trovato sgradevole il verbo "googlare' usato per dirci di andare a vedere quanto è avvenente la consorte.Contento lui...

  • User Icon

    agostino

    07/04/2016 14:23:27

    A me e' piaciuto. Il ritratto di una certa borghesia che vive nel lusso piu' sfrenato e allo stesso tempo e' convinta di poter salvare l'ambiente mangiando tofu anziche' bistecche e' efficacissimo. La scena finale, con la protagonista catapultata in Malesia travestita da scimmia per allattare i cuccioli orfani di orango (e, nei ritagli di tempo, la propria neonata), vale mille articoli di giornale sul tema "radical chic". L'autore e' un po' troppo fantozziano qua e la', ma nel complesso il libro e' irresistibile.

  • User Icon

    catia

    14/03/2016 09:03:48

    Libro totalmente ripetitivo... più che divertente direi irritante. I due protagonisti risultano antipatici come pure il suggerimento di guardare le loro foto in internet! C'è pure parecchia supponenza; per esempio liquidare anni di ricerca sull'omeopatia con semplice frase... mah

Vedi tutte le 25 recensioni cliente
  • Fausto Brizzi Cover

    Regista, scrittore, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano. Romano di nascita, Fausto Brizzi si diploma nel 1994 al Centro Sperimentale di Cinematografia. Inizia a lavorare giovanissimo a diversi cortometraggi, e in breve diviene un regista di successo. Numerosi i suoi film: citiamo almeno Notte prima degli esami, Maschi contro femmine e Indovina chi viene a Natale?. Come produttore, ha finanziato La solitudine dei numeri primi e La mafia uccide solo d'estate, tra gli altri. Fausto Brizzi è anche scrittore: tra i suoi libri ricordiamo Manuale degli ex (Mondadori, 2009), Maschi contro femmine. L'eterna lotta del pene contro il male (Mondadori, 2010, scritto con Pulsatilla), Cento giorni di felicità (Einaudi, 2013), Se mi vuoi bene (Einaudi, 2015), Ho sposato... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali