Traduttore: N. Gobetti
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 144 p., Brossura
  • EAN: 9788806207137
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,92

€ 10,50

Risparmi € 1,58 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Eleonora

    24/07/2017 12:32:37

    Come primo approccio a Philip Roth sono rimasta soddisfatta, ho scelto qualcosa che apparentemente mi sembrava più scorrevole di testi come Pastorale Americana. Nonostante la brevità del romanzo e l'apparente semplicità della storia l'autore riesce a trattare alcuni temi molto sensibili della società americana degli anni 50, il protagonista, Marcus, è un giovane ebreo alle prese con l'inserimento nella vita adulta: l'università, l'amore, le incomprensioni con la famiglia. Roth è abilissimo nel passare da momenti estremamente ironici ad altri di grande drammaticità, come l'eco della guerra in Corea che grava sul protagonista per tutto il romanzo. Consigliato per chi come me vuole avvicinarsi a questo grande autore!

  • User Icon

    francesca

    20/06/2017 17:09:23

    Libro meraviglioso, Roth non delude mai! Consigliatissimo.

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    13/01/2016 11:45:15

    Pur presentando delle pagine di altissima densità letteraria (come le coltellate che Marcus e il decano Caudwell si sparano l'uno contro l'altro sotto forma di dialoghi al veleno), manca qualcosa a questo romanzo di Roth. Il giovane Marcus che sta vivendo in modi così sofferti la transizione dall'adolescenza all'età adulta viene dipinto magistralmente nell'insieme delle sue relazioni con i genitori, con gli altri studenti e in genere con l'autorità (motivo fisso nell'opera di Roth: l'oscillazione nel rapporto soggetto-autorità). Ma, rispetto a questo insieme splendidamente raccontato, c'è un vuoto eccessivo nella fase tra l'uscita dal college e la morte in Corea. Come se non contasse nulla, e quindi non meritasse di essere narrata, l'esperienza del protagonista quando, nel suo ciclo di riti di passaggio, avrebbe dovuto vivere anche quello dell'ingresso nel mondo militare negli ultimi mesi dell'amministrazione Truman. E invece è piuttosto evidente che il romanzo avrebbe avuto bisogno di pagine e pagine dedicate anche a quella esperienza, per cui resta questa specie di vuoto diegetico poco sensato.

  • User Icon

    Mina

    30/12/2015 12:08:22

    Non mi è piaciuto molto, l'impostazione di scrittura è molto bassa paragonandola ai recenti libri di Volo. Penso che qualche eguale ci sia....

  • User Icon

    Raffaele

    30/11/2015 23:49:48

    Stupendo!!! Roth non ha eguali.

  • User Icon

    Francesco

    16/10/2015 21:36:05

    Bello! Decisamente bello! Classico romanzo alla Philip Roth, ma senza nessuna sbavatura. Si fa leggere tutto d'un fiato. Ideale per cominciare con lo scrittore. Stile scarno ed essenziale, struttura narrativa estremamente solida e compatta, piacevole anche nel trattare i personaggi secondari.

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    14/10/2014 17:11:04

    Pur avendo delle pagine di altissima densità letteraria (come i colpi di pistola che Marcus e il decano Caudwell si sparano l'uno contro l'altro sotto forma di dialoghi), manca qualcosa a questo romanzo di Roth. Il giovane Marcus che sta vivendo in modi così sofferti il tentativo di passaggio dall'adolescenza all'età adulta viene dipinto magistralmente nell'insieme delle sue relazioni con i genitori, con gli altri studenti e soprattutto con l'autorità (l'oscillazione nel rapporto soggetto-autorità è una costante nell'opera di Roth). Ma, rispetto a questo insieme splendidamente raccontato, c'è un vuoto eccessivo nella fase tra l'uscita dal college e la morte in Corea. Come se non contasse nulla, e quindi non meritasse di essere narrata, l'esperienza del protagonista quando, nel suo ciclo di riti di passaggio, avrebbe dovuto vivere anche quello dell'ingresso nel mondo militare negli ultimi mesi dell'amministrazione Truman. E invece è piuttosto evidente che il romanzo avrebbe avuto bisogno di pagine e pagine dedicate anche a quella esperienza, per cui resta questa specie di vuoto diegetico poco comprensibile.

  • User Icon

    CARMINE

    27/03/2014 23:54:17

    E' il primo romanzo che leggo di Roth ed è abbastanza consigliabile. Lo stile è semplice pur utilizzando ricche descrizioni negli stati d'animo e nei dialoghi, il romanzo scorre troppo velocemente senza tante frasi a stil di citazioni!! Roth nel personaggio Marcus tratta vari argomenti: la paura di morire in guerra, la voglia di scrollarsi di dosso paure e pregiudizi senza riuscirci, il primo sesso, il bigottismo e la repressione della società e della religione...tutto racchiuso come risposta nella parola vaffanc.. Personalmente il romanzo pecca di intensità..ma comunque meglio di altri romanzi moderni in voga nella librerie e nei social network!!

  • User Icon

    Chiara

    13/05/2013 14:06:31

    Le immagini scorrono chiare, fluide. Alcuni dialoghi risultano vividi e paiono uscire con veemenza dalle pagine. Un libro che consiglio. Consiglio per il tratteggio espanso ed egregio tra disciplina e liberta': disequilibri di una vita che portano a riflettere. Racconto che profuma di giovani scoperte, divise, inverni ed amare primavere... C.

  • User Icon

    angelo

    05/04/2012 23:05:40

    Ingredienti: un ragazzo irrequieto e non disposto a compromessi, un paese puritano dalle regole di ferro, il sogno di un futuro costruito con le proprie mani, il terrore di subire decisioni imposte da altri. Consigliato: a chi vuol tornare adolescente per rivivere gli anni della propria formazione, a chi cerca di far fiorire i propri sogni sul letame sparso da altri. Libro leggero come una farfalla, ma meditativo come un trattato filosofico

  • User Icon

    Carmine_76

    02/01/2012 14:24:41

    Primo libro di Roth letto, mi è piaciuto e lo consiglio sicuramente....

  • User Icon

    Paola

    26/08/2011 23:32:48

    E' il primo libro che leggo di quest'autore e mi e' davvero piaciuto molto.intenso,dinamico,profondo.

  • User Icon

    Guia

    31/07/2011 21:26:00

    Intenso, tumultuoso come i sentimenti di giovane adulto di Marcus e un po' amaro, come la vita. Bello.

  • User Icon

    robi

    31/07/2011 16:12:15

    Ennesimo capolavoro di uno dei migliori scrittori contemporanei. Una scrittura potente, un racconto cinico, struggente, dannatamente amaro. un finale memorabile.

  • User Icon

    EB

    22/04/2011 10:26:49

    Efficace e intenso. Lo stesso potenziale di 'Pastorale americana', benché concentrato entro i limiti di un racconto lungo. Peccato che questo potenziale non si sviluppi nelle dimensioni di quel gran romanzo che si limita solo a promettere.

  • User Icon

    elda

    21/04/2011 16:16:51

    Molto ben scritto, è un romanzo breve ed intenso che induce alla riflessione. Un libro tremendamente amaro che mi ha pervaso il cuore di una tristezza infinita. L'ho apprezzato ma non posso affermare di averlo amato.

  • User Icon

    Luca

    19/11/2010 16:36:30

    Roth è, semplicemente, Roth: capolavoro!

  • User Icon

    Nat

    18/07/2010 13:10:03

    Il primo (e non sarà l'ultimo) libro di roth che leggo. Per puro caso ascoltai un'intervista al direttore del corriere della sera che lo consigliò alla radio. Sono rimasto letteralmente estasiato da questo libro tanto da considerarlo il migliore che io abbia mai letto. E alla fine ammetto che mi sono anche emozionato. Lo consiglio davvero a chiunque e non vedo già l'ora di comprare un altro suo libro.

  • User Icon

    thereader

    02/06/2010 22:05:02

    Bellissimo. Da leggere con qualsiasi chiave di lettura si desideri (ovvero dal semplice gusto di leggere un romanzo all'andare ricercare significati secondari...)

  • User Icon

    Standbyme

    02/05/2010 13:38:58

    Quando si crede fermamente in un principio ci si spezza ma non ci si piega. Quanti avrebbero ceduto alle richieste del decano? Un piccolo sacrificio e le colpe sarebbero state mondate, il fronte non avrebbe avuto la sua vittima sacrificale. Marcus, dopo un epico scontro verbale con il decano -poche pagine che possono già essere considerate un classico della letteratura-, non accetta, caparbiamente, la conciliante proposta che gli viene rivolta e ribatte, parola su parola, le accuse che gli vengono rivolte con una ferrea logica. Che dire ancora; è già stato scritto tutto e di più dai tanti lettori, con capacità analitiche maggiori delle mie. Non riesco ad aggiungere altro, banale e scontato sarebbe utilizzare frasi fatte come: “un piccolo capolavoro”. “indimenticabile”, “un genio della moderna letteratura”, “il più grande scrittore vivente”. Mi limito ad assegnare il massimo dei voti.

Vedi tutte le 53 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione