In-between spaces: percorsi interculturali e transdisciplinari della migrazione tra lingue, identità e memoria - Nino Arrigo,Annalisa Bonomo,Karl Chircop - ebook

In-between spaces: percorsi interculturali e transdisciplinari della migrazione tra lingue, identità e memoria

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Formato: PDF
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 488,02 KB
  • EAN: 9788899541521
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 7,49

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Tanto la letteratura quanto gli studi linguistici e sociologici si trovano, oggi, esplicitamente coinvolti nella riscoperta di uno sguardo
plurimo che traduce la polisemia del concetto di lingue, identità, e memoria secondo un’ottica che non può che essere «complessa»,
nell’accezione di «complessità» formulata dal filosofo francese Edgar Morin.
Da qui, la necessità di percorsi interculturali e transdisciplinari nuovi che si occupino della «migrazione» come macro-area ricca di in-between spaces e frontiere capaci di disgregare le logiche lineari dell’appartenenza etnica, religiosa e linguistico-culturale; da qui
la possibilità di attingere a piene mani ad una periferia che diviene centro, ad un’incompletezza cui – lontano dagli standard e dal mainstream – spetta il compito di ricomporre la paradossale disgregazione prodotta dalla globalizzazione.
Ad accompagnare il nostro percorso saranno il nietzschiano «viaggiatore senza fissa dimora», il deleuziano «nomade del pensiero» e il
«viandante-marrano» di Morin, epigoni moderni dello spirito di Ulisse, il cui errare «rappresenta l’errare dell’umanità».
Ci aiuteranno nel tentativo di delineare un metodo-camminostrategia che si dissolve nella marcia e proprio durante la marcia e la ricerca potrà vedere la luce e trovare vigore, zeppo di quelle esitazioni e di quei ripensamenti che costituiranno il suo stesso fondamento. Consapevoli, altresì, dell’impossibilità che la nostra parabola descriva un cerchio completo, torneremo diversi, trasfigurati e messaggeri,
magari, di quella saggezza che emana dai miti, dalle tradizioni e dalle religioni. Ma sempre pronti a ripartire, attenti a non cascare tra le
rassicuranti certezze del dogma e sicuri che «ogni nuovo rifugio sia una trappola antica».
Note legali