In the Land of White Death

In the Land of White Death

Valerian AlbanovJon Krakauer

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Alison Anderson
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,76 MB
  • EAN: 9780679642312

€ 5,10

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

“One helluva read.”—Newsweek . “Gripping.”—Outside . “Spellbinding.”—Associated Press . “Powerful.”—New York

In 1912, the Saint Anna, a Russian exploration vessel in search of fertile hunting grounds, was frozen into the polar ice cap, trapping her crew aboard. For nearly a year and a half, they struggled to stay alive. As all hope of rescue faded, they realized their best chance of survival might be to set out on foot, across hundreds of miles of desolate ice, with their lifeboats dragged behind them on sledges, in hope of reaching safety. Twenty of them chose to stay aboard; thirteen began the trek; of them all, only two survived.

Originally published in Russia in 1917, In the Land of White Death was translated into English for the first time by the Modern Library to widespread critical acclaim. As well as recounting Albanov’s vivid, first-person account of his ninety-day ordeal over 235 miles of frozen sea, this expanded paperback edition contains three newly discovered photographs and an extensive new Epilogue by David Roberts based on the never-before-published diary of Albanov’s only fellow survivor, Alexander Konrad. As gripping as Albanov’s own tale, the Epilogue sheds new light on the tragic events of 1912–1914, brings to life many of those who perished (including the infamous captain Brusilov and nurse Zhdanko, the only woman on board), and, inadvertently, reveals one new piece of information—about the identity of the traitors who left Albanov for dead—that is absolutely shocking.

“Poetic.”—The Washington Post . “A lost masterpiece.”—Booklist . “A jewel of polar literature.”—Seattle Post-Intelligencer . “Vivid . . . [a work of] terrifying beauty.”—The Boston Globe

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Jon Krakauer Cover

    Saggista e alpinista statunitense, conosciuto per i suoi libri riguardanti la vita all'aria aperta e l'alpinismo. Nel 2003 è entrato nel campo del giornalismo investigativo.Gran parte della popolarità come scrittore è dovuta all'attività di giornalista che svolse presso l'«Outside magazine». Nel novembre 1983, abbandonò il lavoro part time di pescatore e carpentiere per diventare uno scrittore a tempo pieno. La sua attività di giornalista freelance riguarda vari campi. Il bestseller Nelle terre estreme venne pubblicato nel 1996 e assicurò a Krakauer una reputazione come notevole scrittore di avventure. Nel libro, Krakauer traccia parallelismi tra la sua esperienza e le sue motivazioni e quelle di McCandless. Da Nelle terre estreme... Approfondisci
Note legali