Hot line. Storie di un'ossessione

Francesca Mazzucato

Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 1996
Pagine: 77 p.
  • EAN: 9788806140496
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 4,18

€ 6,59

€ 7,75

Risparmi € 1,16 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


scheda di De Federicis, L., L'Indice 1996, n. 7

Nata a Bologna nel 1965, Francesca Mazzuccato esordisce fra i narratori con un breve romanzo. E sapendosi di lei che, oltre a essere laureata in lettere e traduttrice, ha lavorato di persona, alcuni mesi, per una "hot line", è inevitabile che l'interesse del libro s'appunti anzitutto su quest'aspetto di registrazione del vissuto. La vicenda, tenue, è raccontata dal personaggio autobiografico, la telefonista erotica che si fa chiamare Lorena e vive bloccata in compulsive fantasie sessuali, proprie e altrui. Lorena viaggia fra Bologna (dove abita di giorno) e Modena (dove prende servizio di notte); ha una famiglia di buona borghesia alle spalle e un tortuoso rapporto d'amore tradito con il padre; s'innamora a modo suo di una voce, un cliente; fa il mestiere con impegno, o con zelo, finché decide di smettere e tornare a tradurre, e il racconto finisce.Francesca Mazzuccato affida interamente la forza del libro alla trasgressività dell'esperienza che vi è convogliata; e gioca sul contrasto fra la greve materia e la sobrietà della scrittura, semplice, esatta, con un fraseggio elementare e tuttavia non sciatto.Ma non sfugge ai semplicismi nel raffigurare il contesto di famiglia, e neppure a una certa maniera ripetitiva nel descrivere con impassibile sfrontatezza i commerci del sesso e gli incontri virtuali e carnali di voci e di corpi. Questa è la parte grossa del libro, destinata ad accendere la curiosità dei lettori.La parte più bella e struggente è invece quella piccola e ferroviaria, dei viaggi di gente strana o normale, su treni pendolari, nel deserto di stazioni vuote, di vuote città di provincia all'alba.Qui il piacere solitario dell'amore telefonico trova un suo facile ma co