Categorie
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 216 p.
  • EAN: 9788807721557
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,05

€ 6,38

€ 7,50

Risparmi € 1,12 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ROSARIA

    31/01/2014 16.42.02

    Un romanzo che fa riflettere questo della Comencini. Crolla il muro, si squarcia il velo di Maya... un sistema mentale va in frantumi. Quanto male si era fatto progettando il bene?! Come si fa ad evadere dalle vecchie idee, dalle certezze, dalle sicurezze, da quegli ideali consolatori che per anni hanno permeato la mente di chi ci ha creduto? Attraverso l'espediente del romanzo la Comencini tratta un tema delicato, doloroso e, ahimè, tristemente attuale, la fatica della ricostruzione di un sistema di pensiero organico, la lotta per ritrovare una struttura mentale coerente di chi, dall' idea del bene assoluto, è stato ingannato, illuso!!! RC

  • User Icon

    NANNI

    12/10/2009 11.07.20

    E' un bel romanzo. A parte un inizio un po' banale, poi gli elementi della narrazione ci sono tutti: la storia colpisce e avvince mano a mano che si dipana, la voglia di vedere cosa succede dopo e la tensione verso il finale diventano sempre più forti, dunque, sotto questo profilo, direi che è un libro ben riuscito. Dal punto di vista del messaggio lanciato, direi che l'autrice è stata molto onesta: ha messo a nudo tutta la delusione del fallimento del sogno del comunismo senza nascondere proprio niente, nè i tormenti personali del protagonista (che in quel sogno aveva creduto, forse come lei), nè i drammi e le tragedie di un passato che non si può semplicemente liquidare rimpiattandosi dietro ad inutili giustificazioni o dimenticanze. Ma qui il discorso diventerebbe davvero lungo e l'autrice, credo, ha voluto dirci che non si può dire "ma quello non era comunismo", anche perchè, prima della caduta del muro, molte ma molte persone, al di qua del muro, quei regimi li difendevano, ed ora, semplicemente, se lo sono scordato! Troppo lunga la questione, troppo lunga davvero ... e troppo grande la delusione, meglio fermarsi qua, riconoscere che questo è un bel romanzo e soprattutto onesto.

  • User Icon

    Guglielmo

    05/10/2008 11.36.44

    Banale la storia, banale la scrittura, quello che ci vuole per avere successo in tempi banali.

  • User Icon

    Silvia

    22/07/2008 17.17.48

    Prima di leggere questo libro ero un pò scettica ma ho dovuto ritornare sui miei passi quasi subito dal momento che l'ho divorato in poche ore e mi è piaciuto molto.

  • User Icon

    Davide

    30/04/2008 23.17.43

    Cristina Comencini nel suo ultimo romanzo ci racconta una generazione di uomini che non hanno più ideali, perchè quelli in cui credevano li hanno delusi fortemente. Il dipanarsi della storia di Mario, Sonja, Irina, Roberto e tutti gli altri si snoda non senza sorprese e ci regala momenti molto intensi (il viaggio a Budapest su tutti). L'autrice sa narrare in maniera profonda e scorrevole le dinamiche della famiglia italiana contemporanea, in ogni suo romanzo c'è un nucleo familiare più o meno allargato, unito o meno, ma viene sempre descritto con autenticità. Per riflettere sul comunismo e non solo.

  • User Icon

    Enrico

    16/11/2007 17.32.28

    Un libro che aiuta a riflettere sugli eventi degli ultimi ottant'anni e ad accettare, senza infingimenti, la collocazione politica alla quale ciascuno di noi è pervenuto, forse inconsapevolmente. Sicuramente Cristina Comencini ha fatto un ottimo lavoro.

  • User Icon

    ant

    11/11/2007 22.55.19

    Belli i dialoghi tra padre e figlio, e belle le prese di cosscienza che certi ideali erano e sono solo utopia, per il resto la trama non è molto scorrevole

  • User Icon

    mica

    14/10/2007 15.02.34

    molto carino! ben scritto, bella la storia..forse troppo rapido nel finale.

  • User Icon

    Mirco Ficola

    09/10/2007 08.36.09

    Un libro che definirei "devastante" e che va interpretato su piani di lettura diversi. Lo considero "devastante" perchè getta in faccia al lettore lo realtà omicida della dittaura comunista dell'ex Unione Sovietica, durante la quale non erano ammesse "urla" che potessero squarciare il silenzio imposto dagli apparati politici. Una dittaura "estrema" che annichiliva tutti, personaggi in vista ma anche soltanto persone comuni che leggendo Keynes provavano il tarlo del dubbio. La caduta del muro e la conseguente fine della dittatura sovietica provoca macerie in chi aveva creduto nel sogno della liberazione dell'uomo a dispetto di tante evidenze nefaste. E' a questo punto che subentrano i piani di lettura diversi. I fatti sono visti con occhi diversi dai diversi personaggi. Mario, il protagonista, è smarrito, continuamente alla ricerca di qualcosa che possa "perdonargli" quel sogno ma anche di qualcuno che gli spieghi il perchè di quella tragedia; desidera seppellire difinitivamente quell'ascia che per tante notti ha accompagnato i suoi incubi e che ha inevitabilmente inciso anche sulla sua vita affettiva; vuole tornare a sperare in qualcosa di nuovo, di fresco, di vero ma la vita di tutti i giorni, il modo di far politica, la sua incapacità ad "amare" veramente lo frenano e lo inibiscono, ne sono insieme causa ed effetto. Sonja è quella che ha vissuto sulla propria pelle il dolore della madre internata. Ha scelto di cambiare paese, di tornare a vivere, forse di dimenticare o almeno di rifiutare di pensare al dolore patito. La sua condizione di "esule" è figlia di quella barbara dittatura e questo le basta per far valere il suo orgoglio di donna e di musicista. Infine Roberto, il figlio di Mario. Testimone perfetto delle nuove generazioni, pragmatico, inserito nel mondo di oggi fatto di contatti fugaci e, forse ma non è detto, privo di ideali. Come sempre la soluzione sta ancora nella "memoria", nella consapevolezza del suo valore come fondamenta per ricostruire.

  • User Icon

    Susanna Sarti

    07/10/2007 15.11.27

    Semplice, scritto bene, nulla di più.....

  • User Icon

    Nicola

    18/09/2007 23.04.15

    Un'affannosa e sofisticata ricerca esistenziale.

  • User Icon

    fulvia

    13/09/2007 09.15.19

    una trama semplice, ben raccontato con qualche bella riflessione ma niente altro. E comunque.... il protagonista de "la donna che visse due volte" con Kim Novak era JAMES Stewart e non Jimmy Stewart... ........

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione