Categorie
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: 347 p., Brossura
  • EAN: 9788804534082
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 8,25

€ 11,00

Risparmi € 2,75 (25%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    davide

    30/11/2014 23.47.54

    una buona storia..forse a tratti diventa stile Harmony..i personaggi sono descritti in modo elaborato..ma loro sono abbastanza vuoti..le decisioni sono prese più dagli eventi esterni che da una loro volontà.

  • User Icon

    Tiziana

    17/01/2014 14.31.33

    Piacevolissima lettura per una storia agrodolce scritta con profondità. Bianchini, pur col suo tono leggero e apparentemente spensierato, sa analizzare l'animo umano con maestria delineando la genesi e lo sviluppo di emozioni e sentimenti, traendone sintesi molto efficaci. Come in Io che amo solo te, anche qui il serio e il faceto vengono miscelati e osservati con occhio bonario, ma preciso e si finisce per affezionarsi a questi insopportabili trentenni che si comportano da adolescenti, ma scoprono la capacità di apprendere dalla vita e si riscattano dall'immaturità. Mi piace questo scrittore fresco e spontaneo, ma lucido e preciso, che sa alleggerire la tensione e i conflitti, sdrammatizza il dolore, ma valorizza tutte le sfaccettature dell'animo umano, rendendole più protagoniste dei personaggi stessi.

  • User Icon

    Ianì Valastro

    22/01/2012 10.40.47

    A me e' piaciuto molto, e' una storia divertente e poi...potrebbe capitare ad ognuno di noi, mai dire mai!

  • User Icon

    Luca

    14/11/2010 18.33.49

    Scritto in maniera piuttosto scorrevole, il libro si distingue sicuramente per una trama piuttosto originale e per nulla superficiale. Assolutamente consigliato!

  • User Icon

    Novella

    05/10/2010 09.18.38

    Molto bello,scorrevole,leggero ma non superficiale,l'ho letto tutto d'un fiato.Fa vedere l'amore come qualcosa d'istintivo e genuino.Il mio personaggio preferito?Sicuramente Rocco. Finale amaro,speravo in un lieto fine.

  • User Icon

    Stefano

    25/07/2009 00.20.19

    Ho finito il libro qualche giorno fa. Io l'ho trovato carino. Non capisco chi abbia la spasmodica necessità pseudo-intellettuale di denigrare qualcosa solo perchè è popolare e non ha la pretesa di essere una colonna della letteratura italiana. Bianchini ha scritto una storia leggera, coinvolgente e ironica. Nella vita c'è spazio per tutto: per i momenti di giovialità, per quelli più seri, per l'intensità e per le risate. Perchè negarsi la possibilità di attingere a ciascuno dei possibili ambiti per una pura e (per me) insensata aspirazione allo snobismo? Se volete continuate pure, ma evitate di farlo ai danni di gente come Bianchini che altro non fanno che fornire elementi funzionali ad una pluralità di idee.

  • User Icon

    Gennaio

    18/04/2009 23.54.56

    E'una visione originale e diversa di vedere un rapporto a tre. Mi è piaciuto anche se a volte ho trovato la scrittura un po'immatura, coraggio a questo scrittore venuto dal niente!

  • User Icon

    giacomo coniglione

    21/06/2008 16.11.15

    Il libro è scorrevole, come tutta la scrittura di Bianchini, anche se a tratti si ha quasi l’impressione di ascoltare la radio. Tante le citazioni, sia letterarie che non. Riesce a farsi leggere e ad incuriosire, pur non raccontando parabole inedite o imprevedibili. Il protagonista (Leonardo) è un riccone alla ricerca del senso della vita,che poi forse è l’amore: “Le grandi amicizie sono degli amori mancati” di una purificazione delle cose che lo circondano, di un raggio di sole di cui sarà investito solo all’ultimo capoverso. Ciò che mi ha ben impressionato della scrittura è che è calata nella contemporaneità, senza per questo cadere nella ridicolaggine di certi idiomi adolescenziali. Particolare l’uso dei discorsi diretti: rari, essenziali e ben evidenziati anche graficamente. Che sia una tangibile manifestazione di un malessere generazionale ossia dell’impossibilità o dell’inutilità stessa di confrontarsi dialetticamente con chi ci sta di fronte? Forse ci rimane come unica alternativa un soliloquio con quella che ci ostiniamo a chiamare “Coscienza”?: Quindi perchè perdere tempo a discutere? “Quando arriverai a chiederle:”Hai un altro?” il tradiemento sarà già stato consumato, perchè nella tua domanda c’è già la risposta"

  • User Icon

    Silvia

    15/03/2008 12.26.53

    Anche secondo me questo libro é iniziato bene ma poi é scemato con lo scorrere delle pagine. L'ho trovato piatto, con false emozioni. Peccato.

  • User Icon

    MAURO

    24/02/2008 22.37.32

    Devo dire che mi è piaciuto. La storia scorre in maniera abbastanza piacevole e le acrobazie amorose dei protagonisti tengono desta l'attenzione fino alla fine.

  • User Icon

    **archiSara**

    09/11/2007 14.49.16

    Solitamente leggo libri di vario genere, quindi non sono tra quelli che se un libro non è "di spessore" non lo ritiene tale...però devo dire che questo libro è abbastanza insignificante...Non mi ha trasmesso nulla, se non il rimpianto di averlo comprato! Lo sconsiglio...

  • User Icon

    Tommaso

    18/10/2007 15.47.05

    E'il terzo libro di Luca che leggo, dopo "se domani farà bel tempo" e il libro su Eros Ramazzotti (che però non ho gradito particolarmente), è carino anche questo anche se pecca magari di poca originalità ma, come al solito, l'autore riesce a farmi sorridere di gusto. Confermo un 6 e mezzo al buon Luca!!

  • User Icon

    Ale

    19/06/2007 08.48.59

    Scelto quasi per caso in libreria, questo romanzo è stato veramente una bella sorpresa: trama originale, ritmo coinvolgente e alcune battute davvero divertenti. Mi è dispiaciuto finirlo e dover lasciare i personaggi. Lettura consigliata per l'estate in arrivo.

  • User Icon

    mara

    21/11/2006 13.51.37

    con questo libro mi son divertita tantissimo sotto l'ombrellone...chiedo se qualc'uno ha libri da propormi simili a questo...grazie

  • User Icon

    Antonella

    15/06/2006 16.20.37

    Quando ho cominciato a leggere il libro ero entusiasta. Si leggeva bene, molto scorrevole, divertente. Poi a poco a poco l'entusiasmo si è spento. Mi sono resa conto che non ti dava nulla, nessuna emozione. Non condivido l'opinione di chi ne ha parlato positivamente e se siete fra quelli che, quando finiscono un libro, devono sentirsi arricchiti dentro, dico: "lasciate perdere"!

  • User Icon

    Dema

    07/06/2006 00.58.47

    "Vivere non pensare", "bevi bevi e tutto sarà più facile" e poi..."...perchè la mente non puoi ucciderla". Frasi che ti accompagnano x tutto il libro. Ho appena finito di leggerlo e tra un pò scriverò a Bianchini. Ma...allora è vera la storia che qualche volta per ritrovare se stessi bisogna partire???Finale sconvolgente...gelido e malinconico come lo stato d'animo che mi sta attraversando. Consiglio questo libro, per la storia...per la scrittura scorrevole e poi perchè Bianchini è tanta roba, ciao!!!!!!

  • User Icon

    roberta

    18/05/2006 18.10.02

    Davvero piacevole! Una storia nuova che scopri con un piccolo colpo di scena che stravolge completamente la trama che ti aspettavi!! E allora inizi a "divorare" il libro...

  • User Icon

    linda

    01/02/2006 11.41.47

    Ciao a tutti!! ho letto questo libro e sono rimasta affascinata dalla storia. A pensarci bene in fondo, può davvero succedere ad ognuno di noi! E poi è scritto in maniera veramente scorrevole ma soprattutto: ironica! Lo si può leggere tutto d'un fiato in pochissimi giorni.. pensando ad ogni fine lettura.. cosa succederà? Lo consiglio veramente a tutti!

  • User Icon

    Judge

    24/01/2006 21.14.02

    Libro davvero innovativo sull'amore! Colpisce il modo in cui tale sentimento è trattato... Le pagine scivolano che è un piacere! Il finale lascia un pò l'amaro in bocca!

  • User Icon

    Orl@ndo

    30/11/2005 17.22.39

    Mi sono divertito molto nel leggerlo. Però, oltre il divertimento è rimasto poco. Leggero e gigione, abile e un poco ruffiano, Bianchini ha composto un'opera prima davvero funzionante, accattivante, che tiene l'attenzione fino all'ultima pagina (non è poco, ed è per questo che ho dato un 3). Ma, come per altri romanzi di giovani scrittori(vedi "Generations of love" di Matteo B. Bianchi), ora attendo una seconda opera in cui l'autore si romanzi meno la vita e ci dia una prova più profonda e duratura. In fondo, è vero che si scrive solo di ciò che si conosce davvero, però è letterariamente troppo semplice tingere di romanzo una precoce autobiografia, no?

Vedi tutte le 25 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione