L' inquisizione spagnola

Helen Rawlings

Traduttore: G. Balestrino
Curatore: V. Lavenia
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 2 aprile 2008
Pagine: 199 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788815120892
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 7,56

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

La storia dell'Inquisizione ha conosciuto negli ultimi anni una vivacissima fortuna, in Italia e all'estero, con un dibattito critico che ha spesso rinnovato alla base l'approccio tradizionale. Numerosi sono ormai gli studi su aspetti specifici, mentre non mancano analisi approfondite delle tecniche inquisitoriali, descritte anche nei loro aspetti giuridici. Il volume dell'ispanista inglese Helen Rawlings, invece, offre un prezioso quadro d'insieme dell'influente istituzione iberica, corredandolo con apparati e documenti esemplificativi di grande efficacia didattica. Questo panorama, aperto da una rapida storia della critica, si sofferma innanzitutto sulla struttura del tribunale e sugli aspetti procedurali: fu infatti "l'efficienza della sua organizzazione e del suo apparato di controllo a far sì che l'istituzione durasse così a lungo". Si prendono poi in considerazione le battaglie dell'ortodossia contro gli ebrei, i "moriscos" e i protestanti, mettendo a fuoco tre momenti cronologici fondamentali nelle vicende del Santo Uffizio: strettamente legati alla storia politica spagnola ed esaminati nelle loro conseguenze economiche o culturali (si pensi ai provvedimenti di espulsione nel 1492 e nel 1609, o al rapporto fra il primo Indice del 1559 e "la vita intellettuale e religiosa del paese"). Il volume, dopo un accenno alle devianze religiose minori e alla stregoneria, descrive quindi la crisi del tribunale a partire dall'"avvento della dinastia dei Borbone, nel 1700", fino all'abolizione nel 1834: a questo periodo appartengono gli esercizi iconografici (e la decisa condanna) di Francisco Goya, che Rawlings opportunamente documenta. Il suo "bilancio storico", infine, invita a correggere la tradizionale "leggenda nera" dell'intolleranza spagnola, relativizzando in parte le responsabilità dell'Inquisizione. Rinaldo Rinaldi