Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Gli inganni di Pandora. L'origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica - Eva Cantarella - copertina

Gli inganni di Pandora. L'origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica

Eva Cantarella

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Feltrinelli
Collana: Varia
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 3 ottobre 2019
Pagine: 85 p., Brossura
  • EAN: 9788807492709

nella classifica Bestseller di IBS Libri Società, politica e comunicazione - Argomenti d'interesse generale - Problemi e processi sociali - Discriminazione sociale

Salvato in 279 liste dei desideri

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Venduto e spedito da IL LIBRO di DALLAVALLE SRL

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 3,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (11 offerte da 11,40 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Eva Cantarella illumina alcuni momenti di una vicenda lunghissima, che dal mito giunge ai medici e ai filosofi che hanno fondato il pensiero occidentale.

L’inferiorità di genere è un’idea antica. Una storia che comincia in Grecia con il mito di Pandora e arriva fino a noi.

Siamo abituati a pensare ai greci come alla culla della nostra civiltà: a loro dobbiamo l'idea di democrazia, la storiografia, la filosofia, la scienza e il teatro. Eppure di questa eredità fa parte anche il modo in cui consideriamo il rapporto tra i generi: un lascito che ha superato i secoli e i millenni con tracce che continuano a pesare sulle nostre vite come macigni. Nella nostra storia antica c'è stato un momento in cui la differenza tra il genere maschile e quello femminile si è trasformata nell'idea che le donne siano inferiori agli uomini e quindi in una serie di inevitabili, pesanti discriminazioni. Tutto comincia con un mito. Esiodo racconta la nascita della prima donna, mandata da Zeus sulla terra per punire gli umani della colpa commessa da Prometeo: rubare il fuoco agli dei per donarlo agli uomini, riducendo così la distanza che li separava dagli immortali. Pandora è "un male così bello" da essere un "inganno al quale non si sfugge". Rappresenta un'alterità incomprensibile agli uomini, tanto misteriosa da essere paragonabile solo alla morte. Da lei, dice Esiodo, discende "il genere maledetto, la tribù delle donne". Eva Cantarella illumina alcuni momenti di una vicenda lunghissima, che dal mito giunge ai medici e ai filosofi che hanno fondato il pensiero occidentale. Attraverso le voci di Parmenide, Ippocrate, Platone e Aristotele vediamo come la differenza di genere viene costruita e codificata, fino a diventare un pilastro dell'ordine sociale e della cultura giuridica greca. Scopriamo l'origine delle convenzioni sociali, delle teorie filosofiche e delle pratiche giuridiche che oggi ripropongono visioni 'essenzialiste' delle diverse identità personali". Conosciamo una parte molto antica di noi stessi e facciamo esperienza di un passato da cui finalmente possiamo prendere le distanze per realizzare il nostro futuro.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 8
5
5
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Liliana Fiscal

    17/05/2021 07:34:46

    Questo è un bel libro. Ci mostra la Grecia, non solo come centro di civiltà come la si conosce, ma come non la si conosce: nei riguardi delle donne e la rappresentante, pur non essendo Eva, è sempre sottoposta a un terribile antifemminismo, non solo culturale, ma anche sul piano legale.

  • User Icon

    Sam

    15/12/2020 08:57:50

    Eva Cantarella cerca di identificare l'origine della discriminazione di genere nella Grecia Antica. La Cantarella parte quindi dal mito di Pandora, che origina una iniziale netta separazione fra uomo e donna. Ed è così che da Pandora discende "il genere maledetto, la tribù delle donne". Dal mito, la questione di genere passa per la medicina e la filofia, per arrivare infine alla pratica: Eva Cantarella ci mostra come questa differenza di genere si traduca in una discriminazione di tipo sociale e giuridico per le donne e ci mostra alcuni esempi pratici dell'epoca. Risulta quindi interessante vedere questo aspetto ambivalente dei Greci, che da un lato ci hanno tramandato la bellezza e la grandezza del teatro, della storiografia, della filosofia e della democrazia, ma che dall'altro sono stati in grado di codificare e accettare una discriminazione di genere che è arrivata fino a noi. Come sempre, Eva Cantarella risulta estremamente chiara e comprensibile, mantiene alta l'attenzione del lettore e lo istruisce senza annoiare mai.

  • User Icon

    Beatrice

    15/05/2020 16:45:49

    Come è nato lo stereotipo dell’inferiorità femminile? Come è possibile spiegare il sorgere e l’imporsi nella mentalità del concetto di “differenza naturale”, e quindi intrinseca e non eliminabile, della donna, che ne avalla la subalternità rispetto al maschio? Eva Cantarella con questo esile ma straordinario volume fornisce una risposta a questi interrogativi attraverso il mito, i testi medici e filosofici, il diritto. Questo nuovo contributo prosegue un discorso iniziato nei magnifici precedenti saggi dell’autrice sull’universo femminile nell’antichità (L’ambiguo malanno, Passato prossimo, Itaca), ma nasce anche dall’urgenza di comprendere il persistere di idee e comportamenti a cui il nostro presente è ancora tenacemente e colpevolmente ancorato. Con la chiarezza che la contraddistingue da sempre, Cantarella indaga in modo critico l’eredità che ci viene dal mondo greco e dona ricchi spunti di meditazione.

  • User Icon

    mariaemme

    12/05/2020 05:15:46

    Ancora una volta la Cantarella ci stupisce per la sua incredibile cultura e acutezza. Forse un libro piu divulgativo rispetto agli altri ma comunque che vale la pena acquistare.

  • User Icon

    Felicia

    11/05/2020 19:52:54

    L'inferiorità di genere è un'idea antica. Una storia che comincia in Grecia con il mito di Pandora e arriva fino a noi.Avrete la conferma delle discriminazioni sociali e giuridiche perpetrate nei confronti delle donne e ne scoprirete delle nuove. Capirete i perché della strada in salita che tutte le donne da sempre devono percorrere.

  • User Icon

    Laura

    15/04/2020 16:00:25

    Eva Cantarella, una delle maggiori giuriste del mondo greco romano, ci regala una interessante riflessione sul ruolo della donna nell’epoca d'oro della Grecia attica e risponde alla domanda: qual era la condizione della donna greca, le era riconosciuto un ruolo sociale? La risposta purtroppo è negativa. La donna greca viveva reclusa in casa, non aveva voce in capitolo nemmeno nell’educazione dei figli, non riceveva nessuna educazione e i rapporti con il marito erano estremamente rarefatti, senza alcun sentimento, come lo intendiamo noi, e sempre e comunque in un’ottica riproduttiva. Le uniche che potevano assumere un ruolo socialmente riconosciuto erano le “etere”: prostitute d’alto bordo. Ricevano una vera e propria istruzione, volta ad intrattenere gli uomini nelle occasioni sociali, parlando di politica, filosofia, arte. Sapevano cantare e danzare. Un saggio interessante, che si legge velocemente, ricco di aneddoti e che ci mette di fronte alla fatica, sofferenza, dolore di cui è stata costellata la vita delle donne da sempre.

  • User Icon

    Sonia

    21/01/2020 07:05:05

    Pur nella brevità del testo, molti spunti interessanti si leggono con piacevolezza. Utile per capire da dove vengono tante disparità tra i generi ancora oggi presenti

  • User Icon

    Claudio Rapetti

    08/10/2019 16:51:01

    Eva Cantarella non delude mai: tutti i suoi testi sono divini e questo non differisce.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Eva Cantarella Cover

    Eva Cantarella ha insegnato Diritto romano e Diritto greco all’Università di Milano ed è global professor alla New York University Law School. Tra le sue opere ricordiamo: Norma e sanzione in Omero. Contributo alla protostoria del diritto greco (Milano 1979), Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico (Milano 1987, 2006), I supplizi capitali. Origine e funzioni delle pene di morte in Grecia e a Roma (Milano 1991, 2005), Il ritorno della vendetta. Pena di morte: giustizia o assassinio? (Milano 2007), I comandamenti. Non commettere adulterio (con Paolo Ricca; Bologna 2010), “Sopporta, cuore...”. La scelta di Ulisse (Roma-Bari 2010). Con Feltrinelli ha pubblicato numerosi saggi, alcuni di maggior divulgazione: Passato prossimo. Donne romane da Tacita... Approfondisci
Note legali
Chiudi