Traduttore: A. Cioni, S. De Franco
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 395 p., Brossura
  • EAN: 9788807819223
Disponibile anche in altri formati:

€ 4,86

€ 9,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

5 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea

    19/04/2008 14:12:01

    Molto buona ed interessante la prima parte del libro. La seconda decisamente noiosa, prevedibile e senza alcun criterio. Decisamente deluso....

  • User Icon

    alberto

    30/03/2008 16:24:57

    una trama originale e ben raccontata, con finale non scontato. molto bello.

  • User Icon

    piccia

    10/01/2008 10:44:41

    L'unica cosa improbable qui e' il libro stesso. E' improbable nelle sue basi pseudoscientifiche (ci sono degli errori di statistica di base che non mi aspetterei da un docente di statistica), e' improbable nei personaggi (il gemello, lo scienziato pazzo, la spia... sembrano i protagonisti di una barzelletta), e' improbable nella trama e nelle situazioni che si vengono a creare (ad es. bisognerebbe spiegare all'autore che, se uno ha un ginocchio fracassato da un proiettile, non puo' andarsene in stazione come se niente fosse e salire su un treno, indipendentemente da quante volte l'autore ci ricordi che il protagonista prova un dolore allucinante...). Questo libro e' un disastro sotto ogni punto di vista, sembra essere lo stereotipo dello stereotipo dei peggiori b-movie d'azione americani. Alla fine mi sono divertito a leggerlo solo per vedere fin dove l'autore aveva la sfacciataggine di arrivare, ma se cercate un buon libro, allora lasciate perdere "improbable".

  • User Icon

    alfredo

    23/12/2007 22:32:12

    Magico!!!!!

  • User Icon

    rossomoni

    21/06/2007 01:02:41

    per me è stato uno dei più bei libri che ho letto. estremamente affascinante, e sopratutto non scontato. una lettura avvincente e un libro che si ricorda

  • User Icon

    borgo.damiano

    05/10/2006 18:49:15

    accidenti che minestrone,ridicola poi la figura del gemello, per non parlare di quella dell'agente infiltrata Nava...un libro veramente deprimente con tutti i calcoli delle probabilità, forse la storia andrebbe bene per un film d'azione sarebbe la sua ultima probabilità, un libraccio.

  • User Icon

    Danilo Zaini

    14/09/2006 20:18:53

    Mi è stato consigliato da un mio amico che è laureato in statistica come me...Mi è piaciuto molto una scrittura molto veloce ed attenta ..direi un buon libro che si legge tutto di un fiato. Consigliato per le vacanze!

  • User Icon

    Gianluca

    07/09/2006 10:24:24

    Benché i presupposti siano promettenti, il romanzo è un disastro quasi sotto ogni punto di vista. I personaggi sembrano usciti fuori da un manuale per la creazione di perfetti stereotipi, lo stile è confuso, acerbo, informe, e la lettura è spesso resa irritante da intrusioni che non hanno nulla a che vedere con la narrativa: in alcuni punti, sembra di leggere gli appunti di uno studente universitario. Se c'è una cosa insopportabile, poi, è la necessità di svelare i retroscena della vita di ogni personaggio, anche il più insignificante. E' il primo romanzo di Fawer, e l'autore ha cercato di mettere troppa carne al fuoco, mancando però totalmente dell'esperienza e delle capacità necessarie quando si mettono insieme tante idee e tanti personaggi.

  • User Icon

    anx

    30/08/2006 16:43:55

    Lo consiglio a chiunque mi capiti a tiro. La prima metà è qualcosa di indescrivibile, un trampolino di lancio per una storia perfetta e riuscita. La seconda parte non sfrutta al meglio queste premesse però il libro nel complesso è fantastico !

  • User Icon

    g peccati

    15/06/2006 10:54:43

    Bisogna capirsi : questo libro è pessimo sotto almeno due punti di vista. In primo luogo, le dissertazioni scientifiche (soprattutto quelle probabilistiche) sono piene di errori. Ma errori di base. Si inizia dicendo che la probabilità di qualcosa è 700% (affermazione senza senso, ottenuta con una serie di non sequitur logici). Si continua con una lunga scena in cui il protagonista (che dovrebbe essere un genio del calcolo mentale) si rovina a carte, facendo conti inadatti al contesto (per gli esperti: usando le probabilità assolute, invece delle condizionali), e si continua con un bel po' di ritratti di scienziati pazzi che vogliono conquistare il mondo blaterando teorie incomprensibili sulla fisica quantistica. Sembra scritto da uno studente che ha letto male gli appunti, e si ricorda delle cose a caso. Poi, la trama, mioddio. Per dirne una: ci sono due gemelli, uno (il protagonista) ha una microspia nella giacca, l'altro no. Pero', per il bene dell'intreccio, le loro identità dovrebbero essere cofuse da certi agenti dei servizi segreti. Allora, cosa succede? In segno di eterno amore, i due fratelli si scambiano le giacche prima di uscire di casa.... Maddai, cos'è?

  • User Icon

    giuseppe

    22/03/2006 14:16:12

    La trama del romanzo, per me, passa in secondo piano. Il messaggio che esplica il libro è una sintesi di religione-filosofia-fisica lette in una chiave interpretativa eccellente. Gran libro.

  • User Icon

    fabio j.

    29/08/2005 12:13:13

    Ok, l'idea di partenza è buona ed il libro è disseminato di interessanti teorie probabilistiche e preveggenza: fin qui meriterebbe un buon voto. Purtroppo la trama è banale e ripetitiva, i personaggi quasi sempre banali (come in quasi tutti i best seller USA, Codice Da Vinci incluso) oltre che quasi Supermen (la storia del ginocchio disintegrato e ricostruito sul momento, con relativa ripartenza del protagonista, è francamente ridicola). Vabbè, una delusione: peccato per Feltrinelli, che è un ottimo editore.

  • User Icon

    yby

    22/07/2005 11:02:19

    il peggior libro di Mankell. la storia si dipana lenta e senza colpi di scena sopratutto perchè il lettore sa fin dalle prime pagine dove trovare al verità; più che un polizziesco è un documentario su come viene eseguita una "indagine di polizia"...

  • User Icon

    licciupapa

    26/06/2005 00:29:20

    Adam Fawer con il suo romanzo, Improbable, ha sicuramente eccelso nei campi più belli ed affascinanti della fisica classica e moderna, dalle teorie newtoniane, alla teoria deterministica e dell'inconscio collettivo. Per non parlare della trama: ricca, coinvolgente ed attuale. Molto attuale; tanto da riuscire a far entrare a far parte del suo romanzo anche coloro che magari avevano abbandonato la bellezza della lettura. Anche se la narrazione è principalmente strutturata su principi di Fisica e Filosofia abbastanza avanzati, consiglio la lettura anche a coloro che magari vorrebbero cimentarsi in questi nuovi mondi per spaziare le loro conoscienze culturali... licciupapa@intrage.it .

  • User Icon

    anna

    14/06/2005 16:26:02

    Un libro diverso, interessante, nuovo,che appassiona e si legge facilmente, nonostante alcuni passi con teorie scientifiche (o pseudoscientifiche)che potrebbero appesantirlo ed invece lo rendono ancora piu' godibile. Mi ha entusiasmato e mi ha donato qualche ora di spensieratezza. Aspetto la prossima prova di questo scrittore esordiente con molta curiosità.

  • User Icon

    Wanderer

    24/05/2005 12:48:14

    Bello bello bello...un ottimo romanzo d'esordio.

  • User Icon

    madele

    27/04/2005 23:26:30

    Ho letto migliaia di libri spaziando tra i generi più disparati, ma questo mi ha veramente colpita per la sua originalità: non so da quanti anni non mi capitasse una storia che non assomigliasse a nessun'altra! Fawer ci ha messo dentro un po' di tutto, mischiando audacemente scienza e filosofia, eppure la lettura è godibilissima... persino i ringraziamenti alla fine dell'opera! La trama in sè non è strabiliante ma il modo in cui Fawer costruisce il romanzo lo è, eccome! Qualcuno l'ha paragonato, cinematograficamente parlando, a "Matrix". A me ricorda più "Nirvana" (saranno magari tutte quelle infinite possibilità che si aprono ogni volta che facciamo una cosa invece che un'altra e modificano il futuro...)L'ho preso in prestito in biblioteca, poi l'ho comprato, poi regalato ad alcuni amici, poi suggerito in chat, ad altri lettori in biblioteca... ed è piaciuto a tutti :-) Quasi quasi mi ha riconciliata con la matematica e, giuro, non pensavo che potesse essere possibile. Lo consiglio vivamente a chi legge per curiosità e senza pregiudizi e che cerca in un libro una bella storia e un bel po' di fantasia: i lettori di saggi e opere altamente razionali, oppure quelli che scelgono solo "capolavori", non lo apprezzeranno per niente.

  • User Icon

    Simis

    21/04/2005 10:54:01

    Ottimo libro, riesce a catturare il lettore nonostante sia anticonvenzionale e molto scientifico in certi tratti. A mio parere il grande pregio sta proprio nel non annoiare neppure nelle parti relative alle lezioni di statistica o alle disquisizioni fisiche. Le teorie esposte sono quanto meno affascinanti e vengono ben combinate con il resto della trama; l'azione scorre a fiumi e ci fa girare le pagine con trepidazione. Inoltre il libro è ben scritto, sia nelle sequenze narrative che in quelle scientifiche. In conclusione lo consiglio a tutti, se non altro per leggere qualcosa di diverso dal solito: intrigante e coinvolgente.

  • User Icon

    Andre

    19/04/2005 12:02:37

    Ottimo romanzo che sa tenere molto alto il livello di interesse per tutta la sua durata. E' un libro molto scorrevole che ho letto in un paio di giorni il mese scorso. Lo consiglio caldamente a tutti.

  • User Icon

    marius p.

    13/04/2005 16:54:32

    Molto divertente, un po' appesantito dall'esposizione delle teorie di fisica e calcolo delle probabilità. Nel complesso diverte, a patto di lasciarsi un po' andare, cioè di non stare a pensare troppo se il tutto è probabile più o meno o per nulla. la trasposizione cinematografica non tarderà ad arrivare.

Vedi tutte le 72 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione