L' incanto del lotto 49

Thomas Pynchon

Traduttore: M. Bocchiola
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 8 novembre 2005
Pagine: 174 p., Brossura
  • EAN: 9788806178581
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Oedipa Maas era una giovane casalinga californiana, laureata in letteratura inglese e moglie di un deejay radiofonico. Poi, un giorno, viene nominata esecutrice testamentaria, e tutto cambia. Una cospirazione mondiale, antica di secoli, getta la sua ombra sulla vita di tutti i giorni, sull'America solare e felice degli anni Sessanta, e lancia Oedipa sulla scia di un enigma impossibile. Torna a quarant'anni dalla pubblicazione questo romanzo cui si attribuisce la fondazione della letteratura post-moderna. Il romanzo è proposto in una nuova traduzione, firmata da Massimo Bocchiola.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Dedal0

    23/09/2018 16:52:11

    Venghino siori venghino, più personaggi entrano più neuroni si impiegano Inutile girarci attorno (Penso la povera Oedipa Maas sia già abbastanza confusa) ho dovuto prendere nota dei vari nomi per due motivi: 1) mi scordo i nomi 2) sono troppi nomi 3) Ci sono i Paranoids, il Leprecauno, l'IBM 7094, alpha&omega) ci sono omaggi a nomi famosi [tra cui Nabokov] alle cospirazione, all'esoterismo e alle telenovelas. Un capitolo su un testo teatrale e relativa discussione. Se vi state chiedendo come mai non ho mantenuto le premesse iniziale sulle motivazioni, non potete leggere Pynchon. Thomas (To' un nome!) Wikipedia parla di realismo isterico io posso dirvi che il libro è un calderone di caos studiato che impiegherò una vita a capire. Il titolo? Lasciate stare, mi è piaciuto e mi ha sorpreso. Questo conta. P.S: Intenzionato a intrufolarsi nottetempo negli acquari e aprire trattative con i delfini, che sarebbero stati i successori dell'uomo *L'incanto del Lotto 49, pubblicato nel 1966 *Guida galattica per autostoppisti, pubblicato nel 1979 E non aggiungo altro.

  • User Icon

    charles

    22/09/2018 11:22:21

    un solo commento: illegibile

  • User Icon

    serafinilino@libero.it

    22/09/2018 11:16:22

    E' IL PRIMO LIBRO DI CIRCA MILLE INIIATO E NON FINITO.QUASI ILLEGIBILE

  • User Icon

    serafinilino@libero.it

    22/09/2018 10:01:31

    grandissima attesa immensa delusione.scrittura nata per non essere letta, sembra geroglifici egiziani. trama che ci potrebbe stare ma sè espressa in altro modo. povero PAUL AUSTER

  • User Icon

    furetto60

    23/02/2017 15:09:33

    Labirintico, istrionico, sarcastico, geniale. Difficile esaurire con poco questo romanzo di P., non facile da leggere (nonostante sia abbastanza breve), ma proprio per questo stimolante ad una eventuale rilettura successiva, e neanche facile da interpretare in modo univoco; ricorda un Pendolo di Foucault privo delle complicazioni linguistiche, ma parimenti ricco di una avvincente trama thriller (in questo caso irrisolta). La parte del dramma cui assiste Oedipa è quella meno convincente in quanto, per lunghezza e complessità, sa un po’ di riempitivo, tutto sommato decisiva nel solo finale (il Tristero). A parte ciò, consiglio il romanzo in particolare a chi ama le sfide. La lettura nella vecchia edizione è migliore rispetto a quella più recente; bisogna armarsi di pazienza per trovarlo (non difficile comunque).

  • User Icon

    Hodor

    24/11/2016 14:49:24

    Un viaggio unico tra realtà e sogno in una detective story ambigua ed allucinata.

  • User Icon

    KidChino

    17/01/2016 04:59:02

    Ecco uno di quei casi (molto rari direi) in cui alla fine del libro ti chiedi: "Cosa ho letto?" O forse ancora meglio: "Cosa vuol farmi capire e lasciarmi l'autore?" Sì perché la sensazione provata maggiormente durante questa lettura è stata poi una domanda. Perché? Libro molto intricato. Pieno zeppo di nomi e nomi che per 60 pagine ti porti dietro capendo solo successivamente chi o cosa erano. Un libro a tratti ironico a tratti disarmante. Un ottimo mix tra ciò che è reale e ciò che non lo è. Anche se soltanto 170 pagine queste è sicuramente una lettura per niente semplice ne scontata. E probabilmente per capire meglio il tutto andrebbe sicuramente riletto! Ma non ora! Alla fine dei conti comunque mi sento di consigliare questo libro!

  • User Icon

    judgeholden

    30/11/2010 13:12:17

    L'incanto del lotto 49 è un libro che sai essere scritto da un genio della letteratura, allora lo compri e ti avvicini a quell'universo, tentando di districarti in una narrazione vorticosa, difficile da tenere a bada, a volte sembra impazzita ma pur sempre lucida. L'impressione dopo la prima lettura è che dopotutto Pynchon non sembra un genio, ha scritto una storia scombussolata e senza conclusione, una trama e una protagonista paranoica non fanno altro che confonderti le idee. Che voto dare??? beh dopotutto ci sono degli spunti validi, un umorismo particolare nelle situazioni... cerchiamo di non essere troppo severi, diamo un 2 di fiducia, un 1 sarebbe troppo poco e comunque forse è anche colpa nostra che abbiamo riservato alla lettura troppa poca attenzione, forse converrebbe rileggerlo, dare a noi e a questo libro un'altra possibilit;, dopotutto sono poco più che 150 pagine e allora, perchè no... alla seconda lettura presti più attenzione a particolari che ti erano sfuggiti, ridi di situazioni che prima erano passate inosservate o poco più; forse la trama si fa un po' più chiara ma lo stesso non riesci a venirne a capo. voto: 3. Poi casomai lo rileggi una terza volta, l'aura che circonda Pynchon comincia a essere giustificata e supportata da quello che leggi e vedi nel romanzo. Se poi consulti qualche saggio su questo libro davvero ti si aprono prospettive che non ti saresti mai aspettato, ed ecco allora che la terza lettura si rivela più ricca e completa: la somma di quelle precedenti,e qualcosa in più anche. Dunque facendo due conti..... 2 più 3: 5 !!!

  • User Icon

    baton

    05/09/2006 03:08:21

    Va bene, non l'ho capito io. Va bene, Pynchon è un genio, un mostro sacro, la sua scrittura è una vera rivoluzione, ecc ecc. Resta il fatto che, a mio avviso, questo libro sia semplicemente illeggibile.

  • User Icon

    Mimmo

    12/07/2006 11:35:04

    La lettura di questo libro è un incredibile esperienza.Le immagini che evoca la scrittura di Pynchon,i colori,la musica dell'America anni'60.Non vi fermate,non scoraggiatevi,impossibile capire tutto quello che scrive;Dietro la storia apparentemente semplice di Oedipa ci sono svariati livelli di lettura,ed è sbalorditivo che molte delle cose di cui scrive sono vere,e che a soli 26 anni e,per giunta,40 anni fà,Pynchon aveva capito che la comunicazione, con i suoi mezzi, sarebbe stata al centro degli appetiti capitalistici.Piccola nota per la Einaudi:Leggere Pynchon è cosa ostica,leggere un'edizione di un libro di Pynchon con un rapporto pagine-refusi così alto è impossibile,inoltre leggo che altre edizioni hanno un'introduzione dove si spiega che anche i nomi non sono messi lì per caso:Lui può presupporre la conoscenza di certe cose da parte del lettore ,voi no.

  • User Icon

    tristero

    31/01/2006 19:34:05

    Il libro è semplicemente fantastico, ma l'edizione è piena di refusi!

  • User Icon

    ranocchia pelata

    11/11/2005 21:39:33

    magnifico! ma che fine ha fatto la vecchia traduzione? e perchè sostituirla con questa?

  • User Icon

    qualcuno

    11/11/2005 21:32:51

    libro magnifico, ma è meglio la precedente traduzione

  • User Icon

    Vittorio Caffè

    10/11/2005 19:34:53

    Mah, che sia meglio la precedente traduzione non sono poi tanto tanto sicura, era una buona traduzione, ma Bocchiola, per quel che ho letto finora, ha fatto veramente i salti mortali, soprattutto nella traduzione delle canzoni che costellano questo romanzo piccolo ma terribilmente denso... Di Pynchon, che dire? Che è uno scrittore immenso? Che è il vero gigante della contemporaneità? Che tra duecent'anni parleranno di questi nostri anni come dell'Era di Pynchon? Io vorrei dire altro, che possa aiutare chi potrebbe voler comprare questo libro ma non è tanto sicuro della scelta. Pynchon è un po' come Escher. Avete presente quei disegni che sembrano realistici, poi a guardare bene ti rendi conto che una scala infinita non può esistere, che gli uccelli non si possono trasformare in pesci, che le cose che lui sembra raffigurare con uno stile tutto sommato realistico non possono esistere? Be', con Pynchon è un po' così, ma in modo ancor più disorientante. Nei suoi libri le cose apparentemente reali si rivelano inventate di sana pianta; ma poi scopri che le cose che sembrano assolutamente folli, tirate fuori dal cappello di un prestigiatore della narrativa, sono vere. E non ho detto "realistiche". Ho detto ve-re. E che comunque anche quelle inventate, come la Yoyodyine, come il Trystero, come La tragedia del corriere, si spalancano a mostrare abissi oscuri del nostro mondo tardocapitalistico. Che Pynchon aveva capito molto prima che si cominciasse a parlare di globalizzazione, di Impero Americano, di complotti e cospirazioni planetarie. E questo piccolo (solo in apparenza) romanzo proprio di questo parla, ben prima dei Genna e dei Dan Brown e di tutto il resto della banda: senza smerciare facili rivelazioni, ma insegnando col raccontare stesso a guardare dietro la pagina. Aggiungiamo inoltre che nella resa di Bocchiola si capisce perché questo scrittore è considerato, tra l'altro, un maestro di stilesez I.

  • User Icon

    withnail

    09/11/2005 00:27:21

    Voto massimo al romanzo, ma vi consiglio la vecchia traduzione.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione