Hostel. Part III

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Scott Spiegel
Paese: Stati Uniti
Anno: 2011
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 18 anni
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A Las Vegas una festa di addio al celibato si trasforma in un'esperienza da incubo per un gruppo di ragazzi desiderosi solo di festa, alcol e donne.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,2
di 5
Totale 5
5
0
4
0
3
2
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Simone

    07/03/2020 13:31:02

    Dopo anni dalla prima visione, considero i film diretti da Eli Roth, due horror discreti e riusciti nell'obiettivo di affermare una loro identità, anche se gli attori erano di basso profilo. Questo terzo è stato una vera e propria perdita di personalità, identificandosi con quei tanti titoli di film uniformi nei loro contenuti che ogni anno escono in dtv senza lasciare nessun tipo di impronta, l'unica scena notevole è stato il ritaglio della faccia a uno dei poveri ragazzi, una bella citazione a Leatherface.

  • User Icon

    Leon

    17/02/2015 19:21:17

    Sublime la recensione del precedente utente, anche a me viene da commentare in modo abbastanza dettagliato questo film. Un film poco bello è il risultato dei suoi essenziali precedenti passaggi tecnici che riguardano l'elaborazione del soggetto, della sceneggiatura, della storia e degli attori scelti. Ognuno di questi elementi nel caso di Hostel: part III (forse perché era destinato ad uscire direttamente in dvd) è stato sviluppato e/o preso nel meno dignitoso e più disinteressato dei modi, specialmente per la sua fonte di ispirazione nonché per la sua ambientazione. Secondo me, anche senza più esserci stato il suo autore d'origine e con più impegno, si sarebbe potuta concepire una storia sul livello degli altri due, se non meglio, perché in un franchise, dagli errori e dalle carenze dei primi film, si dovrebbe imparare per aumentare qualitativamente i film successivi, ma purtroppo in molte trilogie o quadrilogie avviene l'opposto, specie per questo terzo capitolo in quanto che non ha più nulla di simbolico o di allegorico, perdendo quasi completamente di significato (che a mio avviso lo si intravede un po' nelle motivazioni non del tutto oscure che hanno portato i ragazzi a finire nelle mani di sadici che seviziano e uccidono) e quindi sorprendendo a malapena nelle scene di tortura, nelle musiche, ma sbalordendo in modo piuttosto negativo, nel pezzo che precede gli ultimi minuti del finale, l'unico a mio parere migliore del secondo, ma non del primo. Come tutti i prodotti home-video alla fine va preso per quello che è.

  • User Icon

    Mr Gaglia

    01/12/2014 15:22:39

    Orfani di Eli Roth i produttori di una delle serie più famose del filone torture porn decidono di proseguire con il malefico club per ricchi sadici. Il cambio di cabina, di sceneggiatore e le natura direct to video di questo terzo film si notano tantissimo e nel complesso Hostel: Part III non solo risulta il più debole della trilogia, ma si presenta come un film davvero bruttino a prescindere dai paragoni. Leggendo la trama inevitabilmente viene in mente uno dei titoli di punta della recente filmografia hollywoodiana, Una notte da leoni, con la quale incredibilmente Hostel III ha diversi punti in comune. Ambientato a Las Vegas, capitale americana del vizio (e già con questa premessa cade l'archetipo del proibito e del mistero) nonché del luogo inospitale perché lontano dalla propria lingua e cultura che invece erano alla base dei due film precedenti, ogni cosa è scontata in questo episodio. Alla base del concept della saga c'è di dare la possibilità a ricchi e annoiati di torturare e uccidere qualcuno pagando somme normalmente proibitive. La dimensione intima, morbosa e perversa della tortura in sporche cabine dotate di ogni strumento di morte immaginabile era uno dei punti di maggiore interesse dei primi due. Torturare aveva una valenza erotica, si poteva chiaramente vedere nel folle sguardo dei riccastri torturatori una scintilla di libido far capolino nel momento in cui si avvicinavano alle loro vittime. In questo terzo film i "compratori" sono comodamente seduti su poltrone di velluto, sorseggiando champagne e assistendo collettivamente da dietro un vetro alle torture praticate dai dipendenti della Elite. Dimenticare dunque questo Hostel III, che ha davvero poco di buono da offrire e se proprio siete in vena di torture su pellicola, rispolverate i ben più preziosi due film di Roth o un qualsiasi capitolo di "Saw".

  • User Icon

    Ernesto

    12/01/2014 16:02:11

    Una trilogia per stomaci forti, dove la follia umana non conosce confini. Scene da campo di sterminio. Anzi probabilmente peggio.

  • User Icon

    Pasquale

    23/08/2013 11:25:53

    Nonostante sia stato distribuito solo nel circuito home video e per questo non si può considerare un capolavoro in nessun senso, mi ha fatto molto strano anche a me, ma m'è piaciuto molto di più che gli altri due film, per i suoi colori, le sue musiche e per come è stato fatto. Se qualcuno è stato fan dell'hostel di Roth di certo questo lo odierà.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Produzione: Sony Pictures Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 88 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1);Tedesco (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Arabo; Danese; Finlandese; Francese; Hindi; Inglese; Inglese per non udenti; Italiano; Norvegese; Olandese; Spagnolo; Svedese; Tedesco; Turco
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: commenti tecnici
Note legali