Categorie

Anna M. Ortese

Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Edizione: 7
Anno edizione: 1986
Pagine: 204 p.
  • EAN: 9788845906572

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    La Recherche

    23/01/2009 21.40.08

    Un viaggio verso l’isola, dapprima, e poi nei meandri della stessa, quello che il giovane Daddo compie lungo le pagine di questo libro che definire favola o, ancor più semplicemente, romanzo appare grandemente riduttivo. Il libro è permeato forse maggiormente di romanticismo mitteleuropeo che di tradizione italiana del dopoguerra; anche il linguaggio, che getta una ragnatela di rimandi tra il Manzoni ed il Gadda, e, pur apparendo dapprima, per i rimandi ai due Grandi e per alcuni vezzi, dal gusto desueto, esprime in realtà una forte carica di modernismo e di desiderio di rottura con una certa stagnazione linguistica dei contemporanei del libro (apparso nel 1965) e che ha molto da insegnare ancora oggi ai più giovani e moderni, che tendono ad imbastire stilemi su modelli di importazione o – orrore, ma reale – su schemi esplicitamente “televisivi”. [...] Un libro davvero molto bello, simile nei suoi intrecci e ramificazioni a quei mondi speculari ma differenti che Borges amava creare partendo da enciclopedie e facendoli via via divenire reali e più reali del reale, nel momento in cui ci si accorge che quello che si percepisce reale è in realtà immaginario nel mondo che si ritiene frutto di fantasia, tutto questo, dalla magistrale penna della Ortese, è diventato tangibile e quasi “concreto” nelle pagine di questo romanzo…o cronaca interiore.

  • User Icon

    Emiliano

    14/07/2005 04.49.04

    E lo sapete dov'era finita l'iguana, protagonista del romanzo? Era tornata nel silenzio della sua stanza per contare le sue monete, come per rassicurare sè contro l'ostilità del mondo. Commovente oltre ogni dire, bellissimo, meraviglioso.

Scrivi una recensione