L' incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

Haruki Murakami

Traduttore: A. Pastore
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24 gennaio 2017
Pagine: 275 p., Brossura
  • EAN: 9788806233037
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

A Nagoya abitano cinque ragazzi, tre maschi e due femmine, che tra i sedici e i vent'anni vivono la più perfetta e pura delle amicizie. Almeno fino al secondo anno di università, quando uno di loro, Tazaki Tsukuru, riceve una telefonata dagli altri: non deve più cercarli. Da quel giorno, senza nessuna spiegazione, non li vedrà mai più: non ci saranno mai più ore e ore passate a parlare di tutto e a confidarsi ogni cosa, mai più pomeriggi ad ascoltare la splendida Shiro suonare Liszt, mai più Tsukuru avrà qualcuno di cui potersi fidare. Il dolore è cosi lacerante che nel cuore del ragazzo si spalanca un abisso che solo il desiderio di morire è in grado di colmare. Dopo sei mesi trascorsi praticamente senza mangiare né uscire di casa, nelle tenebre di un'infelicità senza desideri, Tzukuru torna faticosamente alla vita ma scopre di essere cambiato. Non solo nel fisico - più magro, dai lineamenti più duri e taglienti - ma anche, soprattutto, nell'animo. Ancora oggi, quando ormai ha trentasei anni, continua a vivere con l'ombra di quel rifiuto che lo accompagna sempre, come una musica che resta sospesa nell'aria anche quando non c'è più nessuno a suonarla. L'incontro con Sara, che intuisce l'inquietudine nascosta dietro l'apparente ordinarietà di Tsukuru, sarà l'occasione per rispondere a quelle domande che per sedici anni l'hanno ossessionato ma che non ha mai avuto il coraggio di affrontare.

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessio

    22/09/2018 17:24:32

    Credo che un po' tutti noi ci sentiamo come Tazaki Tsukuru, protagonista del romanzo che viene abbandonato dai suoi cari amici per un motivo inspiegabile. È una storia di amicizia, dimostrando come crescendo le cose e le persone cambino, niente rimane come prima, nemmeno l'opinione che noi abbiamo o gli altri hanno di noi stessi. Murakami, con l'uso della terza persona, ci conduce verso un viaggio analitico dell'incolore Tazaki, che forse, in fondo, così incolore non è. Ne consiglio la lettura.

  • User Icon

    Cristiana

    21/06/2018 20:14:10

    Irritante Si ha proprio la sensazione di aver a che fare con un prodotto arraffazzonato in cui tanta carne sul fuoco serve alla fine solo a fare un grande fumo inconsistente: non c'è uno spunto che arrivi ad avere un senso e una conclusione. Sembra proprio che lo scrittore abbia consegnato frettolosamente il romanzo senza essere riuscito a decidersi per una fine sensata. Lo ho letto su indicazione di una giovane lettrice di buoni libri e mi chiedo (preoccupandomi) perché abbia voluto consigliarmi proprio questo (...e L' uccello che girava le viti del mondo: 900 pagine! Aiuto. Urge una riflessione: forse mi odia).

  • User Icon

    Emiliano

    30/12/2017 16:07:30

    un capolavoro assoluto. non comprendo tutte le stravaganti osservazioni sul finale che leggo qui. Vedetevi "Pretty woman" che state bene così

  • User Icon

    DarioZak

    18/03/2017 13:13:04

    E' il secondo romanzo di Murakami che leggo dopo il bellissimo "L'uccello che girava le viti del mondo", devo dire che sono rimasto abbastanza deluso. Ho trovato estremamente interessanti i personaggi e le vicende, inizialmente, purtroppo nel complesso mi sembra un'opera interrotta a metà. E non perché mi aspettassi chissà quali conclusioni e chiarimenti, tantomeno un classico happy ending da romanzo rosa, credo di aver intuito lo stile di Murakami. Checché l'autore voglia far credere che il protagonista abbia trovato le risposte che cercava e sia arrivato a una svolta del suo viaggio interiore, la sua parabola rimane comunque incompiuta.

  • User Icon

    Alberto

    19/11/2015 10:32:52

    Concordo con coloro che ritengono questo libro inadatto come prima lettura di Murakami. Per poterlo apprezzare bisogna aver letto lo struggente Norvegian Wood, il visionario Kafka sulla spiaggia, aver capito il segreto per raggiungere una possibile pace e tranquillità in La fine del mondo e il paese delle meraviglie. L' incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio è il riscatto sul male oscuro che ormai fa parte della nostra civiltà.

  • User Icon

    Riccardo

    01/07/2015 02:52:37

    Possibile che nessuno abbia notato la pubblicità? Lexus, Tag Heuer, Cutty Sark, iPod, pagine su pagine disseminate di spot. Un esempio? Pag. 115: "Io stesso ho una Lexus, - proseguì Ao. - Una macchina stupenda. Silenziosa e affidabile. Sul circuito di prova ho toccato i duecento all'ora, ma il volante non aveva la minima vibrazione. Anche i freni sono ottimi. Una meraviglia, ti dico." Personalmente, credo che un'opera che parla di certi temi non abbia nessuna credibilità, se fra una riflessione e l'altra si trovano spot pubblicitari di macchine, orologi, bevande, gadget elettronici (la Apple è un cliente quasi fisso degli ultimi romanzi di Murakami). Ma ormai siamo talmente abituati, che neppure ce ne accorgiamo...

  • User Icon

    Anna

    12/03/2015 11:38:06

    Questo libro di Murakami è l'ennesimo che ho terminato con enorme dolore, tanto è bello ed intenso. Alcune pagine sono struggenti persino nell'erotismo che evocano. Quanti di noi hanno avuto una vita costellata di perdite di amici e persone a loro care che ancora non riescono a spiegarsi, e che hanno influenzato pesantemente le loro vite, arrivando al punto di impedirci di amare ancora pur di non soffrire più? Ecco perchè i libri di Muarakami, che sarebbe ora prendesse il Nobel, sono così amati: parlano in modo semplice, ma senza reticenza o maschera alcuna del dolore, della solitudine, del non saper vivere l'amore. Dell'attesa della vita che sembra fuggire sempre più lontana. La vita può essere baratro oltre il quale, se si hanno la forza ed il coraggio necessari, si può raggiungere la felicità. Perchè solo attraverso il baratro si può scoprire la gioia, e solo attraverso il sangue sparso sul terreno può arrivare il perdono per chi ci ha fatto del male...facendone a se stesso in egual misura. Murakami è una Pietra Miliare della Letteratura, e lo ringrazio per avermi fatto scoprire il suo universo, dal quale non viene mai voglia di uscire.

  • User Icon

    paola

    25/02/2015 10:28:11

    Lo ammetto, ho un debole per Murakami, per i suoi romanzi apparentemente leggeri ma capaci di scavarti dentro. Romanzo intenso, fitto di emozioni, con un linguaggio delicato e immagini straordinarie. Un viaggio dentro e fuori di sé. Emozionante.

  • User Icon

    cristina

    20/02/2015 12:47:11

    Tazaki Tsukuru mi ha ricordato William Stoner; mentre là era l'America, qui è l'ancor più lontano Giappone, la cui cultura così diversa da quella occidentale probabilmente "giustifica" personaggi e storie come quella raccontata da Murakami. Ho fatto fatica inizialmente a farmi prendere dalla storia, ad entrare nella prosa lenta e a volte ripetitiva di Murakami. Le strade sono due: o molli la presa o devi semplicemente arrenderti: ti fai prendere per mano dal protagonista e ti fai condurre nel suo pellegrinaggio geografico e metafisico. Ho trovato fuori contesto la storia del jazzista Midorikawa raccontata da Haida; forse poteva essere il punto di partenza per un altro romanzo. Tutto sommato questo romanzo lascia dentro con una certa efficacia quel senso di perdita e abbandono che pervade tutta la storia.

  • User Icon

    zia dalia

    07/02/2015 08:14:13

    Murakami non delude mai; seppure in tono minore rispetto ai suoi precedenti capolavori,questo romanzo ci catapulta nuovamente sui temi più amati dall'autore: l'adolescenza, la formazione dell'individuo, la sofferenza, l'incomunicabilità. Consigliato.

  • User Icon

    Pier Morandi

    03/01/2015 19:41:46

    Murakami, è uno scrittore che amo e del quale ho letto tutto il leggibile, ma questo libro proprio non mi è piaciuto. Interessante per due terzi, diventa banale ed estremamente superficiale nell'ultima parte, dove scrittura e idee latitano. Ad ogni scrittore, si concede un passo falso, ci mancerebbe altro, ma siamo così lontani da Norwegian Wood, Dance, Kafka, L'uccello che Girava le Viti, la Ragazza dello Sputnik, a Sud del Confine, tanto per citarne alcuni. Partire da questo libro, per scoprire Murakami, sarebbe un errore.

  • User Icon

    patrizia balit

    28/12/2014 09:03:42

    Il mio è un approccio virginale alla lettura di Murakami, che ho letto per la prima volta in versione inglese ("The colorless TT and his years of pilgrimage"). La storia è affascinante, accattivante. Ho amato molto Tsukuro e la sua lotta-non lotta per riprendersi da una profondissima ferita emotiva, l'esclusione fisico-morale dalla sua ristrettissima cerchia di amici. Ma, ad un certo punto, ho avuto la sensazione di qualche sovrapposizione di troppo, quasi innesti un pò stonati e rarefatti: ad esempio, le visioni oniriche e pulsioni con Haida, l'incontro di Haida padre con Midorikawa in una complessa partita di vita e morte (con punte letterarie da "oracolo"). Mentre, le ricadute a terra sono concrete, come le figure di Sara ed Eri, che provano positivamente a superare le ferite del passato, ed anche Olga, personaggio marginale ma che appare alla fine del libro come un raggio di luce bianca. O come certe citazioni di marche attuali di orologi, automobili, cravatte, tutte comunque molto contestualizzate. Il libro l'ho divorato, ma mi è rimasto un pò un retrogusto di Paolo Coelho del sol levante, non del tutto piacevole.

  • User Icon

    farfallina

    02/10/2014 22:06:19

    mi piacciono molto le opere di Murakami perchè l'autore si serve di una scrittura semplice ma esaustiva per descrivere le profondità dell'animo umano; impresa non facile , secondo me. Questa storia si concentra molto sui sentimenti universali dell'amicizia e dell'amore ma anche della solitudine e dell'alienazione dei nostri tempi. Trovo affascinanti e riflessive le descrizioni altalenanti tra sogno e realtà. Nel complesso la storia appare triste e melanconica sin dall'inizio però Murakami lascia sempre al lettore la facoltà di decidere quale potrebbe essere il finale.

  • User Icon

    Lina

    26/09/2014 23:07:27

    una storia ridicola. e incomprensibile il favore che ha incontrato tra i lettori.

  • User Icon

    Ipek

    24/09/2014 16:07:14

    Scendo in campo a difendere questo, secondo me bellissimo, ultimo romanzo di Murakami. La sua scrittura é impeccabile, scivola a tratteggiare il quotidiano fino a rendere vivi i momenti piú intensi e drammatici della storia. Libro poetico,malinconico, denso. Inoltre ho simpatia per Toru, che é un solitario come me, e la maggior parte dei personaggi di Murakami.Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    Michael Moretta

    03/09/2014 19:15:36

    L'ultimo libro di Murakami è piuttosto diverso dal solito e credo che ciò rispecchi una evoluzione dello scrittore e della sua scrittura di conseguenza. Sono sempre presenti i due piani temporali caratteristici di ogni suo romanzo ma in questo lavoro il cerchio non si chiude, è come se mancasse qualcosa perché la storia avesse una sua circolarità, ma forse è proprio questo che Murakami vuole e forse proprio qui sta parte della evoluzione dello scrittore giapponese.  Per il resto la storia è comunque affascinante e ricca di spunti notevoli in cui emerge chiaramente il genio di questo autore. Il personaggio principale per esempio, Tsukuru, in giapponese colui che costruisce, ingegnere costruttore di stazioni al giorno d'oggi e nei suoi vent'anni quinto membro di una cerchia di amici i cui cognomi significavano tutti un colore. Lui, Tazaki Tsukuru era l'incolore, l'unico a non avere nel proprio cognome l'inizio di un colore. Un giorno questo gruppo di amici allontana Tsukuru senza una spiegazione, all'improvviso, e Tsukuru vive sei mesi in cui pensa principalmente alla morte. Rassegnato riesce ad andare avanti ed all'età di 36 anni incontra Sara, che lo convince a rivedere i suoi amici di un tempo per chiarire ciò che accadde 16 anni prima. Tsukuru scoprirà così il motivo del suo allontanamento dal gruppo e le implicazioni che ciò ebbe sugli amici.  Come detto questo è un libro diverso dai capolavori di Murakami e probabilmente non è il suo migliore. Rimangono dei punti in sospeso...per esempio il personaggio di Haida, che compare nella vita di Tsukuru e poi all'improvviso sparisce, o la fine stessa della storia con Sara. D'altra parte nei libri di Murakami raramente troviamo una spiegazione a tutto...molto l'autore lo lascia alla nostra immaginazione ma questi due personaggi credo che avrebbero meritato più attenzione. Comunque il libro rimane affascinante e ben scritto, e Murakami conserva intatto quel suo alone di magia e mistero che da sempre lo caratterizzano.

  • User Icon

    Massimo F.

    30/08/2014 11:25:40

    Questo autore è un vero fuoriclasse. Un libro che lascia senza parole. Una storia profonda, una scrittura splendida (aiutata da una traduzione di livello eccelso). Realtà e sogno viaggiano sempre in parallelo, e ti avvolgono a tal punto che smettere di leggerle questo libro diventa un'impresa molto complicata.. Scena dell'abbraccio in Finlandia, secondo me, tra le più belle in assoluto nel panorama letterario moderno.

  • User Icon

    GIOVANNI

    25/08/2014 11:09:26

    A mio avviso Murakami non perde un colpo e con questo ultimo romanzo ci offre un lavoro assolutamente ricco di spunti e scritto benissimo. Come anche in Tokio blues ambienta buona parte del racconto in una Tokio anonima e distante dove uno studente solitario e fuori sede va incontro alla sua vita, chissà, probabilmente c'è qualcosa di autobiografico in tutto questo o forse è solamente un mezzo narrativo. Ciò che penso di Murakami è che i suoi lavori non parlino solo di amore, solitudine, amicizia o musica, cioè non hanno particolari messaggi da comunicare sono dei romanzi scritti benissimo dove le situazioni e i personaggi sono perfetti e veritieri. Questo basta per essere un grandissimo scrittore.

  • User Icon

    Ale R.

    26/07/2014 18:48:55

    È la prima opera di Murakami che leggo. Pertanto il mio giudizio non tiene in considerazione gli altri lavori e non posso ovviamente lanciarmi in arditi paragoni. Da neofita, dico che il libro ha una storia interessante e che il linguaggio e le immagini utilizzate sono stupende. Descrizioni profonde e accurate immergono il lettore nella scena descritta. L'abilità descrittiva compensa anche l'assenza di una conclusione, il che fa pensare ad un probabile seguito. Lo consiglio.

  • User Icon

    Roberta

    22/07/2014 16:38:45

    Murakami non delude, anzi! In poche pagine una storia che lascia con il fiato sospeso e, nello stile dell'autore, con un velo di mistero fino alla fine...e oltre! Romanzo intenso, profondo, una trama fitta di particolari, come fitte sono le righe scritte, intervallate da pochi spazi bianchi, che servono a farti tornare alla realtà. Linguaggio curato, parole ben scandite, a voler trasmettere tranquillità e pacatezza. L'amicizia é il sentimento dominante. Il viaggio l'unica possibilità per riportare alla luce le ombre del passato, accettare il presente e affrontare il futuro. Ma con i sentimenti non si scherza, e niente potrà più essere come un tempo. Tanti gli spunti di riflessione, tanta la voglia di leggerlo di nuovo! In una parola: eccellente!

Vedi tutte le 36 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione