L' insicurezza sociale. Che significa essere protetti?

Robert Castel

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 10 febbraio 2011
Pagine: XI-89 p., Brossura
  • EAN: 9788806206079

97° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Sociologia e antropologia - Sociologia

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Un senso d'insicurezza domina le nostre vite. Temiamo di venir aggrediti per strada o in casa. Paventiamo di perdere il lavoro, di non ottenere la pensione, di cadere malati senza poterci curare. È vero che le protezioni dalla violenza e dai rischi dell'esistenza sono ancor oggi più elevate di quanto non fossero un secolo fa. Accade però che ambedue i generi di protezione vengano oggi erosi da un'ideologia che attribuisce solo all'individuo la responsabilità dei suoi mali, e da un sistema produttivo che divide le persone - classificazione abbietta - in vincitori e vinti. Per accrescere la sicurezza materiale dei beni e delle persone, nota l'autore, bisogna difendere lo Stato di diritto. Per contrastare l'insicurezza dinanzi al futuro occorre salvare lo Stato sociale, dotandolo della capacità di far fronte alle contingenze generate dalla ipermobilità del lavoro e dall'anarchia dei mercati. A ricondurre entro limiti ragionevoli l'una e l'altra dovrebbe provvedere, potremmo aggiungere, lo Stato senza aggettivi." Luciano Gallino

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    David

    22/09/2005 20:56:32

    Questo libro mi ha salvato la vita! grazie a lui ho superato sociologia. Il libro e semplice all'inizio, ma gli ultimi due capitoli sono micidiali!

  • User Icon

    Elvincio dp

    12/11/2004 19:08:13

    Robert Castel come tutti i grandi pensatori non cerca una soluzione (utopica) al problema trattato, nella fattispecie l'insicurezza sociale. Si limita alla minuziosa analisi dei fattori dai qauli scaturisce tale insicurezza partendo dalle società premoderne in cui regnava il binomio protezione/subordinazione - fino a giungere alle società moderne il cui l'insicurezza è data dallo spostamento del cursore (infinito) della scala delle protezioni richieste dagli individui.Lo scopo di tutte le riflessioni di Castel è quello di rendere consapevole il lettore che non è possibile assicurarsi su qualcosa di inprevedibile, bisogna focalizzarsi più che altro sul compromesso tra stato di diritto e stato sociale.

Scrivi una recensione